Connect with us
Pubblicità

Trento

Trentino Trasporti esercizio: gli autisti devono lavorare di più

Trentino trasporti esercizio disdice parte del contratto di secondo livello del servizio urbano di Trento e Rovereto, relativamente all'ipotesi di accordo che era stata raggiunta con il sindacato qualche mese fa, e che i lavoratori non avevano successivamente validato con apposito referendum.

Pubblicato

-

Trentino trasporti esercizio disdice parte del contratto di secondo livello del servizio urbano di Trento e Rovereto, relativamente all'ipotesi di accordo che era stata raggiunta con il sindacato qualche mese fa, e che i lavoratori non avevano successivamente validato con apposito referendum.

La decisione di procedere all'invio delle lettere di disdetta è stata illustrata oggi dalla presidente Monica Baggia, nel corso di una conferenza stampa alla quale sono intervenuti anche il direttore generale Mauro Allocca, l'assessore alla mobilità del comune di Trento Michelangelo Marchesi e, in rappresentanza dell'assessorato provinciale ai trasporti, il dirigente Roberto Andreatta.

"Trentino Trasporti Esercizio – spiega la presidente Baggia – è una società in house che può erogare il servizio, in regime di affidamento diretto, qualora segua le indicazioni del Comitato di indirizzo, all'interno del quale siedono i rappresentanti di Provincia autonoma di Trento e Comuni,  in merito alla qualità del servizio ed ai criteri di efficienza ed economicità dello stesso. Ciò sia perché il quadro della finanza locale richiede un sempre maggiore contenimento dei costi, sia perché l'affidamento diretto deve essere motivato, in caso contrario il rischio è che esso possa essere contestato dagli organi di giustizia amministrativa.

Pubblicità
Pubblicità

Assieme ai sindacati avevamo individuato una ipotesi di efficientamento che avrebbe portato ad una riduzione dei costi di esercizio senza ridurre il servizio e senza toccare organici e retribuzioni. Si era deciso in sostanza di agire sulla produttività dei singoli. Il referendum aziendale con il quale l'ipotesi di accordo era stata sottoposta ai lavoratori non ha però raggiunto il quorum.

Ci vediamo pertanto costretti a ritornare al punto di partenza, e quindi a disdire gli accordi in essere, sui quali avevamo lavorato, fermo restando che confermiamo la disponibilità a un nuovo confronto sindacale e l'ipmpegno a raggiungere gli obiettivi che ci sono stati affidati dagli enti concedenti".

La trattativa per quanto concerne i servizi urbani riguarda circa 300 autisti, 249 a Trento e una cinquantina a Rovereto, e si inquadra nel previsto spostamento della sede aziendale di Trento dalla sede di via Marconi a quella di via Innsbruck.

Vediamo di riepilogare brevemente i termini della vicenda.

Lo scorso luglio la Provincia autonoma di Trento ha affidato con delibera di Giunta a Trentino trasporti esercizio S.p.A., società in house, il servizio ferroviario, da esercitarsi sulla Ferrovia Trento-Malè e, in quota parte sulla Ferrovia Valsugana, e i servizi di trasporto extraurbani su gomma, fino al 30 giugno 2019.

In attesa che anche i Comuni soci possano deliberare il riaffido dei servizi urbani, con la delibera in questione è stata ribadita la necessità di procedere ad un efficientamento dell’azienda, sia per motivare l'affido diretto dei servizi alla società, sia per il quadro generale presentato dalla finanza locale, che, come noto, sollecita un contenimento dei costi dei servizi.

L'ipotesi di accordo raggiunta dall'azienda con i sindacati non ha trovato successivamente conferma referendaria da parte del personale viaggiante, poiché il quorum necessario non è stato raggiunto. La proposta prevedeva di intervenire sull'organizzazione dei turni di servizio e sull'istituto dei cosiddetti 24 minuti, risalente agli anni '70, ovvero all'epoca del passaggio del personale viaggiante da due unità a una (come si ricorderà, oltre all'autista era presente anche sull'autobus urbano un bigliettaio).

L'istituto, in sintesi, prevedeva che, rispetto ad un turno di 6,50 ore, la retribuzione venisse calcolata su 7 ore e 14 minuti (in pratica, comprendendo nel calcolo 24 minuti non lavorati). Sui 24 minuti l’ipotesi di accordo prevedeva la retribuzione di 10 minuti e l'effettuazione della prestazione lavorativa per tutti e 24 i minuti.

La Società si trova ora costretta a procedere al previsto efficientamento sia dei servizi urbani che del servizio extraurbano in via unilaterale secondo modalità giuridicamente percorribili. L’intento comune di Enti concedenti e Trentino trasporti esercizio rimane quello di mantenere inalterato il livello dei servizi erogati sia in termini di qualità che quantità, procedendo a richiedere una maggiore produttività al personale per consentire il necessario contenimento dei costi di gestione.

In sostanza, è stato ribadito nel corso della conferenza stampa, non si tratta di ridurre le retribuzioni, ma di richiedere una maggiore prestazione all’interno dei turni di lavoro, lasciando sostanzialmente inalterati i limiti fondamentali dell’esercizio. 

La Società ha proceduto pertanto ad inoltrare alle competenti organizzazioni sindacali lettera di disdetta contrattuale riferita agli istituti propri della contrattazione di secondo livello del Servizio Urbano di Trento e Rovereto, oggetto della precedente ipotesi di accordo.

È intenzione inoltre dell’Azienda procedere ad una revisione dei turni di lavoro, sia pure in misura limitata, al fine di contenere i costi derivanti dal futuro trasferimento degli autobus urbani dalla vecchia sede di via Marconi di Trento all’attuale sede di via Innsbruck.

Per quanto concerne il servizio extraurbano sarà elaborato un piano industriale di efficientamento della rete di trasporto. Nel perseguimento degli obiettivi posti permane la disponibilità aziendale ad un nuovo confronto sindacale.

Pubblicità
Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Che Pasqua sarebbe senza la torta di carote?
    Conosciuta negli Stati Uniti come “Carrot Cake”, la torta di carote e noci è sicuramente uno di quei piatti che tuti dobbiamo assaggiare almeno una volta nella vita. E quale periodo può essere il più adatto, se non le vacanze di Pasqua? Adorata da grandi e piccini, in realtà, la torta di carote non ha […]
  • Dalla città al bosco: Gli incredibili benefici di vivere con la natura
    Nelle città le persone vivono in condizioni artificiali, più o meno distanti da tutto ciò che sarebbe ideale per loro, circondati da un paesaggio interamente costruito caratterizzato da luci, folla e rumore, in cui tutto richiede scelte, decisioni e velocità. Nonostante la vita urbana comporti in sé anche numerosi vantaggi, sempre più persone tendono ad […]
  • Scuole chiuse e Coronavirus: Carabinieri consegnano i libri a casa
    Da qualche settimana sono in atto i severi controlli lungo le strade e nei centri città di tutta Italia da parte delle forze dell’ordine per il rispetto delle prescrizioni imposte dal Governo per il contenimento della diffusione del Covid – 19. In particolare, i Carabinieri della Provincia di Sondrio, oltre a sorvegliare gli automobilisti e […]
  • Plasma dei pazienti guariti per guarire dal Coronavirus: la prima sperimentazione a Pavia
    Ogni giorno da settimane ormai, la Protezione Civile oltre a citare i nuovi casi positivi da Coronavirus, comunica anche il numero ultimamente sempre più crescente delle persone guarite dal Covid- 19. Avendo la consapevolezza che il vaccino è ancora lontano e in fase di sperimentazione, fino ad ora le cure adottate negli ospedali italiani, si […]
  • Coronavirus: gli italiani si aiutano con la “spesa sospesa”
    Le giornate difficili che l’Italia sta percorrendo, vengono straordinariamente vissute e affrontate con spirito di comunità da tutto il Paese, sia attraverso donazioni di privati ed aziende per alleggerire il carico economico della sanità, sia attraverso particolari iniziative solidali per aiutare le famiglie che si trovano in maggiore difficoltà. La nuova frontiera della solidarietà fonda le […]
  • Da Valentino ad Armani: la moda italiana unita contro il Coronavirus
    In un momento in cui tutte le attività commerciali ed economiche del Paese risultano paralizzate, sono molte le iniziative solidali per fronteggiare la difficile situazione causata dall’epidemia sanitaria. Da Valentino a Gucci fino ad Armani: ora, anche i grandi nomi del mondo della moda, uniti da obbiettivi comuni, hanno deciso di reagire mobilitandosi per lavorare […]
  • Ricette di Pasqua: golosità per grandi e piccini
    Per non passare le giornate nella noia, lavorando o cercando di far passare il tempo ai bambini, sul web sono presenti moltissime ricette adatte a chiunque abbia voglia di passare un pomeriggio in cucina, divertendosi e magari senza dimenticare di mostrare un pizzico di spirito pasquale! ARANCINI PROSCIUTTO E MOZZARELLA Con il fritto sta bene […]
  • Torino: l’evento è annullato, ma la primavera regala i 100 mila protagonisti
    Da nord a sud l‘effetto del Coronavirus in Italia e, quindi, delle misure restrittive adottate dal Governo per contenere la pandemia, mostrano intere città, strade, paesi e stazioni completamente deserte, costringendo a casa milioni di persone e lasciando la primavera l’unica ad essere libera di proseguire indisturbata il suo naturale percorso. Come molte attività commerciali, […]
  • Ricette di Pasqua semplici e veloci, da fare in compagnia!
    Pasqua si avvicina e, molto probabilmente, in questo 2020 non ci saranno grandi ritrovi tra amici e parenti. Tuttavia, questo non è un valido motivo per impigrirsi e non cucinare niente di particolare. Soprattutto in queste giornate, per chi ha dei figli piccoli la vita non è proprio semplice: come far passare, quindi, il tempo […]

Categorie

di tendenza