Connect with us
Pubblicità

Italia ed estero

La Commissione della discordia: Il parlamento europeo si spacca sui nomi dei nuovi commissari

Gli esami non finiscono mai. Anche per i futuri commissari dell'Unione Europea. Il Parlamento europeo ospita infatti in questi giorni le audizioni dei 28 candidati designati dagli stati membri per entrare a far parte della nuova Commissione Ue.

Pubblicato

-

Pubblicità

Pubblicità


Gli esami non finiscono mai. Anche per i futuri commissari dell’Unione Europea. Il Parlamento europeo ospita infatti in questi giorni le audizioni dei 28 candidati designati dagli stati membri per entrare a far parte della nuova Commissione Ue.

In questa sorta di “test di ingresso”, cinque di loro sono già stati rimandati. Studenti impreparati o ostaggi dello scontro tra socialisti e popolari? Il patto tra i due maggiori azionisti della grande coalizione europea sembra già vacillare.

Il britannico Jonathan Hill, commissario designato ai servizi finanziari, è stato il primo in ordine di tempo a non ottenere il disco verde dei deputati europei. La sua audizione, nel primo pomeriggio di mercoledì, non ha infatti convinto. Numerose perplessità sono state sollevate in merito al suo passato da lobbista e alla sua presunta vicinanza alla City di Londra.

Pubblicità
Pubblicità

Mettere Hill alla finanza, sarebbe come mettere una volpe alla guardia del pollaio”, questo il commento di chi si oppone alla sua candidatura. A Hill saranno quindi inviate ulteriori domande scritte, e poi la conferenza dei presidenti deciderà se sottoporlo a una nuova interrogazione in Aula.

È stata poi la volta dell’ungherese Tibor Navracsics e della ceca Věra Jourová. Il primo, designato alla cultura, è in difficoltà soprattutto per il suo sostegno incondizionato al modello di “democrazia illiberale” del primo ministro ungherese Viktor Orbán.

Poco convincente è stata pure l’audizione della Jourová, designata a giustizia, consumatori e uguaglianza di genere. Di conseguenza, sia lei che Navracsics dovranno fornire per iscritto ulteriori chiarimenti su diversi temi rilevanti del loro portafoglio.

Pubblicità
Pubblicità

Ma le audizioni più contestate sono state quelle del candidato spagnolo, Miguel Arias Cañete, e del candidato francese, Pierre Moscovici.

Cañete, popolare, è stato messo sotto torchio da tutti gli schieramenti, eccetto il suo. Possessore fino a pochi giorni fa di azioni delle società Petrolifera Ducar e Petrologis Canarias, lo spagnolo vede sempre di più allontanarsi la possibilità di diventare commissario. Si è allargato infatti il fronte di coloro che giudicano i suoi legami con l’industria petrolifera come incompatibili con il portafoglio che andrà a gestire. La decisione è rimandata alla prossima settimana.

Non se la passa meglio il socialista Moscovici, commissario designato agli affari economici, finito ieri sotto il fuoco incrociato di liberali e popolari. La sua colpa? Essere stato ministro delle finanze francese. In termini di politiche economiche, la Francia ha infatti profondamente deluso gli altri stati membri per la sua incapacità di tenere fede alle promesse.

A tal riguardo, il governo francese ha dichiarato proprio a inizio settimana che anche nel 2015 il disavanzo del paese supererà il 3% del PIL, tetto massimo fissato dagli accordi europei. E poco conta se Moscovici si affanna a ripetere: “Non ho fatto deroghe come ministro e non le farò come commissario. Ho sempre rispettato le regole e le farò rispettare”.

Quelle di rispettare il Patto di Stabilità e di progredire nelle riforme strutturali sono belle parole. Ma solo le azioni contano”, replica Burkhard Balz per i popolari. E in tal senso, Moscovici, durante la sua esperienza da ministro delle finanze francese, pare aver dimostrato di essere troppo distante dai dettami dell’austerità. Ed è così che, entro domenica, anche lui dovrà rispondere per iscritto ad altre domande.

Ma come andranno a finire queste audizioni? Il tiro al piccione generalizzato sta mettendo a repentaglio la tenuta della grande coalizione tra popolari, socialisti e liberali, nonché complicando enormemente il compito del nuovo presidente della Commissione Jean Claude Junker.

Di fronte al rischio concreto di implosione della grande coalizione, Martin Schulz, presidente del Parlamento europeo, ha fatto sapere che Moscovici sarà confermato solo settimana prossima, contestualmente alla chiusura del dibattito sulla candidatura di Cañete.

È probabile quindi che l’intera vicenda si concluda con un compromesso tra le varie forze politiche e che tutti i commissari designati siano confermati. Il boccone amaro sarà ingoiato: popolari e liberali accetteranno i candidati socialisti e i socialisti faranno altrettanto con i candidati popolari e liberali, anche se li ritengono impresentabili.

Questo è il prezzo politico della grande coalizione.

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
Italia ed estero7 ore fa

Auto si schianta contro il muro, si ribalta e prende fuoco: due morti e due feriti gravi

economia e finanza8 ore fa

Pensplan: oltre 280 mila posizioni presso i fondi pensione istituiti in Regione

Val di Non – Sole – Paganella8 ore fa

Studenti qualificati e diplomati all’UPT di Cles: ecco l’elenco

Val di Non – Sole – Paganella9 ore fa

Pellizzano vince il Bando borghi del Pnrr puntando sulla frazione di Termenago

Val di Non – Sole – Paganella9 ore fa

Carenza idrica, Andalo fa la sua parte

Giudicarie e Rendena10 ore fa

Ponte dei Servi: finisce a terra con la moto, 56 enne finisce in ospedale

Vita & Famiglia10 ore fa

Usa. Storica decisione contro sentenza sull’aborto. Pro Vita: «ora tocca all’Italia»

Val di Non – Sole – Paganella10 ore fa

Sorpasso suicida nella galleria di Taio – IL VIDEO

Telescopio Universitario11 ore fa

UniTrento – Pnrr, 50 milioni all’Università di Trento

Bolzano11 ore fa

Alto Adige, ritrovato il corpo senza vita dell’escursionista disperso a Racines: precipitato a Malga Calice a 1.500 m slm

Trento11 ore fa

Coronavirus: nessun decesso oggi in Trentino, 33 i pazienti ricoverati

Spettacolo12 ore fa

Con Jurassic World – Il dominio si chiude una saga durata quasi 30 anni

Trento13 ore fa

Plateatici dei locali, la procedura semplificata estesa per tutto il 2022

Trento13 ore fa

Arresti per terrorismo a Rovereto: il ringraziamento di Fugatti e Bisesti ai Carabinieri del ROS

Valsugana e Primiero13 ore fa

Tragedia a Caldonazzo: perde la vita mentre fa il bagno nel lago

Trento4 settimane fa

Coronavirus: 83 nuovi contagi nelle ultime 24 ore in Trentino

Trento4 settimane fa

Frana il terreno vicino a Malga Andalo – IL VIDEO

Val di Non – Sole – Paganella4 settimane fa

I 12 giorni di Vasco Rossi all’Hotel Solea di Fai della Paganella: «Persona di livello umano altissimo»

Trento4 settimane fa

Coronavirus: 121 nuovi contagi nelle ultime 24 ore in Trentino

Trento3 settimane fa

Coronavirus: 99 contagi nelle ultime 24 ore in Trentino. Calano i ricoveri

Telescopio Universitario4 settimane fa

In 440 oggi alla cerimonia di laurea, il rettore: «Scommetto su di voi»

Telescopio Universitario4 settimane fa

All’Università di Trento il fondo Feierabend sull’arte italiana del ‘900

Arte e Cultura4 settimane fa

Mario Giordano in Trentino con i «Tromboni. Tutte le bugie di chi ha sempre la verità in tasca»

eventi3 settimane fa

Dal 17 al 26 giugno tornano a Trento le Feste Vigiliane

Trento3 settimane fa

Coronavirus: 166 contagi nelle ultime 24 ore in Trentino

Alto Garda e Ledro2 settimane fa

Stop alla viabilità a Riva del Garda: si girano le scene di un film americano

Valsugana e Primiero2 settimane fa

Sbanda, va in contromano e rischia di scontrarsi con altre auto prima di entrare in statale – IL VIDEO

Trento3 settimane fa

Coronavirus: 49 contagi nelle ultime 24 ore in Trentino con nessun positivo al molecolare

Trento2 settimane fa

Attimi di paura alla stazione delle corriere di Trento!

Società3 settimane fa

L’impresa di Melissa Mariotti tra lavoro in Germania e progetti turistici in Valbrenta

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza