Connect with us
Pubblicità

Italia ed estero

Crisi ucraina: tra Merkel e Putin cala il grande freddo

Il conflitto ucraino è ancora senza una soluzione politica”. Herman Van Rompuy, presidente uscente del Consiglio europeo, non usa mezzi termini per descrivere il risultato dei colloqui sulla crisi ucraina avvenuti a Milano, nel secondo giorno del vertice Asem.

Pubblicato

-

Il conflitto ucraino è ancora senza una soluzione politica”. Herman Van Rompuy, presidente uscente del Consiglio europeo, non usa mezzi termini per descrivere il risultato dei colloqui sulla crisi ucraina avvenuti a Milano, nel secondo giorno del vertice Asem.

Quella di Milano era un’occasione importante: Vladimir Putin, presidente russo, e Petro Poroshenko, il suo corrispettivo ucraino, faccia a faccia a discutere sullo stallo nel conflitto che sta lacerando l’Ucraina. E intorno a loro i maggiori leader europei.

Un’occasione da non perdere per il presidente russo: ormai escluso dal salotto buono della politica internazionale, Putin arrivava al vertice di Milano col disperato bisogno di trovare un compromesso accettabile, che gli permettesse di uscire dal revival della guerra fredda che lui stesso ha messo in scena.

Pubblicità
Pubblicità

Avrà pur annesso la Crimea e spaccato l’Ucraina, ma il presidente russo non può per ora certo considerarsi vincitore. Trema l’economia russa: l’inflazione avanza, il valore del rublo crolla, il prezzo del petrolio, asse portante della potenza economica del Cremlino, è ai minimi degli ultimi quattro anni. E banche e compagnie energetiche vacillano sotto i colpi delle sanzioni europee e americane.

Putin doveva tornare da Milano con un trionfo diplomatico. E alla vigilia tutto lasciava sperare in questo senso. Il presidente russo aveva lanciato infatti una serie di segnali distensivi: via i 17mila soldati russi dal confine con l’Ucraina e rinnovate promesse che Mosca non lascerà l’Europa senza gas nei mesi invernali. E poi il boccone più amaro di tutti: sì al faccia a faccia col rivale Poroshenko, condito dalla promessa di concessioni sull’accordo sul gas con l’Ucraina.

Ma qualcosa è andato storto. Putin è arrivato infatti con ampio ritardo all’incontro con Angela Merkel e questo ha infastidito non poco la cancelliera tedesca. “Ci sono stati dei dissidi”, così i comunicati diplomatici descrivono il colloquio tra i due capi di stato. In realtà, Merkel pare proprio aver esaurito la pazienza nei confronti dell’inquilino del Cremlino.

Pubblicità
Pubblicità

Dall’inizio della crisi ucraina, le relazioni tra i due leader sono andate via via deteriorandosi. Merkel, di fronte alla debolezza dei colleghi Hollande e Cameron, si è fatta carico di guidare sforzi diplomatici europei, e, almeno inizialmente, ha lavorato nell’ottica di una soluzione di compromesso.

In febbraio, con lo scoppio dei disordini in Crimea, Merkel lanciava ancora appelli alla cautela. “Con Putin bisogna dialogare”, questa la strategia iniziale della cancelliera. E intanto il presidente russo bruciava tutti sul tempo annettendo la Crimea e puntando dritto all’Ucraina dell’Est. Ora, forse, la leader tedesca rimpiange di non aver compreso prima i piani del collega russo.

Pubblicità
Pubblicità

Nei mesi successivi, la cancelliera è andata oltre il mero calcolo economico, che vede la Germania legata a doppio filo con la Russia, e si è trasformata in accesa sostenitrice delle sanzioni economiche contro Mosca. Scelta coraggiosa, che nasconde però una serie di insidie.

Che fare se Putin sfodererà l’arma del gas? Il già vacillante fronte europeo si scioglierà come neve al sole. Per non parlare dell’ipotesi di un’ulteriore penetrazione della Russia in Ucraina, o ancor peggio nei paesi baltici o in Moldavia. In tal caso, né Berlino né Bruxelles hanno in serbo un piano B.

È chiaro che tutti in Europa premono per un trattato di pace tra Mosca a Kiev, anche al costo di accettare che il conflitto in Ucraina resti congelato. In tal senso, l’impasse odierna è solo l’ennesimo segno della mancanza di una strategia di lungo periodo nell’affrontare la sfida lanciata da Mosca.

Nei prossimi sviluppi della crisi ucraina, la Germania continuerà a giocare un ruolo di prim’ordine. È perciò auspicabile che Merkel imprima un netto cambio di rotta alla politica estera del suo paese e dell’Unione tutta, coordinando lo sforzo dei vari paesi membri. Se ciò non dovesse accadere, Putin continuerà a coglierci di sorpresa.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Prima lo adotti poi raccogli i suoi frutti, a Milano nasce la Food Forest, la foresta edibile
    Oltre 2.000 tra piante, ortaggi, piante officinali, alberi, arbusti da frutto e da legno ospitati nel cuore dell’immensa città metropolitana di Milano, con l’obbiettivo di ristabilire il rapporto primitivo tra l’uomo e i prodotti che Madre Natura gentilmente offre. Questo, starà alla base della nuova Food Forest, la foresta edibile  che in autunno prenderà vita all’interno […]
  • Ponte Tibetano e Cascate di Saent: che bella la Val di Rabbi!
    Costruito nel 2016 sopra il torrente Ragaiolo in Val di Rabbi, il ponte tibetano è ormai diventato una tappa fissa per tutti coloro che amano la montagna e la Val di Rabbi. Costruito in ferro e con una pavimentazione di grate di ferro, il ponte tibetano è adatto a grandi e piccini grazie anche alle […]
  • Si allunga la lista delle preziose aree naturali del Pianeta: l’Unesco aggiunge altri 15 Geoparchi da tutelare
    Riconosciuto a livello internazionale come un territorio che possiede un patrimonio geologico particolare e una strategia di sviluppo sostenibile, il Geoparco deve comprendere un certo numero di siti geologici di particolare importanza in termini di rarità, qualità scientifica e rilevanza estetica o valore educativo per essere definito tale. In particolare, si tratta di aree in […]
  • Samsung lancia l’idea: Prevenire gli incidenti grazie ad un camion attrezzato con schermi LCD
    Visibilità azzerata, traffico intenso, grandi mezzi e sorpassi azzardati sono tutti problemi autostradali che potrebbero trovare soluzione grazie ad un “camion trasparente” con grandi schermi LCD: Un‘ idea tanto semplice quanto potenzialmente utile che potrebbe facilitare le manovre di sorpasso dei grandi mezzi riducendo i rischi di incidenti. L’idea è stata presentata da Samsung con […]
  • Trentino Wild Park: il parco avventura più grande d’Italia
    Affrontare situazioni che non appartengono alla vita normale percorrendo una realtà diversa da quella urbana, attraversando ponti tibetani, liane e guardando il bosco tra le chiome degli alberi, sono la base di un intrigante situazione, lontana dalla vita cittadina ma alternativa ad un classico tour. La possibilità di vivere forti emozioni e sentirsi veramente immerso […]
  • Perserverance, la missione Nasa in cerca di vita su Marte
    Fa parte della natura umana esplorare, conoscere e spingersi sempre oltre i limiti terrestri, fino a Marte ad esempio, diventata ormai una delle migliori alternative alla Terra. Trovare tracce di una vita passata o presente sul pianeta rosso, raccogliendo campioni di suolo e studiando la superficie di Marte. Questo è il motivo che ha spinto […]
  • Dalla Francia all’Italia:nel 2020 Il cinema estivo cambia forma e approda in acqua
    L’esigenza di migliorare sfruttando al meglio il nostro ambiente e il nostro territorio unito alla voglia di scongiurare l’arrivo di una prossima pandemia, ha spinto e obbligato molti organizzatori di eventi e molte aziende a ripensare gli spazi e quindi le attività dedicate al pubblico rispetto al distanziamento sociale. Dopo l’esperimento dal sapore vagamente vintage […]
  • Dall’America arriva lo “specchio della verità”, racconta quanto sei dimagrito e quanto sei in forma
    “Specchio spettro delle mie brame.”: iniziava così la celebre frase della matrigna di Biancaneve che intimava il suo specchio interrogandolo per assicurarsi ogni giorno il primato di più bella del reame nella nota favola. Se questa è la fantasia, uno strumento simile è ora disponibile anche nella realtà, dando un supporto concreto e mirato alla […]
  • Dall’amore per il bello alla passione per l’antico e il moderno: il mondo di Zanella Arredamenti
    Esistono alcuni luoghi agli angoli delle strade o nei piccoli borghi cittadini in cui la sola visita equivale sempre ad un’esperienza piena di ricordi, emozioni vissute e storia. Entrare in un negozio di antiquariato infatti, è un po’ come viaggiare nel tempo: scoprire un mondo di oggetti che non esiste più per qualcuno ma che […]

Categorie

di tendenza