Connect with us
Pubblicità

Arte e Cultura

Ebola, all’ombra di una pandemia?

E’ di dominio pubblico in tutto il mondo la disseminazione dell’Ebola dai paesi africani, quelli che si affacciano sul golfo di Guinea, ai paesi degli altri quattro continenti. 

Pubblicato

-

E’ di dominio pubblico in tutto il mondo la disseminazione dell’Ebola dai paesi africani, quelli che si affacciano sul golfo di Guinea, ai paesi degli altri quattro continenti. 

Cercando di andare oltre le notizie sensazionalistiche dei media, che presentano, come spesso succede, solo un aspetto degli eventi, cerchiamo di capire cosa sia l’Ebola e quali siano le cause principali che ne determinano una trasmissione cosi rapida e apparentemente inarrestabile.

L’Ebola è una malattia, causata da un virus EBV (Ebola Virus Disease), che si manifesta come una febbre emorragicamolto grave e letale. Vi sono altre malattie virali che si presentano con sintomatologia simile, di una febbre emorragica, come la Dengue e il Marburg, altrettanto pericolose e letali. Ricordiamo l’epidemia di Marburg nella Repubblica del Congo Democratico, che incontrollata invase paesi confinanti tra cui l’Angola, dove una medica pediatra del CUAMM, Maria Bonino, morì nel 2005, prestando il proprio aiuto nel tentativo di bloccare la disseminazione della malattia; o l’epidemia di Dengue a Cuba che causò nel 2006 migliaia di morti.

Pubblicità
Pubblicità

Il virus dell’Ebola è trasmesso dagli animali (primati, chirotteri, roditori) all’uomo, per poi essere trasmesso da uomo a uomo, attraverso i fluidi corporei; per proteggersi dal contagio con i pazienti è assolutamente necessario vestirsi con l’Equipaggiamento di Protezione Personale (EPP), seguendo protocolli di sicurezza molto complessi e sempre supervisionati da qualcuno che segua tutte le tappe durante la vestizione; la malattia presenta un tasso di mortalità del 50%, e già in passato sono state registrate altre epidemie con tassi di mortalità fra il 25% e il 90 %. Si può già percepire quale sia la sua pericolosità e l’attenzione che meriti in termini sanitari.

Ma che cosa è cambiato fra questa epidemia e le precedenti? Perché nelle precedenti epidemie non si sono mai registrati casi al di fuori dell’Africa? Perché, soprattutto, ad oggi, questo virus ha raggiunto gli USA, l’Europa e l’Australia? E’ forse diventato più aggressivo?

La prima epidemia di Ebola è stata registrata nella Repubblica Democratica del Congo nel 1976, con 318 casi e 280 morti (Tasso di mortalità 88%), in un’area remota e lontana da centri densamente abitati, caratteristica comuni a tutti i successivi episodi epidemici che si sono registrati da allora, ben 24 epidemie.

E’ proprio questo che è cambiato. La presente epidemiaha invaso non solo le aree rurali ma anche le capitali africane di Guinea e Liberia, per poi disseminarsi in Sierra Leone e Nigeria.

Ed è proprio questo il punto chiave di lettura per capire come sia potuto avvenire un cosi rapido contagio e disseminazione della malattia. Infatti, l’Ebola, pur essendo una malattia letale, è relativamente semplice da contenere e controllare, come ha dichiarato anche il Governo Americano, in risposta alla comune e crescente preoccupazione presente nel paese.

Solamente grazie alla più attenta osservazione di protocolli di sicurezza e di pratiche mediche controllate, come trattamento repentino dei casi, sorveglianza, servizi diagnostici di laboratorio capaci ed organizzati, trattamento idoneo dei decessi, mobilitazione comunitaria, si può evitare infatti la disseminazione del virus tra esseri umani. Tuttavia una tale organizzazione capillare non è spesso quella che si incontra nei paesi africani, dove al di là di limiti strutturali degli ospedali e dei servizi sanitari in genere, esistono anche barriere culturali, spesso forti, quando si tratta di dover seppellire i propri cari.

Da qui la rapida ed incontrollata, a tuttora, disseminazione del virus in questi paesi, dove l’improvviso ingresso del virus in centri cosi altamente e densamente popolati e impreparati dal punto di vista sanitario, ha causato una trasmissione rapida con un cosi alto numero di casi, che infelicemente è destinato a crescere.

Un altro importante fattore di questa equazione è stata la tardiva risposta da parte della comunità internazionale, che ha impiegato troppo tempo nel riconoscere le vere dimensione di una tale minaccia. Al momento le uniche nazioni impegnate attivamente in Africa sono gli Stati Uniti d’America e il Regno Unito, che attraverso l’invio di truppe e personale medico e paramedico, sta organizzando un sistema di contenimento. Tuttavia l’Unione Europea al momento non si è ancora unita a tale azione di supporto internazionale.

Ora la domanda cui tutti vorrebbero avere una risposta è il reale rischio per noi di contrarre la malattia. Tutti i casi registrati sinora in Europa ed negli Stati Uniti sono stati di persone che per motivi di lavoro o volontariato internazionale provenivano da quei paesi o già con una diagnosi di Ebola confermata o con la malattia in fase di incubazione.

In alcuni casi inoltre non sono state osservate le dovute misure di sicurezza negli aeroporti, permettendo l’ingresso del virus.

La successiva catena di contagi è avvenuta per la diagnosi tardiva o per mancato rispetto dei protocolli di sicurezza. La reale possibilità di un contagio così disseminato, da interessarci personalmente è al momento molto remota.

L’Ebola, infatti, è una minaccia globale nella misura in cui si permette che lo sia. Le parole chiave per porre un arresto alla trasmissione del virus sono infatti il coinvolgimento delle Organizzazione Internazionali, per aiutare i paesi africani a diagnosticare rapidamente i casi, diminuendo il tempo fra infezione e trasmissione; a organizzare e cambiare rapidamente le comuni pratiche ospedaliere; a supportare e aumentare il potere diagnostico dei laboratori; a cambiare usi e costumi nelle popolazioni attraverso la sensibilizzazione comunitaria.

Tali interventi preventivi possono porre fine alla catena di trasmissione in Africa.

Medici senza Frontiere aveva segnalato a marzo di quest’anno il pericolo della presente epidemia, ma purtroppo nessuno ha prestato ascolto; si pensi solo che l’OMS, Organizzazione Mondiale della Sanità, solo l’8 Agosto 2014 ha dichiarato la presenta epidemia un’Emergenza Sanitaria Pubblica di importanza globale.

Il contagio avviene molto rapidamente, tanto che i tassi di contagio aumentano ciclicamente in modo esponenziale, a tal punto che il CDC, Center for Disease Control, di Atlanta ha fatto una previsione di 1,2 milioni di casi per gennaio 2015. Per vincere l’Ebola è assolutamente necessaria la cooperazione nell’aiutare i paesi africani a fare fronte a questa malattia che in quei luoghi può veramente causare un enorme numero di morti.

Ivan Alejandro Pulido Tarquino – Specialista in Malattie Tropicali

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • “Glamping”: la nuova alternativa glamour e chic al campeggio
    La natura con la sua bellezza ha la straordinaria capacità di avere una forte reazione ed un effetto diretto sulle nostre emozioni invitando ogni anno molti viaggiatori a viverla appieno per migliorare i propri momenti di pausa dalla vita frenetica, attraverso una semplice passeggiata all ombra delle fronde di un bosco o meglio, trascorrendo un’intera […]
  • Profumi funzionali: in arrivo nuove fragranze per diminuire lo stress ed aumentare il benessere
    I ricordi e le emozioni sono unite da un profondo e stretto legame con l‘olfatto che lo rendono come il gusto, uno dei sensi più potenti e straordinari arrivando ad influenzare molte volte anche i nostri comportamenti. L’olfatto è quel senso che non solo riesce a collegare i ricordi, gli attimi e addirittura i sapori […]
  • Svizzera: dal 2020 il tragitto casa – lavoro viene considerato orario d’ufficio
    In metropolitana, in autobus o in treno: tutti i giorni durante il tragitto che da casa porta al lavoro si risponde a numerose telefonate, si inviano e ricevono sollecitazioni, informazioni o delucidazioni sia via mail che attraverso social riguardo gli impegni lavorativi della giornata e della settimana. Dal primo gennaio 2020, in Svizzera, il tragitto […]
  • “Cortex Cast”: il gesso del futuro direttamente dalla stampante 3D
    Il gesso è da sempre stato l’irritante, ingombrante e pesante compagno di molte convalescenze, accompagnando e terrorizzando per settimane milioni di persone in tutto il mondo. Molto presto tutto questo potrebbe diventare soltanto ricordo molto lontano; a rimpiazzare con notevole onore il vecchio gesso sarebbe “Cortex Cast”: un esoscheletro stampato in 3D, composto da nylon […]
  • Formaggella della Solidarietà: il Caseificio Val di Fiemme ed il successo del volontariato d’impresa
    Le aziende hanno diversi sistemi e modi per creare valore, ma soltanto uno riesce a generare opportunità ed importanza contribuendo con successo al benessere del territorio e della società: Il volontariato sociale d’impresa. Il Caseificio della Val di Fiemme è entrato e si è distinto in questo importante mondo, creando e dedicando ad ogni anno […]
  • Affitti troppo alti: Berlino impone con legge un tetto massimo ai prezzi
    In tutta Italia, le cifre da capogiro degli appartamenti in affitto colpiscono direttamente ragazzi, studenti universitari ed intere famiglie che, costretti a scontrarsi con le difficoltà lavorative e la mancanza di un capitale iniziale per acquistare una casa di proprietà, devono a ripiegare sull’appartamento in affitto. Nonostante le cifre improponibili, il profondo cambiamento della società […]
  • Bhutan: l’incredibile fascino del Paese più felice del mondo
    Incastonato tra le rocce dell’immensa catena montuosa Himalayana, tra Cina e India, la natura lascia spazio al piccolo ma affascinate Stato monarchico del Bhutan. Nonostante sia uno dei paesi più poveri dell’Asia, qui si registra il tasso di felicità più elevato di tutto il continente e l’ottavo nella classifica mondiale. Infatti, oltre agli incredibili paesaggi, […]
  • Mobili fonoassorbenti per eliminare i rumori da casa e dagli uffici
    Il rumore del traffico esterno, il calpestio proveniente dal piano superiore, la televisione del vicino a volume troppo alto: questi sono solo alcuni dei rumori che possono infastidire l’ambiente domestico. Il mercato offre moltissimi sistemi per ottimizzare, migliorare e molte volte eliminare il problema: dai blocchi di muratura, applicati sopratutto nelle nuove costruzioni, ai feltri […]
  • Stop agli oggetti smarriti: Google Tile aiuta a trovare le chiavi di casa
    Perdere oggetti e non riuscire più a ritrovarli è diventato un fenomeno talmente comune e frequente dall’essere d’ispirazione a numerose ricerche scientifiche per riuscire a determinarne le cause e i motivi. Secondo alcuni ricercatori, oltre allo stress e la fretta, sarebbero le attività inconsce ad allargare le possibilità di perdita. Infatti, senza volerlo spostiamo gli […]

Categorie

di tendenza