Connect with us
Pubblicità

Arte e Cultura

Quotidiani disincanti

In "Quotidiani disincanti" si rappresenta lo stile del romanzo psicologico che trova nelle dinamiche ipocrite della media borghesia, raccontate da Orsingher con ferocia, dei cliché archetipici della società contemporanea. 

Pubblicato

-

In "Quotidiani disincanti" si rappresenta lo stile del romanzo psicologico che trova nelle dinamiche ipocrite della media borghesia, raccontate da Orsingher con ferocia, dei cliché archetipici della società contemporanea. 
 
Guido, il protagonista della storia, rappresenta una sorta di figurante felliniano attraversato dal cialtronismo tipico dell'Italia contemporanea, non privo di una complessità malinconica che attende uno sguardo benevolo benché privo di assoluzione.
 
L'autore intanto compone una colonna sonora alla narrazione, puntellata da citazioni musicali e atmosfere di formazione, mentre la sconfitta di una vita qualunque si compie impietosa. Abbiamo avuto il piacere di fare due chiacchiere con l'autore, Angelo Orsingher.
 
La vita di un uomo qualunque.. quanto pesa questo aspetto sull'esistenza del protagonista?
 
«Il ritratto che ho fatto di Guido, 50 anni, architetto, il protagonista del libro, è quello di un uomo insicuro, sempre alla ricerca di punti fissi. L’ho descritto come una persona che ha paura del futuro e dei sentimenti. Lui offre, promette, getta in cattiva luce la consorte pur di portare avanti un rapporto ambiguo. Nella storia ho fatto emergere le passioni e le contraddizioni che ci sono tra persone quando decidono di intrecciare una storia d'amore clandestina. Guido ha gestito una storia più grande di lui. L'ha coltivata, fatta crescere idealizzandola fino a diventarne succube».
 
Il protagonista del romanzo, a suo avviso, è lo specchio dell'uomo di oggi?

«Il romanzo racconta di uomini e donne… di rapporti che si stabiliscono quando l'estetica prevale sull'etica, quando le regole sono sospese a favore del tornaconto. Il libro racconta di perdita di certezze, perdita del valore del tempo che passa, perdita di dignità, perdita di futuro, perdita di equilibri stabili, perdita della capacità di pensare, perdita di principi, perdita di abitudini rassicuranti, perdita di ordine. Perdita di Sé. Tutte le storie clandestine producono malesseri, allontanano le persone nel momento in cui si crede di averle conquistate. Questo è senso del romanzo».

Parliamo del tuo romanzo nel cassetto? È pronto?
 
«Ho appena terminato un nuovo lavoro che è già all’attenzione di un editor per una pubblicazione che spero avverrà nei primi mesi del prossimo anno. Il titolo provvisorio è: “Aspetto quello che viene dopo”.
Questa è la sinossi: Alessandro lavora come fotografo in una nota casa di moda ma il suo sogno sarebbe quello di fare lo scrittore. Ha una storia con Cristina, giovane intraprendente, dinamica ed un po’ bizzarra che sta per finire gli studi di architettura. Il suo lavoro però lo porta a conoscere Benedetta, una modella, frizzante e spietata, bella da impazzire anche se piena di insicurezze, irrequieta ed instabile emotivamente.
 
Alessandro sta scrivendo un romanzo e quando si rende conto che Benedetta ha una storia con un cinquantenne s’immagina di vedere la storia che sta scrivendo proiettata su loro due. Costruisce così il romanzo a tal punto da confondere realtà con finzione.
 
Una serie di comportamenti, influenzati da riflessioni e dettagli, muovono la storia in una intricata catena di sovrapposizioni esistenziali che porteranno Alessandro a fare il Cammino di Santiago per ritrovarsi e per cercare nuovi stimoli per andare avanti».
 
Nei ringraziamenti, in fondo al tuo romanzo, uno in particolare è dedicato ai luoghi. Quanto pensi possano influire i luoghi sulla formazione dell'uomo e della sua psicologia? Nascere in una piccola valle o in una grande città. .. siamo davvero così diversi?
 
«La famiglia, gli affetti, gli incontri, i luoghi di provenienza, la musica che si ascolta, le letture che si fanno… tutto è concatenato. E’ difficile isolare singoli pezzi del nostro agire. Quotidiani disincanti è ambientato in Trentino perché a me risultava difficile pensare ad una storia senza collocarla in un determinato contesto. Per questo credo che il nostro modo di fare sia la logica derivazione del nostro vissuto».
 
Chi è Angelo Orsignher?
 
«Ho lavorato a scuola come direttore amministrativo (dsga) e adesso sono in pensione. Ho pubblicato nel 2012 per alice book Editore il romanzo “quotidiani disincanti”. Nel 2013 ho fatto il Cammino di Santiago, 900 km a piedi. E’ stata un esperienza straordinaria che ho utilizzato nel nuovo romanzo in uscita il prossimo anno. Sono un runner amatoriale e un discreto suonatore di chitarra. Ho fatto il sindaco del comune a Canal S. Bovo (Trentino) negli anni settanta ed ho avuto un esperienza come assessore al parco Paneveggio Pale di San Martino anni 2000. Ho fatto da coordinatore per una mostra ed un libro fotografico sulla Valle del Vanoi (Gruppo amanti del Vanoi cuore verde del Trentino). Un secondo romanzo “quelli eran giorni” ambientato negli anni Settanta (che racconta di un viaggio in India) è in attesa di editore».
 
Titolo:   Quotidiani disincanti
AutoreOrsingher Angelo
EditoreAliceBook
Pagine320

 
Valentina Zamboni
 
valentina.zamboni@live.it

PubblicitàPubblicità

Pubblicità
Pubblicità

Click to comment

You must be logged in to post a comment Login

Leave a Reply

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • “Glamping”: la nuova alternativa glamour e chic al campeggio
    La natura con la sua bellezza ha la straordinaria capacità di avere una forte reazione ed un effetto diretto sulle nostre emozioni invitando ogni anno molti viaggiatori a viverla appieno per migliorare i propri momenti di pausa dalla vita frenetica, attraverso una semplice passeggiata all ombra delle fronde di un bosco o meglio, trascorrendo un’intera […]
  • Profumi funzionali: in arrivo nuove fragranze per diminuire lo stress ed aumentare il benessere
    I ricordi e le emozioni sono unite da un profondo e stretto legame con l‘olfatto che lo rendono come il gusto, uno dei sensi più potenti e straordinari arrivando ad influenzare molte volte anche i nostri comportamenti. L’olfatto è quel senso che non solo riesce a collegare i ricordi, gli attimi e addirittura i sapori […]
  • Svizzera: dal 2020 il tragitto casa – lavoro viene considerato orario d’ufficio
    In metropolitana, in autobus o in treno: tutti i giorni durante il tragitto che da casa porta al lavoro si risponde a numerose telefonate, si inviano e ricevono sollecitazioni, informazioni o delucidazioni sia via mail che attraverso social riguardo gli impegni lavorativi della giornata e della settimana. Dal primo gennaio 2020, in Svizzera, il tragitto […]
  • “Cortex Cast”: il gesso del futuro direttamente dalla stampante 3D
    Il gesso è da sempre stato l’irritante, ingombrante e pesante compagno di molte convalescenze, accompagnando e terrorizzando per settimane milioni di persone in tutto il mondo. Molto presto tutto questo potrebbe diventare soltanto ricordo molto lontano; a rimpiazzare con notevole onore il vecchio gesso sarebbe “Cortex Cast”: un esoscheletro stampato in 3D, composto da nylon […]
  • Formaggella della Solidarietà: il Caseificio Val di Fiemme ed il successo del volontariato d’impresa
    Le aziende hanno diversi sistemi e modi per creare valore, ma soltanto uno riesce a generare opportunità ed importanza contribuendo con successo al benessere del territorio e della società: Il volontariato sociale d’impresa. Il Caseificio della Val di Fiemme è entrato e si è distinto in questo importante mondo, creando e dedicando ad ogni anno […]
  • Affitti troppo alti: Berlino impone con legge un tetto massimo ai prezzi
    In tutta Italia, le cifre da capogiro degli appartamenti in affitto colpiscono direttamente ragazzi, studenti universitari ed intere famiglie che, costretti a scontrarsi con le difficoltà lavorative e la mancanza di un capitale iniziale per acquistare una casa di proprietà, devono a ripiegare sull’appartamento in affitto. Nonostante le cifre improponibili, il profondo cambiamento della società […]
  • Bhutan: l’incredibile fascino del Paese più felice del mondo
    Incastonato tra le rocce dell’immensa catena montuosa Himalayana, tra Cina e India, la natura lascia spazio al piccolo ma affascinate Stato monarchico del Bhutan. Nonostante sia uno dei paesi più poveri dell’Asia, qui si registra il tasso di felicità più elevato di tutto il continente e l’ottavo nella classifica mondiale. Infatti, oltre agli incredibili paesaggi, […]
  • Mobili fonoassorbenti per eliminare i rumori da casa e dagli uffici
    Il rumore del traffico esterno, il calpestio proveniente dal piano superiore, la televisione del vicino a volume troppo alto: questi sono solo alcuni dei rumori che possono infastidire l’ambiente domestico. Il mercato offre moltissimi sistemi per ottimizzare, migliorare e molte volte eliminare il problema: dai blocchi di muratura, applicati sopratutto nelle nuove costruzioni, ai feltri […]
  • Stop agli oggetti smarriti: Google Tile aiuta a trovare le chiavi di casa
    Perdere oggetti e non riuscire più a ritrovarli è diventato un fenomeno talmente comune e frequente dall’essere d’ispirazione a numerose ricerche scientifiche per riuscire a determinarne le cause e i motivi. Secondo alcuni ricercatori, oltre allo stress e la fretta, sarebbero le attività inconsce ad allargare le possibilità di perdita. Infatti, senza volerlo spostiamo gli […]

Categorie

di tendenza