Connect with us
Pubblicità

Trento

“Potrò contare su un ottimo staff”. Francesco Conci, nuovo Direttore Tecnico del Settore Giovanile

Sarà un anno impegnativo, ma le premesse per fare un buon lavoro ci sono, a partire dallo staff sul quale potrà contare.

Pubblicato

-

Sarà un anno impegnativo, ma le premesse per fare un buon lavoro ci sono, a partire dallo staff sul quale potrà contare.

Ne è convinto Francesco mentre spiega il nuovo ruolo che gli è stato affidato per la stagione 2014/15. Francesco Conci, l'allenatore della Trentino Volley che lo scorso anno ha guidato l'Under 19 a conquistare ben due titoli di Campione d'Italia, è stato nominato direttore tecnico del Settore Giovanile al posto di Nico Agricola tornato a Fano.

Un riconoscimento al lavoro svolto in tanti anni all'interno della Società che lo ha cresciuto permettendogli di maturare competenze, esperienza sul campo e quella conoscenza della struttura organizzativa e del territorio che ora, nonostante la giovane età, gli consente di affrontare con serenità il nuovo compito.

Pubblicità
Pubblicità

Lo abbiamo incontrato all'inizio della terza settimana di preparazione con i suoi ragazzi, già tornati in palestra alla fine di agosto, in concomitanza con il triangolare che la Nazionale Italiana di Mauro Berruto ha disputato fra Trento e Cavalese prima di partire per il Mondiale che si sta svolgendo in Polonia.

«Abbiamo ripreso a lavorare proprio in quei giorni e il 26 agosto ci siamo ritrovati al palazzetto per andare a vedere Italia-Brasile. Non capita spesso di avere la Nazionale qui a Trento, è stata una bella occasione per iniziare il nuovo anno insieme».       

Francesco, sei il nuovo coordinatore generale del Settore Giovanile, un ruolo importante: te lo aspettavi?

«A dire il vero no. Ho terminato a giugno sapendo che avrei ripreso a lavorare con il gruppo che anche quest'anno disputerà il campionato di B1, poi è arrivata questa novità. Essere un punto di riferimento per tutti è un compito impegnativo, ma cercherò di dare una mano a tutti gli allenatori andando a seguire alcuni allenamenti e sarò disponibile al confronto e alla condivisione dei progetti. Poi, oltre ad allenare il gruppo dell'Under 19 mi occuperò della supervisione dell'Under 17 che disputerà il campionato di serie C».

Alla guida di questa squadra c'è un nuovo allenatore, Manuel Guetti, tecnico roveretano di 36 anni.

«Sì, lo conosco bene, ho collaborato con lui nella Rappresentativa maschile del Trentino, è un allenatore che ha già maturato molta esperienza con i giovani avendo guidato negli ultimi anni l'Under 18 dell'Argentario Calisio Volley e disputato campionati di B2 e serie C. Imposteremo insieme il cammino del gruppo, sono convinto che faremo un buon lavoro».  

Under 17 e Under 15 (nella foto) hanno entrambi due squadre.      

«L'Under 17 è un gruppo numeroso, per questo abbiamo due squadre, A e B, e visto che i giocatori si cimenteranno con il campionato di B1 oltre che con la serie C, daremo spazio a tutti, è un'opportunità di confronto che li aiuterà a crescere e migliorare il loro bagaglio tecnico.

L'Under 15 ha due gruppi, uno a Trento e l'altro a Rovereto e anche questi giocatori avranno l'opportunità di disputare il campionato dell'Under 17 oltre a quello di categoria».    

Il campionato di serie C inizia a metà novembre ma la squadra è già al lavoro per preparare la partecipazione alla Coppa Trentino-Alto Adige, la coppa in palio per le squadre di serie C e D che l'Itas Assicurazioni ha vinto l'anno scorso insieme alla Coppa Triveneto e alla Coppa delle Alpi.

«Sì, inizieremo il 10 ottobre e sarà utile come percorso di avvicinamento perché giocheremo partite di un certo livello. Le prime quattro squadre classificate disputeranno la Final Four all'Epifania e cercheremo di confermare l'ottimo risultato della scorsa stagione».     

Tornando all'Under 19: come sarà composta la rosa?

«L'ossatura è data dal gruppo storico del ˈ96 che quest'anno chiude un ciclo visto che poi non giocherà più nei campionati giovanili, e nove giocatori su 13 sono in fascia d'età Under 19. Tra di loro Buzzelli, già titolare l'anno scorso, poi Chiappa, Albergati e Bressan che quest'anno si ritaglieranno più spazio in campo. Giannelli, approdato in prima squadra insieme a Mazzone e Nelli, rimarrà comunque a disposizione per i tornei e le finali, momenti speciali essendo le ultime che questa squadra vivrà insieme».

All'Europeo Under 20 appena concluso la Nazionale Juniores nella quale militano ben cinque atleti cresciuti nel vivaio gialloblu – Giannelli, Mazzone, Polo, Cavuto e Galassi -, si è qualificata al quinto posto nonostante abbia vinto sei partite su sette.

«Dispiace essere rimasti fuori dalle semifinali per quoziente set, probabilmente ha inciso il punto perso nella partita contro la Bulgaria (vinta 3-2 dall'Italia, ndr). Alla fine si è laureata Campione d'Europa la Russia, una squadra che noi avevamo battuto.

Durante il torneo abbiamo mostrato grandi potenzialità e potevamo arrivare fino in fondo, ma queste sono manifestazioni in cui, se sbagli una partita, puoi compromettere l'accesso alle fasi finali.

Per i nostri giocatori è stata una bella esperienza, ma si aspettavano qualcosa in più e ora avranno di certo voglia di riscattarsi. Cavuto ha giocato meno rispetto ai compagni e mi ha già detto che non vede l'ora di ricominciare».

L'Itas Assicurazioni Under 19 è inserita nel girone B, quello formato da più squadre. Le trasferte, distribuite tra Emilia e Veneto, non saranno particolarmente impegnative, la più lontana è nelle Marche.

«Le squadre sono 14 mentre negli altri gironi sono 12, questo significa che avremo l'opportunità di disputare quattro partite in più, ma alla fine retrocederanno quattro squadre. In ogni caso, visto che il livello tecnico è molto alto e noi ci presentiamo con tanti esordienti, puntiamo alla salvezza con l'obiettivo primario di far crescere i nostri giocatori».

Il tuo compito sarà quello di creare sintonia tra atleti con maggior esperienza e altri che venendo dalla serie C fanno un doppio salto di categoria.  

«L'anno scorso potevamo contare su individualità capaci di risolvere la partita come Mazzone e Nelli, quest'anno punteremo sul collettivo e sull'organizzazione di gioco, una sfida difficile ma stimolante per me e per i giocatori. Il gruppo è unito e i ragazzi sono consapevoli dei loro punti di forza e dei loro limiti quindi lavoreremo molto sulla tecnica, sulla cura del dettaglio sapendo che abbiamo il potenziale per stare nella categoria».

Su quali fondamentali costruirai il gioco di squadra?

«Abbiamo un buon livello di ricezione con due giocatori come De Angelis (libero, ndr) e Chiappa (schiacciatore, ndr). Per quanto riguarda l'attacco, cercheremo di proporre un gioco più vario e una maggiore qualità al servizio e in difesa.

Poi con Galassi, Bressan e Codarin punteremo sul gioco al centro che per me rimane fondamentale: se non hai attaccanti forti, devi costruire meccanismi che non diano punti di riferimento all'avversario e in questo senso i centrali assumono un ruolo di rilievo».

Il campionato inizia il 18 ottobre: come vi state preparando?

«Abbiamo cinque settimane di lavoro prima dell'esordio, per ora ci siamo occupati della preparazione fisico-atletica, adesso inizieremo a usare la palla alzando il livello degli allenamenti. Giocheremo alcune amichevoli in modo da verificare la progressione del lavoro svolto e incontreremo sicuramente l'AVS Bruno Mosca Bolzano».

La squadra guidata da Andrea Burattini ha acquistato i diritti per disputare il campionato di B1 e a dicembre ci sarà il derby.

«Loro hanno una squadra ambiziosa, da alta classifica, che punta alla A2, noi abbiamo caratteristiche diverse ma sarà stimolante affrontarli. L'obiettivo del nostro Settore Giovanile rimane quello di far approdare i giocatori in prima squadra o di permettere loro di maturare esperienza anche in categorie intermedie, in base alle proprie capacità.

Avere una realtà vicina a noi che si affaccia sulla scena pallavolistica regionale è importante, in futuro potremo indirizzare lì i nostri giocatori come è successo per esempio con Andrea Coali, centrale trentino cresciuto nel vivaio gialloblu approdato a Bolzano dopo aver maturato due anni di esperienza in A1».

Coltivare collaborazioni con altre società è uno strumento da valorizzare anche per evitare l'abbandono dell'attività sportiva.

«Non tutti i giocatori hanno la possibilità di arrivare in serie A, ma compito di chi li segue è non creare false illusioni e far capir che anche giocando in serie C e B possono togliersi delle soddisfazioni. Il nostro impegno è volto a creare un percorso in cui l'atleta sia consapevole del suo livello, soprattutto tra i 17 e i 19 anni, e capisca quale sbocco potrà avere per poi trovare la dimensione adeguata in cui esprimersi».

Sarà un anno impegnativo e Francesco Conci non lo nasconde, ma il giovane allenatore è abituato alle sfide e all'inizio di una nuova esperienza come quella di direttore tecnico ci tiene a ringraziare chi lo affiancherà nel suo lavoro, a partire dal responsabile del Settore Giovanile, Riccardo Michieletto.

«Visto il lavoro che ci attende è importante garantire ai ragazzi i servizi di figure professionali di qualità e sono molto contento degli sforzi che ha fatto la Società per potenziare lo staff. Potrò contare su Luca Baratto (ex giocatore trentino classe 1987, ndr), il nostro nuovo preparatore atletico.

Negli ultimi anni ha lavorato con la Calzedonia Verona e questa estate ha collaborato con la Nazionale Italiana maschile, a fianco di Andrea Giani, in ritiro a Cavalese. Poi ci saranno Matteo Zingaro e Mattia Castello, confermati rispettivamente quali allenatore  e referente del Big School e scoutman, Daniele Dalsass, il fisioterapista, Francesco Mattedi, il nostro medico e Chiara Candotti, referente del Progetto Scuola».

Francesco Conci ha vinto cinque scudetti negli ultimi quattro anni e per due anni consecutivi ha meritato il titolo di miglior allenatore dell'anno. Gli auguriamo di potersi togliere altre soddisfazioni anche da direttore tecnico insieme ai suoi ragazzi e ad una squadra di collaboratori pronta a dare il meglio per vivere un altro anno all'insegna della passione per la pallavolo.  

p.niccolini@lavocedeltrentino.it

{loadposition POS-TnVolley} {facebookpopup}

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Spotify crea playlist personalizzate per i propri animali domestici: l’obiettivo è alleviare stress e ansia
    A casa durante le pulizie o sotto la doccia, in palestra mentre ci si allena e si fatica, ed in macchina alla radio con i brani preferiti: la musica sembra accompagnare e addolcire da sempre le giornate, diventando spesso colonna sonora di momenti importanti ed indimenticabili della nostra vita. In molti casi, le canzoni a […]
  • “Glamping”: la nuova alternativa glamour e chic al campeggio
    La natura con la sua bellezza ha la straordinaria capacità di avere una forte reazione ed un effetto diretto sulle nostre emozioni invitando ogni anno molti viaggiatori a viverla appieno per migliorare i propri momenti di pausa dalla vita frenetica, attraverso una semplice passeggiata all ombra delle fronde di un bosco o meglio, trascorrendo un’intera […]
  • Profumi funzionali: in arrivo nuove fragranze per diminuire lo stress ed aumentare il benessere
    I ricordi e le emozioni sono unite da un profondo e stretto legame con l‘olfatto che lo rendono come il gusto, uno dei sensi più potenti e straordinari arrivando ad influenzare molte volte anche i nostri comportamenti. L’olfatto è quel senso che non solo riesce a collegare i ricordi, gli attimi e addirittura i sapori […]
  • Svizzera: dal 2020 il tragitto casa – lavoro viene considerato orario d’ufficio
    In metropolitana, in autobus o in treno: tutti i giorni durante il tragitto che da casa porta al lavoro si risponde a numerose telefonate, si inviano e ricevono sollecitazioni, informazioni o delucidazioni sia via mail che attraverso social riguardo gli impegni lavorativi della giornata e della settimana. Dal primo gennaio 2020, in Svizzera, il tragitto […]
  • “Cortex Cast”: il gesso del futuro direttamente dalla stampante 3D
    Il gesso è da sempre stato l’irritante, ingombrante e pesante compagno di molte convalescenze, accompagnando e terrorizzando per settimane milioni di persone in tutto il mondo. Molto presto tutto questo potrebbe diventare soltanto ricordo molto lontano; a rimpiazzare con notevole onore il vecchio gesso sarebbe “Cortex Cast”: un esoscheletro stampato in 3D, composto da nylon […]
  • Formaggella della Solidarietà: il Caseificio Val di Fiemme ed il successo del volontariato d’impresa
    Le aziende hanno diversi sistemi e modi per creare valore, ma soltanto uno riesce a generare opportunità ed importanza contribuendo con successo al benessere del territorio e della società: Il volontariato sociale d’impresa. Il Caseificio della Val di Fiemme è entrato e si è distinto in questo importante mondo, creando e dedicando ad ogni anno […]
  • Affitti troppo alti: Berlino impone con legge un tetto massimo ai prezzi
    In tutta Italia, le cifre da capogiro degli appartamenti in affitto colpiscono direttamente ragazzi, studenti universitari ed intere famiglie che, costretti a scontrarsi con le difficoltà lavorative e la mancanza di un capitale iniziale per acquistare una casa di proprietà, devono a ripiegare sull’appartamento in affitto. Nonostante le cifre improponibili, il profondo cambiamento della società […]
  • Bhutan: l’incredibile fascino del Paese più felice del mondo
    Incastonato tra le rocce dell’immensa catena montuosa Himalayana, tra Cina e India, la natura lascia spazio al piccolo ma affascinate Stato monarchico del Bhutan. Nonostante sia uno dei paesi più poveri dell’Asia, qui si registra il tasso di felicità più elevato di tutto il continente e l’ottavo nella classifica mondiale. Infatti, oltre agli incredibili paesaggi, […]
  • Mobili fonoassorbenti per eliminare i rumori da casa e dagli uffici
    Il rumore del traffico esterno, il calpestio proveniente dal piano superiore, la televisione del vicino a volume troppo alto: questi sono solo alcuni dei rumori che possono infastidire l’ambiente domestico. Il mercato offre moltissimi sistemi per ottimizzare, migliorare e molte volte eliminare il problema: dai blocchi di muratura, applicati sopratutto nelle nuove costruzioni, ai feltri […]

Categorie

di tendenza