Connect with us
Pubblicità

Trento

Comunità di valle, si cambia strada: approvata la legge di riforma

I territori al centro, messi della condizione di valorizzare pienamente le proprie vocazioni e di sviluppare le necessarie sinergie.

Pubblicato

-

I territori al centro, messi della condizione di valorizzare pienamente le proprie vocazioni e di sviluppare le necessarie sinergie.

Un approccio più "orizzontale", dunque, che, fatto salvo il potere di indirizzo e di definizione delle linee generali dello sviluppo provinciale in capo alla Provincia autonoma, consente ai Comuni e alle Comunità di far emergere bisogni e progettualità, privilegiando un approccio sovracomunale, che guarda alla semplificazione burocratica e ad una maggiore razionalizzazione nella gestione dei servizi.

Questa, in brevissima sintesi, la filosofia di fondo del nuovo disegno di legge sulle Autonomie, condivisa dal presidente Ugo Rossi e dall'assessore  alla coesione territoriale, urbanistica ed enti locali Carlo Daldoss.

Pubblicità
Pubblicità

I contenuti fondamentali del ddl, approvato oggi dalla Giunta provinciale al termine di un ampio confronto in seno alla maggioranza sono: il passaggio dalla modalità di elezione diretta delle Comunità di valle a quella di secondo grado,  con mantenimento di un ruolo politico, attraverso un corpo di "grandi elettori" nominati dai consigli comunali; la gestione, obbligatoriamente in forma associata per i comuni al di sotto di una soglia dimensionale minima (5.000 abitanti la proposta contenuta nel disegno di legge), dei servizi comunali, al fine di coniugarne efficienza ed economicità; gli incentivi alle fusioni fra Comuni, salvaguardando tuttavia le identità locali, e guardando in prospettiva ad un eventuale superamento delle Comunità stesse; l'individuazione, a questo scopo, delle "aree geografiche", per favorire i processi di fusione/accorpamento dei Comuni in un Comune Unico, detentore delle competenze prima gestite dalla Comunità di riferimento, pur in una logica di mantenimento della identità complessiva della Comunità (a questa fattispecie potrebbe accedere già oggi il Comune di Rovereto).

Sul versante della finanza locale, infine, il ddl rende i Comuni autonomi per la parte corrente, con l’introduzione di un fondo per riequilibrare le entrate dei Comuni con meno risorse, definito su base territoriale.

Al tempo stesso si inverte il rapporto tra investimenti decisi dalle singole amministrazioni comunali e investimenti decisi dai Comuni nell’ambito della Comunità, assicurando così una scelta degli investimenti più strategica e in linea con il Piano territoriale.

E' approdato dunque stamani in Giunta provinciale per il relativo via libera il disegno di legge oggetto negli ultimi giorni di un ampio confronto in seno alla maggioranza. La proposta approvata oggi contiene novità importanti, che vanno nella direzione di coniugare la salvaguardia delle identità territoriali e delle loro vocazioni, l'efficienza dei servizi erogati e la necessità di una gestione sempre più efficiente e oculata delle risorse disponibili.

Per quanto riguarda la modalità di elezione del presidente e dei rappresentanti delle Comunità di Valle, si passa da quella diretta, da parte della popolazione residente, a quella di secondo grado, che fa capo ad un corpo di "grandi elettori" (un po' sul modello americano) composto da alcuni sindaci e consiglieri eletti dai consigli comunali interessati, tenuto conto delle diverse dimensioni di ciascun Comune (per cui ad esempio Pergine o Cles eleggeranno un numero di "grandi elettori" maggiore rispetto ai Comuni più piccoli della propria Comunità di riferimento).

L'elettorato passivo sarà invece aperto a tutti: ogni cittadino, cioè, potrà essere eletto nelle Assemblee delle Comunità di valle, indipendentemente dal fatto di ricoprire o meno una carica istituzionale.

Il ruolo del presidente della Comunità sarà incompatibile con la carica di sindaco e di consigliere, garantendo quindi la terzietà e la "sovracomunalità" di questa carica.

Infine, viene ridotto sensibilmente il numero componenti dell'Assemblea, da un minimo di 10 a un massimo di 22, contro il tetto massimo di 98 del regime precedente: un aspetto questo che attiene alla semplificazione e alla maggiore operatività di questi organismi.

La riforma poggia su un altro pilastro: si è disgiunta la gestione dei servizi rispetto a quella delle competenze affidate dalla Provincia alle Comunità. Le gestioni associate passano dal livello della Comunità a quello di ambito: in pratica sotto una soglia di 5.000 abitanti, per tutto ciò che riguarda gli aspetti gestionali dei servizi (dai tributi agli uffici tecnici all'informatica) sarà obbligatoria, da parte dei Comuni, una gestione in forma associata.

Il disegno sotteso è quello di un Trentino che nei prossimi anni dovrà avere Comuni e Comunità più forti e coese, guardando persino, in prospettiva, al superamento della stessa dimensione della Comunità di valle. Risponde a questo scopo la previsione di incentivi alle fusioni, al fine di superare l'eccessiva frammentazione delle gestioni pur mantenendo l'identità delle municipalità. Non solo: il ddl prevede la possibilità, per la Provincia, d'intesa con il Consiglio delle Autonomie, e su proposta dei Comuni, di ripartire il territorio della Comunità in aree geografiche

In prospettiva, se i Comuni appartenenti alla medesima area geografica si associano, il nuovo Comune scaturito da questo processo diventerebbe Comune Unico o Comune-Comunità e potrebbe gestire di fatto le competenze prima assegnate alla Comunità di riferimento.

Va da sé che tutti i Comuni di una Comunità di Valle si fondessero in uno o se tutto il territorio di una Comunità risultasse suddiviso in un certo numero di aree geografiche facenti riferimento ognuna ad un Comune Unico la Comunità si scioglierebbe.

Al momento questa fattispecie riguarda solo Rovereto, in quanto Comune sopra la soglia dei 30000 abitanti: la proposta è che il Comune, se ne fa richiesta, possa assumere una serie di gestioni di servizi che di fatto già gestiva quando era Comprensorio. A questa autonomia gestionale farebbe da contraltare però ancora un raccordo con la Comunità della Vallagarina per le funzioni pianificatorie..

L'aspetto più importante della nuova architettura che la riforma va delineando, tuttavia, come sottolineato nella discussione in Giunta dal presidente Rossi e dall'assessore Daldoss, rimane quello del rapporto fra territori e Provincia.

Nella nuova proposta si passa da una visione verticale a una orizzontale di questa complessa relazione, nella quale il territorio, assieme alla Provincia, individua gli investimenti necessari e prioritari che poi saranno oggetto dei relativi finanziamenti.

{loadposition Pos-cineworld} {facebookpopup}

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Coronavirus: molto richiesti i saturimetri, a qualcuno servono davvero
    Dall’inizio dell’allarme coronavirus la corsa ai principali dispositivi di protezione individuale sembrava inizialmente limitarsi alle mascherine ed ai gel disinfettanti per le mani, diventati poi introvabili sia nelle farmacie che sui portali online, ma ultimamente il fenomeno parrebbe essersi allargato anche a strumenti prettamente sanitari come il saturimetro. Infatti, il particolare dispositivo a pinzetta facilmente […]
  • Coronavirus: L’Italia spegne i motori e i delfini tornano nei porti italiani
    La recente emergenza sanitaria ha reso l’Italia, Paese noto per la sua vivacità e il suo calore una penisola pressoché deserta obbligando negozi, centri commerciali e molte aziende a bloccarsi per intere settimane e costringendo milioni di italiani a guardare l’arrivo della primavera unicamente dalla finestra della propria abitazione. All’ombra di tutto questo, Madre Natura […]
  • Coronavirus: dalla Cina arrivano i caschi termoscanner per la polizia
    Da qualche mese, partendo dalla Cina e allargandosi come una macchia d’olio fino all’Italia, il mondo intero si è trovato improvvisamente a combattere una guerra contro un nemico veloce ed invisibile che non sta risparmiando niente e nessuno, colpendo non solo persone ma l’economia di interi Paesi, costringendo l’unione e l’impegno di tutte le forze […]
  • Coronavirus: 3 fasi per sanificare correttamente casa
    Candeggina, gel disinfettanti, alcol e spray si stanno rivelando i migliori alleati, nonché le armi più utilizzate in questo periodo per riuscire a combattere l’invisibile nemico che da settimane sta costringendo a casa milioni di italiani. Oltre alle ormai note raccomandazione di igiene emanate dal Governo, ai dispositivi di protezione individuale come le introvabili mascherine […]
  • Cascata “rosso sangue” in Antartide, uno spettacolo della natura
    Sono passato 109 anni dal primo avvistamento di questo macabro fenomeno situato nei pressi del lago (ovviamente ghiacciato) di Bonney, in Antartide. Nonostante questa cascata dal colore ramato fosse stata avvistata per la prima volta nel 1911 dal geologo Griffith Taylor durante una spedizione, soltanto qualche anno fa alcuni studiosi sono riusciti a risalire all’origine […]
  • Cenare sotto il mare: “Under” il primo ristorante sott’acqua d’Europa
    Attraversando i quattro angoli del mondo, sono molte sono le eccentricità dal punto di vista architettonico che si incontrano, ma pochi hanno lo stile e l’originalità del primo ristorante subacqueo di Baly, lungo le coste della Norvegia, candidato a diventare uno dei più spettacolari progetti architettonici mai concepiti in fondo al mare. “Under”si presenta come […]
  • Viaggiare rimanendo a casa: dall’arte ai paesaggi, vedere il mondo con i tour virtuali
    La veloce diffusione del Coronavirus in Italia e in Europa ha costretto milioni di persone a casa, obbligandoli ad annullare progetti e piani precedentemente programmati o a posticipare prenotazioni di viaggi a data da destinarsi. Ad oggi, la fine della quarantena sembra un giorno troppo lontano e la voglia di lasciare i confini della propria […]
  • Coronavirus: sanificare le mascherine per riutilizzarle in mancanza di nuove
    Da molti giorni l’Italia sta vivendo l’ormai nota emergenza Coronavirus che, oltre al periodo di quarantena forzata richiede l’utilizzo in caso di spostamenti, di particolari presidi di protezione individuale come il disinfettante per le mani o le tipiche mascherine. Mascherine che, dall’inizio dell’allarme hanno subito un aumento vertiginoso della domanda rendendole non solo introvabili, ma […]
  • Italia: Paese “green” e leader delle rinnovabili
    Troppo spesso, l’Italia è abituata ad occupare gli ultimi posti nelle classifiche europee, alimentando i pregiudizi sul Bel Paese che in alcuni settori, quando vuole, sembra essere incredibilmente ed indubbiamente qualificato. Infatti, secondo il rapporto condotto dall’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale ( ISPRA) seguito poi da un’analisi dell’Agenzia Nazionale per l’Energia, […]

Categorie

di tendenza