Connect with us
Pubblicità

Trento

Governo Renzi: nuovo attacco all’autonomia trentina

Le dichiarazioni del ministro Maria Elena Boschi, «Non è il momento propizio, ma sarei favorevole alla soppressione delle autonomie speciali» e del presidente del Piemonte Chiamparino, «In materia di Titolo V della Costituzione, si dovrebbe affrontare la questione delle regioni a statuto speciale, anche perchè, come dice il film di Alain Resnais, "La guerra è finita hanno scatenato la reazione delle istituzioni Trentine che hanno replicato in tempo reale anche a fronte di una nuova richiesta di 150 milioni di euro alla nostra autonomia.

Pubblicato

-

Le dichiarazioni del ministro Maria Elena Boschi, «Non è il momento propizio, ma sarei favorevole alla soppressione delle autonomie speciali» e del presidente del Piemonte Chiamparino, «In materia di Titolo V della Costituzione, si dovrebbe affrontare la questione delle regioni a statuto speciale, anche perchè, come dice il film di Alain Resnais, "La guerra è finita hanno scatenato la reazione delle istituzioni Trentine che hanno replicato in tempo reale anche a fronte di una nuova richiesta di 150 milioni di euro alla nostra autonomia.
 
«Che saremo stati vigili l'abbiamo detto fin dall'inizio, – ha replicato il presidente Rossi – come pure che il ritiro dei ricorsi sarebbe stato possibile solo se gli accordi presi fossero stati rispettati». Ugo Rossi, commenta l'iter di approvazione della legge di stabilitá, in relazione al contributo pattuito dalle due Province autonome e dalla Regione per il risanamento della finanza statale. 
 
«Sviste e mancati aggiornamenti di tabelle non aiutano certo ad evitare confusione e timori – spiega Rossi – ed ho espresso il mio disappunto al presidente del Consiglio dei ministri, Matteo Renzi anche su questa questione, oltre che per le dichiarazioni del ministro Boschi. Ho anche avuto modo di confrontarmi sul tema con i sottosegretari Delrio e Bressa e le rassicurazioni ricevute sono chiare: le divergenze di interpretazione o i mancati aggiornamenti delle bozze dell'accordo non sono da interpretarsi come fughe in avanti dello Stato». 
 
I rappresentanti del Governo confermano dunque la volontá di aderire perfettamente a quanto concordato lo scorso 15 ottobre. «Apprezzo quanto Delrio e Bressa mi comunicano – commenta Ugo Rossi – ed attendiamo ora che ciò si concretizzi nei fatti. Del resto,  l'intesa prevede espressamente che il ritiro dei ricorsi da parte delle due Province autonome avvenga solo una volta approvata la legge di stabilitá che, a sua volta, deve contenere i contenuti del Patto di garanzia. In altri termini, è chiaro che se quanto previsto nel patto non sarà garantito dalla legge di stabilità approvata, allora non ritireremo alcun ricorso».
 
Ma subito dopo aver saputo le dichiarazioni del ministro delle riforme su una possibile abolizione della nostra autonomia Ugo Rossi seccato aveva replicando usando ben altri toni, «le dichiarazioni del ministro Boschi sulle Regioni a statuto speciale ripropongono stanche litanie peraltro non veritiere né aggiornate. Il Trentino Alto Adige, proprio grazie all'Autonomia speciale sta facendo uno sforzo enorme ed altrettanto "speciale" per dare una mano al Paese»
 
Anche il presidente del consiglio Dorigatti – in una breve nota – aveva replicato al ministro Boschi, «Non è la prima volta e purtroppo non sarà l'ultima. Negli eleganti "think tank" della politica che pensa a un'Italia più moderna ed efficiente, si spaccia l'abolizione delle Regioni a statuto speciale come un fattore di modernità e di efficienza».
 
«Occorre una reazione ragionata e vigorosa a questo continuo stillicidio di attacchi rivolti anche al Trentino, perfino vicende come quelle dell'orsa Daniza dimostrano che c'è bisogno di lavorare sul piano dell'immagine esterna, per consentire agli italiani di capire che una terra di montagna come la nostra – dimostrando di sapersi amministrare da sola e senza chiedere denari allo Stato più di quanti ne versi all'erario – è uno straordinario modello da seguire per uscire dalla crisi, un fiore all'occhiello del sistema Paese. E non un privilegio da abbattere, perché muoia Sansone con tutti i filistei, perché il mal comune è già mezzo gaudio».
 
Bruno Dorigatti non esita a chiedere aiuto a tutti i partiti per salvaguardare in diritto aquisito: «E' una battaglia che va condotta in modo trasversale ai partiti, e affiancata al massimo sforzo necessario della delegazione parlamentare trentina, cui chiediamo di difendere senza nessuno sconto gli accordi con lo Stato appena rinnovati, evitando il rischio di ulteriori, rovinose pressioni sul bilancio provinciale. Che altro non sono se non la guerra all'autonomia speciale condotta con altri mezzi».
 
«Quale futuro ci si può aspettare quando il responsabile governativo alle Riforme si esprime in maniera così forte contro le Autonomie Speciali»? – si chiede invece il presidente della regione Moltrer. 
 
«In netta contraddizione con quanto affermato e garantito, – riporta una nota di Moltrer – nelle settimane scorse a Trento, dalla collega agli Affari regionali Maria Carmela Lanzetta in Presidenza del Consiglio regionale. Avanti tutta in ordine sparso? Credo che si dovrebbe avere una certa condivisione almeno d'intenti.
 
Quella che non è sfuggita, pochi giorni fa, al governo nell'Accordo con le province autonome di Trento e Bolzano, su soldi veri e non presunti. Perché gli accordi del governo degli ultimi anni chiedono ed ottengono sacrifici da parte delle Autonomie del nord. La riforma dello Stato richiede processi di approfondimento seri ed articolati, quelli che hanno costruito la nostra nazione». 
 
Critico anche Maurizio Fugatti della Lega Nord che «dimostrano quanto aleatorio per il futuro della nostra autonomia sia l'accordo sottoscritto a Roma dal Presidente Rossi».
 
«Un accordo che alla prima prova dei fatti rischia di essere non rispettato dal Governo Renzi, a meno che i 150 milioni non corrispondano al sacrificio del 10% che lo stesso accordo prevede in caso di grave situazione dei conti pubblici. Ma anche in questo caso sarebbe una beffa in quanto dimostrerebbe che quel 10% sarà applicato automaticamente in ogni finanziaria. Già questo rischio dovrebbe portare il Governatore Rossi a valutare molto attentamente se ritirare i ricorsi da 3 miliardi alla Consulta o meno; se poi aggiungiamo le parole del Ministro Boschi abbiamo un ulteriore motivo per riflettere ulteriormente sul ritiro di tali ricorsi» – conclude il segretario della lega nord
 

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità

Necrologi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Smart Working, verso sgravi contributivi per le aziende ed agevolazioni fiscali per i lavoratori
    Dal Governo si lavora a nuove regole per lo smart working post emergenza covid-19, tra queste la riduzione delle tasse in busta paga e sgravi per le imprese. Da luglio, Camera e Senato hanno presentato... The post Smart Working, verso sgravi contributivi per le aziende ed agevolazioni fiscali per i lavoratori appeared first on Benessere […]
  • Università, si allarga la no tax area: fino a 22 mila euro non si pagano le tasse
    Una delle novità anticipata dall’ex Ministro dell’università, Manfredi e concretizzata dall’attuale Cristina messa prevede ad allargare la no tax area per gli studenti universitari, comprendo i costi fino alla fascia reddituale di 22 mila euro.... The post Università, si allarga la no tax area: fino a 22 mila euro non si pagano le tasse appeared […]
  • Imprese, nuovi aiuti di Stato approvati dall’Unione europea: i dettagli
    Dall’Unione Europa arriva il via libera agli aiuti di Stato per le imprese italiane colpite economicamente dalla pandemia Covid-19. I gravi effetti economici causati dall’arrivo del Coronavirus stanno avendo ancora pesanti ripercussioni per le attività... The post Imprese, nuovi aiuti di Stato approvati dall’Unione europea: i dettagli appeared first on Benessere Economico.
  • Bonus pubblicità 2021, per le aziende un risparmio pari al 50% sugli investimenti pubblicitari effettuati: tutti i dettagli e le novità
    Anche quest’anno torna il bonus pubblicità per le aziende puntano su investimenti pubblicitari, con l’invio delle domande che partirà dal 1 fino al 31 ottobre 2021. Bonus pubblicità 2021 Per il 2021 -2022, il credito... The post Bonus pubblicità 2021, per le aziende un risparmio pari al 50% sugli investimenti pubblicitari effettuati: tutti i dettagli […]
  • Aumentano i prezzi della revisione auto, arriva il bonus veicoli sicuri
    Da novembre 2021 i costi di revisione delle auto aumenteranno. Decisione concordata dai Ministeri dell’Economia e della Mobilità Sostenibile. Dal 1 novembre aumenti prezzi revisione auto L’aumento che inizialmente sarebbe dovuto partire il 30 gennaio,... The post Aumentano i prezzi della revisione auto, arriva il bonus veicoli sicuri appeared first on Benessere Economico.
  • Contributi per palestre e discoteche: attivato un fondo da 140 milioni di euro
    Il Ministro dello Sviluppo economico, Giorgetti ha attivato un fondo pari a 140 milioni di euro a sostegno delle attività rimaste chiuse in conseguenza delle misure restrittive anti-Covid. In dettaglio Il fondo avvivato dal Ministero... The post Contributi per palestre e discoteche: attivato un fondo da 140 milioni di euro appeared first on Benessere Economico.
  • La nuova vita dei treni notturni, viaggiare sostenibile e comodo
    Dopo anni i treni notturni tornano di moda. Ultimamente infatti, in Europa hanno rincominciato ad essere più frequentanti e richiesti i treni notturni che permettono di spostarsi tra le principali città durante la notte, dormendo in un vagone dedicato. L’aumento della domanda rispetto a questo servizio è stata tale da spingere molte imprese ferroviarie a […]
  • Panchine giganti in Italia: la ricerca di un’incredibile esperienza
    Colorate, grandi e affacciate su panorami mozzafiato. Si parla delle Big Bench, ovvero delle panchine giganti, un fenomeno ideato dal designer americano Chris Bangle che nel giro di pochi anni si è diffuso in tutto il Bel Paese. Queste installazioni fuori scala, posizionati in piccoli luoghi di sconosciuta bellezza, cambiano la prospettiva del paesaggio, rendendo […]
  • Allargare le braccia e toccare due continenti: le splendide possibilità dell’Islanda
    Per molti, l’America è quel continente lontano ore ed ore di volo, ma sulla Terra esiste un luogo dove Europa ed America sono talmente vicine da essere toccate contemporaneamente, semplicemente allargando le braccia. Questo luogo pazzesco si trova in Islanda ed è considerato uno dei luoghi più spettacolari del mondo. La Silfra Fissure, patrimonio naturale […]
  • L’Italia e i boschi incantati: alla scoperta di fate, gnomi e folletti
    Ogni stagione con i suoi profumi e i suoi colori, invita qualsiasi escursionista ad esplorare la natura che, tra vegetazione ed alberi si mostra in tutto il suo splendore. In particolare, l’Italia è nota per essere una miniera di patrimoni artistici e culturali inestimabili capaci di scatenare la curiosità di grandi e piccini, con la […]

Categorie

di tendenza