Connect with us
Pubblicità

Italia ed estero

Morire due volte: la tragedia degli orfani dell’Ebola

Di tutte le malattie che ho conosciuto, la solitudine è la peggiore”. Rispose così Madre Teresa alla domanda: “Qual'è la peggiore malattia che ha conosciuto?”. Oggi, in Africa occidentale, sono migliaia i bambini condannati alla solitudine.

Pubblicato

-

Pubblicità

Pubblicità

Di tutte le malattie che ho conosciuto, la solitudine è la peggiore”. Rispose così Madre Teresa alla domanda: “Qual’è la peggiore malattia che ha conosciuto?”. Oggi, in Africa occidentale, sono migliaia i bambini condannati alla solitudine.

O meglio, condannati all’isolamento: il virus Ebola ha portato via i loro genitori, e amici e vicini hanno troppa paura di rimanere contagiati per prendersene cura. Secondo le stime dei volontari sul campo, il numero di morti a causa della febbre emorragica corrisponde all’incirca al numero dei bambini rimasti senza mamma e papà. Si parla addirittura di 5.000 orfani.

La paura del contagio è talmente alta che, nei piccoli paesi e villaggi, i vicini arrivano a respingere gli orfani che sopravvivono. Il tutto in contrasto con l’antica usanza africana di prendersi cura di coloro che perdono la loro famiglia.

Pubblicità
Pubblicità

A tal riguardo, UNICEF ha reso nota la storia di due ragazzi nigeriani, di 17 e 21 anni. La madre, un’infermiera, è morta di Ebola. Ora i due giovani non possono nemmeno tornare a casa, perché bollati come una minaccia pubblica. E quando uno dei due ha provato a recarsi in chiesa, è stato aggredito dalla folla, che lo accusava di voler diffondere il virus.

Per i più piccoli, la situazione è addirittura peggiore. Incapaci di provvedere a sé stessi, spesso sono cacciati addirittura dai famigliari, troppo preoccupati di contrarre la malattia. E poco importa se gli orfani sono risultati negativi ai test per il virus.

E le cose non possono che peggiorare. L’Organizzazione Mondiale per la Sanità ha infatti previsto che, nei prossimi mesi, i casi giornalieri di persone che verranno infettate dal virus Ebola saliranno a 10.000 alla settimana.

Pubblicità
Pubblicità

Con un tasso di mortalità al 70%, un numero sempre maggiore di bambini perderà la sua famiglia e rischierà l’esclusione sociale.

Questi bambini appartengono solitamente alle famiglie più povere e dopo la morte dei genitori rimangono letteralmente senza niente. La loro famiglia è stata sterminata dal virus. Le loro case e i loro averi sono stati bruciati per la paura del contagio. E soprattutto: la gente ha paura di loro”, racconta Tom Dannat, dell’organizzazione benefica Street Child.

Missione di Street Child, come di altre organizzazioni benefiche impegnate a fronteggiare l’epidemia, è persuadere le comunità locali che questi bambini non sono necessariamente contagiosi e potrebbero essere accolti dalle famiglie sopravvissute, una volta trascorso il periodo di 21 giorni di quarantena.

In Africa occidentale c’è la consolidata tradizione di prendersi cura dei bambini di coloro che vengono a mancare. A tal riguardo, l’attività di sensibilizzazione può avere un ruolo decisivo. Possiamo persuadere la gente che questi orfani non rappresentano più un rischio dopo 21 giorni di isolamento. Ma ci vuole molta perseveranza”. Ciononostante, “Si cominciano a vedere i primi risultati e alcune famiglie hanno aperto la porta della loro casa a questi bambini”, dichiara Dannat.

La lotta contro l’Ebola non può quindi limitarsi ad azioni mirate a prevenire il contagio e curare coloro che sono stati colpiti dal virus. Anche chi sopravvive ha bisogno di essere aiutato. L’esclusione sociale è infatti una delle esperienze più dure per un essere umano. Si ritiene addirittura che possa avere sulla salute umana lo stesso impatto dell’obesità, del fumo e dell’alta pressione.

La lotta contro la marginalizzazione sociale può e deve essere vinta. Le comunità locali vanno educate in merito ai reali rischi di contagio. I parenti degli orfani vanno sostenuti e incoraggiati ad accogliere questi bambini nelle loro famiglie.

E le organizzazioni umanitarie impegnate sul campo vanno sostenute. Gli orfani dell’Ebola hanno già sofferto abbastanza quando hanno perso i loro genitori. Risparmiare loro il dramma dell’isolamento è un dovere morale.

Un appello che non può essere ignorato.

 

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
Piana Rotaliana2 minuti fa

Carenza idrica, a Lavis fontane a secco e l’invito a un uso corretto e razionale dell’acqua

Trento1 ora fa

Firmato in Provincia il nuovo accordo per il lavoro agile con le organizzazioni

Trento1 ora fa

Prorogata fino a fine anno la misura «rimborsi visite specialistiche»

Bolzano2 ore fa

Caldaro, violento schianto auto-moto: muore un motociclista

Trento2 ore fa

Coronavirus, salgono a 50 i pazienti ricoverati nelle ultime 24 ore

Alto Garda e Ledro3 ore fa

Piante avvelenate: l’amministrazione di Riva del Garda ha sporto denuncia

Arte e Cultura3 ore fa

Al Museo di San Michele l’inaugurazione della mostra fotografica «La contemporaneità della tradizione. Sguardi sulle comunità cimbra, ladina e mòchena»

Giudicarie e Rendena3 ore fa

Villa Rendena, motociclista scivola sull’asfalto e finisce nella scarpata: elitrasportato al Santa Chiara

Politica4 ore fa

Sondaggio Mentana: continua l’ascesa di Fratelli d’Italia. Profondo rosso per il M5S

Trento4 ore fa

Il sindaco: “Il raid in piazza Duomo opera di una persona malata”

Politica4 ore fa

Il PATT chiude definitivamente alla Lega

Alto Garda e Ledro5 ore fa

Alto Garda: celebrato il 78° anniversario «Martiri del 28 giugno»

Val di Non – Sole – Paganella5 ore fa

Salasso in bolletta a Borgo d’Anaunia, il sindaco Graziadei precisa: «Dispiace, ma il regolamento parla chiaro e abbiamo dovuto applicarlo»

Trento7 ore fa

Trentino Sviluppo, il valore della produzione sale a 25 milioni di euro

Piana Rotaliana7 ore fa

Ha aperto i battenti ieri il 26°Congresso dell’Associazione italiana di Oceanologia e Limnologia

Trento3 settimane fa

Coronavirus: 99 contagi nelle ultime 24 ore in Trentino. Calano i ricoveri

eventi3 settimane fa

Dal 17 al 26 giugno tornano a Trento le Feste Vigiliane

Trento2 settimane fa

Coronavirus: 267 contagi nelle ultime 24 ore in Trentino

Valsugana e Primiero3 settimane fa

Sbanda, va in contromano e rischia di scontrarsi con altre auto prima di entrare in statale – IL VIDEO

Alto Garda e Ledro3 settimane fa

Stop alla viabilità a Riva del Garda: si girano le scene di un film americano

Trento4 settimane fa

Coronavirus: 166 contagi nelle ultime 24 ore in Trentino

Politica2 settimane fa

Referendum, vittoria dei sì ma niente quorum. Amministrative: nei grandi comuni avanti il centro destra

Trento4 settimane fa

Coronavirus: 49 contagi nelle ultime 24 ore in Trentino con nessun positivo al molecolare

Telescopio Universitario3 settimane fa

UniTrento: da vent’anni il mondo fa tappa qui

Trento3 settimane fa

Attimi di paura alla stazione delle corriere di Trento!

Valsugana e Primiero2 settimane fa

Trovato morto in piscina Stefano Lorenzini di Levico Terme

Società4 settimane fa

L’impresa di Melissa Mariotti tra lavoro in Germania e progetti turistici in Valbrenta

Le Vignette di Fabuffa4 settimane fa

Il 51% degli adolescenti italiani non capisce un testo scritto. Una scuola che fa acqua da tutte le parti

Politica2 settimane fa

L’abbraccio mortale col PD affonda definitivamente il M5stelle

Italia ed estero3 settimane fa

Crolla un ponte sospeso durante l’naugurazione: 25 feriti – IL VIDEO

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza