Connect with us
Pubblicità

Trento

Borgognoni, Comitato Torre Vanga:«Andreatta, un sindaco incapace di amministrare una città»

Il comitato per la rinascita di Torre Vanga l'aveva promesso, «se il nostro sindaco non farà qualcosa per rimuovere il degrado e la criminalità dalla zona della Portela, assumeremo a nostre spese una vigilanza privata».

Pubblicato

-

Pubblicità

Pubblicità

Il comitato per la rinascita di Torre Vanga l'aveva promesso, «se il nostro sindaco non farà qualcosa per rimuovere il degrado e la criminalità dalla zona della Portela, assumeremo a nostre spese una vigilanza privata».
 
Detto e fatto, Stefano Borgognoni presidente del comitato ha confermato che il tipo di servizio è già stato definito e che sarà a pieno regime a partire dalla fine ottobre.
 
Ma non è finita, è stato infatti organizzato un «sit in» sotto casa del sindaco: «Le adesioni a questa iniziativa via FB sono decine e decine – ci spiega Borgognoni – Gente comune, con famiglie. Gente stufa di subire prepotenze continue e tollerate o addirittura "autorizzate" da chi invece, con l'orgoglio che dovrebbe essere naturale specie al primo cittadino, dovrebbe difenderci. Primo cittadino che per la verità, di orgoglio e coraggio ne dimostra ben poco! canteremo fino alle 2 del mattino bevendo acqua minerale. Vedremo se il Regolamento è valido o meno sotto le finestre di casa sua»

Parole molto forti e critiche nei confronti di Alessandro Andreatta, sindaco troppo mite e rinunciatario – secondo Borgognoni – per poter tenere in mano una città che potrebbe essere allo sbando.

Borgognoni affonda ancora sul sindaco di Trento: «ora deve decidere se stare dalla parte dei cittadini oppure dalla parte dell'illegalità». 
 
Stefano Borgognoni non usa mezzi termini: «Andreatta deve dire se il Regolamento di Polizia urbana è valido anche in piazza Santa Maria Maggiore o affermare che quest'area è «zona franca» e aggiunge per questo stiamo organizzando una «serata d'occupazione» sotto casa del sindaco: canteremo fino alle 2 del mattino bevendo acqua minerale. Vedremo se il Regolamento è valido o meno sotto le finestre di casa sua».
 
«Da mercoledì 24 settembre la Polizia locale estenderà la sua presenza fino alle 3 del mattino per tre giorni a settimana – avverte Borgognoni – Ci complimentiamo per questo. Ma ci interroghiamo anche sull'efficacia del provvedimento in rapporto all'investimento economico previsto: se il Regolamento non viene fatto rispettare nemmeno fino a mezzanotte, perché dovrebbe esserlo fino alle 3 del mattino mi chiedo?» 
 
«Andreatta è incapace di gestire l'amministrazione della città e i vigili urbani – tuona Borgognoni – un sindaco che non riesce in 5 anni ha risolvere il problema della criminalità e del degrado in 3 vie di una città si presenta da solo. Andreatta è uomo lontano dai problemi della gente, rinunciatario e poco motivato, dare le chiavi della nostra città a lui per altri 5 anni significherebbe portare la nostra città allo sbando
 
Il comitato per la rinascita di Torre Vanga in questi anni si è sempre confrontato con la giunta e con il sindaco in modo moderato e costruttivo senza proclami ed eccessi di populismo, ma ora, dopo quanto successo tra la notte di giovedì e venerdi la goccia sembra essere traboccata dal vaso.  
 
Circa 400 giovani hanno sostato in piazza Santa Maria Maggiore fino alle 4 del mattino, bloccando di fatto il traffico, facendo schiamazzi e lasciando un grande lavoro da fare la mattina dopo agli operatori della nettezza urbana.
 
«Gli operatori della Trenta al mattino hanno trovato centinaia di siringhe, immondizie e cocci di bottiglia dappertutto, uno scenario raccappricciante degno dei paesi sottosviluppati. Lo stesso capo di gabinetto del sindaco, da me interpellato è rimasto allibito nel vedere tutto questo».
 
Ma Borgognoni fa anche un distinguo importante sui giovani che amano divertirsiNoi non siamo in contrapposizione con i giovani e gli studenti, anzi, la serata Happy Award piace anche a noi e la frequentiamo volentieri, ma quando per colpa di alcuni si trasforma in degrado, schiamazzi, ragazzi completamente ubriachi ed atti di vandalismo allora non si stiamo.»
 
«Fino a mezzanotte ieri sera è andato tutto bene, solo alle 2.30 del mattino abbiamo chiamato le forze dell'ordine, ma nonostante questo è stato impossibile dormire fino alle 4.00, ma al sindaco chiedo, ha senso lasciar tenere aperto un bar che non possiede le specifiche per ospitare più di 20 persone fino alle 3 del mattino con 300 giovani stipati fuori, sul marciapiede e in mezzo alla strada?»
 
«Ha senso – continua Borgognoni – investire dei soldi dei cittadini nei lavori previsti in piazza Santa Maria Maggiore, via San Giovanni e piazzetta 2 settembre quando siamo sicuri che proseguiranno gli imbrattamenti degli arredi urbani, delle vetrine con sostanze di varia natura e spesso frutto di bisogni fisiologici?»
 
Borgognoni individua però due aree di malessere e di sopportazione ben distinte per quanto riguarda i residenti nel «triangolo maledetto» della portela.
 
Il primo riguarda lo spaccio, la criminalità, la prostituzione e il bivacco: «in questo caso non siamo più in grado di sopportare nulla – afferma Borgognoni – insieme al questore Iacobone abbiamo fatto dei giri la notte e anche lui a constatato alcune situazioni che lo hanno preoccupato non poco.»
 
Per questo probabilmente da quel momento nella zona della Portela rimangono fisse due pattuglie, una della questura e l'altra dei carabinieri, nell'ultimo periodo sono stati effettuati molti fermi e arresti nella zona, «ma è ancora presto per dare giudizi – ribadisce Borgognoni – per arrivare a dei risultati è importante essere coerenti e dare grande continuità a questa strategia, ci vorranno dei mesi per capire se siamo sulla strada giusta».
 
La seconda area di malessere è il degrado, dove da parte dei cittadini vi è più sopportazione: «è dopo mezzanotte che cominciano i problemi, chi rimane fuori dopo quell'ora infatti o si ubriacha o si droga, per questo vanno avanti fino all'alba»
 
Borgognoni ci tiene a ribadire che il comitato appoggia i giovani, quelli che si divertono in modo sano e rispettano le leggi e la libertà altrui però, «invitiamo tutta la parte sana dei giovani che la pensano come noi a farsi sentire e confrontarsi con noi, e soprattutto ad aiutarci a trovare soluzioni per la nostra città visto che il sindaco fa orecchie da mercante».
 
«Purtroppo – sottolinea Borgognoni – sono rimasto amareggiato quando dopo una mia intervista a SambaRadio mi sono accorto che alcuni miei interventi sono stati abilmente e furbescamente tagliati ad arte per stravolgere i contenuti di alcune mie risposte».
 
Borgognoni tiene l'ultima bordata per la fine del nostro incontro, il colpo è in canna e viene sparato sulla chiesa trentina: «È semplicemente vergognoso che il Parroco di Santa Maria Maggiore e il vescovo di Trento non siano mai intervenuti su questi argomenti e che mai nessuno ci abbia ringraziato per il lavoro che stiamo facendo anche per loro, vergogna e ingratitudine che non possono rappresentare la chiesa che dovrebbe in tal senso dare l'esempio».
 
Altri articoli sull'argomento: 
 
 
 
 

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
Trento4 minuti fa

Spaccio: denunciate 3 persone e segnalate altre 10 (tra cui 3 minorenni)

Italia ed estero11 minuti fa

Scontro tra due treni alla periferia di Barcellona, oltre 150 i feriti

Italia ed estero32 minuti fa

Droni ucraini colpiscono ancora il territorio russo, Mosca: “Reagiremo agli attacchi”

Val di Non – Sole – Paganella32 minuti fa

Winter Akademie e Premio Internazionale di Composizione: importanti iniziative culturali a Borgo d’Anaunia

Bolzano1 ora fa

Terribile schianto, muore un 42enne di Vandoies

Trento1 ora fa

Veronica Fietta alla guida del corpo dei Vigili del Fuoco Volontari di Pieve Tesino

Fiemme, Fassa e Cembra2 ore fa

Marmolada: slavine e valanghe ci sono da sempre, ma serve prudenza

Io la penso così…2 ore fa

Attenzione alle persone «tossiche» e ai vampiri energetici

Politica2 ore fa

Manovra di Bilancio: le minoranze depositano circa 5.500 emendamenti

Trento3 ore fa

Sergio Mattarella apre all’autonomia, Fugatti: “Ora risolvere i conflitti sull’interpretazione delle norme”

Trento3 ore fa

Slot machine: il consiglio di Stato sospende l’ordine di rimozione

Trento3 ore fa

Circonvallazione ferroviaria Trento: pian piano la verità viene a galla

Ambiente Abitare3 ore fa

COP27, la Conferenza ONU sui cambiamenti climatici: Tonina a confronto con la delegazione dei giovani trentini

Valsugana e Primiero4 ore fa

Frontale tra due vetture, una abbatte un palo telefonico: feriti i due conducenti

Val di Non – Sole – Paganella4 ore fa

La Fondazione Ivo de Carneri raccoglie fondi per due nuovi progetti con regali solidali

Valsugana e Primiero3 settimane fa

Monica Cadau perde il ricorso al TAR e dovrà risarcire il comune di Borgo e il Ministero

Trento3 settimane fa

A Trento è arrivata “Pokè Monade”, la Poke trentina!

Io la penso così…5 giorni fa

Coredo: «I maiali che mangiavano fango: il veterinario si dimetta»

Trento2 settimane fa

Avvistato un branco di lupi tra Centa San Nicolò e Caldonazzo

Val di Non – Sole – Paganella2 settimane fa

Morte neonato a Cles: era già successo 42 anni fa

Trento2 settimane fa

I pendolari della sanità trentina: «È l’unico modo per curarsi e rimanere in vita»

Trento1 settimana fa

Gallerie Martignano: da dicembre saranno attivi gli autovelox

Val di Non – Sole – Paganella4 settimane fa

Massimiliano Lucietti è morto mentre era a terra per sparare

Trento4 settimane fa

Le sconcertanti e imbarazzanti parole di Antonio Ferro sulle Oss trentine

Le ultime dal Web3 settimane fa

Tesla Model Y impazzita uccide due persone – IL VIDEO

Val di Non – Sole – Paganella3 settimane fa

Non più lezioni, ma esperienze in montagna. A Molveno apre la nuova «Non scuola di sci»

Trento4 settimane fa

Non poteva essere l’avvocato della Provincia di Trento. La corte dei Conti chiede 113 mila euro di risarcimento a Giacomo Bernardi

Val di Non – Sole – Paganella3 giorni fa

Paura nella notte a Cles: a fuoco un’abitazione in zona Spinazzeda

Trento3 settimane fa

Gardolo: autobus va contro un’auto, manda a quel paese il guidatore e scappa

Trento3 settimane fa

Trento in lutto, è morto Rinaldo Detassis fondatore di Elettrocasa

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza