Connect with us
Pubblicità

Italia ed estero

La guerra mai dichiarata che minaccia l’Europa

Sono purtroppo sempre più insistenti le voci di chi attribuisce ai Paesi del Golfo un ruolo diretto nel processo di dissoluzione della Libia.

Pubblicato

-

Sono purtroppo sempre più insistenti le voci di chi attribuisce ai Paesi del Golfo un ruolo diretto nel processo di dissoluzione della Libia.

Ieri (lunedì) il Primo Ministro libico Abdullah al-Thinni ha accusato apertamente il Qatar di aver inviato tre aerei militari, carichi di armi, al gruppo di guerriglieri che controlla l'aeroporto di Tripoli. In una dichiarazione alla Qatar News Agency, il vice Ministro degli Affari Esteri qatariota Abdullah al-Rumaihi ha risposto all'addebito, rigettando in toto le accuse.

Pubblicità
Pubblicità

A questo scambio di battute si aggiungono almeno quattro misteriosi attacchi aerei portati a termine nella notte di lunedì da velivoli non identificati contro postazioni strategiche, controllate dai miliziani del gruppo ribelle Lybian Dawn.

Secondo media locali, sarebbero stati colpiti magazzini e depositi di armi nei sobborghi di Tripoli, provocando almeno una vittima.

Già in agosto, il New York Times aveva pubblicato alcune indiscrezioni di funzionari statunintensi, che indicavano l'Egitto e gli Emirati Arabi come i veri mandanti delle precedenti incursioni aeree segrete. Tuttavia non vi sono mai state ammissioni di responsabilità da parte dei rispettivi rappresentanti governativi per nessuno degli attacchi.

Pubblicità
Pubblicità

Nonostante il rigetto delle accuse da parte di tutte le vicine potenze regionali interessate, appare sempre più probabile la loro ingerenza diretta negli affari interni libici. Sembra infatti ripetersi quello schema a cui siamo oramai abituati fin dall'inizio delle prime manifestazioni della Primavera araba del 2011.

Ovunque vi sia stato un moto di protesta nel mondo arabo, sono infatti affluite armi e finanziamenti capaci di sovvertire l'ordine geopolitico esistente. A ben vedere, i finanziatori non erano mossi dall'intenzione di aiutare popolazioni oppresse da decenni e ridotte alla fame, ma erano piuttosto interessati ad aumentare la propria influenza regionale.

La lotta che, sommessamente, contrappone il Qatar all'Arabia Saudita ed agli altri Paesi del Golfo sta acquistando un'enorme rilevanza geopolitica ma continua ad avere una bassissima risonanza mediatica. Purtroppo, ciò che più si avverte sono le sue terribili conseguenze.

La tragedia siriana, le repressioni egiziane, la guerra civile in Libia, l'ostinazione di Hamas, i naufragi nel Mediterraneo e perfino il Califatto traggono, infatti, tutti inesorabilmente origine – perlomeno finanziaria – dallo scontro fratricida in atto all'interno del mondo sunnita.

Ora che anche la Libia si avvia ad essere considerato uno Stato fallito de facto e che gli scontri al suo interno hanno raggiunto un livello esasperante per la popolazione civile, l'Europa deve reagire. Appare necessario avviare un confronto diplomatico al fine di mettere tutti i Paesi del Golfo davanti alle proprie responsabilità, arrestare gli ingenti flussi di denaro e di armi diretti ai miliziani ed avviare un grande processo politico-militare che porti alla stabilizzazione dell'intera regione.

Davanti all'eventuale inerzia dei partners europei, dovrà essere l'Italia a lanciare un grido di allarme, perché con ogni probabilità sarà la prima ad essere travolta dalle conseguenze nefaste di questa guerra mai dichiarata.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Codacons, proposta di risarcimento per somministrazione Astrazeneca agli under 60
    Il caos generato intorno al siero anti-covid, Astrazeneca che ha gettato nel panico, nell’incertezza e nella cattiva informazione migliaia di italiani ha spinto Codacons a lanciare un’azione collettiva per il risarcimento. Il caso Astrazeneca Uno... The post Codacons, proposta di risarcimento per somministrazione Astrazeneca agli under 60 appeared first on Benessere Economico.
  • Criptovalute paragonate ai mutui subprime del 2008: l’allarme della Consob
    Il fenomeno criptovalute è così attuale e crescente, tanto da spingere il numero uno della Consob, Paolo Savona a lanciare un’allarme sulla situazione. La similitudine tra criptovalute e mutui subprime Savona infatti, ha dedicato un... The post Criptovalute paragonate ai mutui subprime del 2008: l’allarme della Consob appeared first on Benessere Economico.
  • Bonus Irpef 2021, 100 euro in più in busta paga: a chi spetta
    Il vecchio Bonus Renzi da 80 euro si evolve e diventa un Bonus Irpef da 100 euro. Con l’ultima legge di Bilancio infatti, vengono riviste le regole e il nome del vecchio bonus. A chi... The post Bonus Irpef 2021, 100 euro in più in busta paga: a chi spetta appeared first on Benessere Economico.
  • Imu 2021: esenzioni ed agevolazioni previste
    Il Governo potrebbe estendere l’esenzione Imu, ampliando la categoria di soggetti che non saranno tenuti a versare la prima rata. Imu 2021, chi rientra nell’esenzione Un nuovo emendamento al Decreto Sostegni Bis potrebbe andare incontro... The post Imu 2021: esenzioni ed agevolazioni previste appeared first on Benessere Economico.
  • P. A, lo Stato dice addio ai ritardi e paga in anticipo i suoi debiti
    I ritardi, tipici della Pubblica Amministrazione potrebbero presto diventare un lontano ricordo. La notizia è stata raccontata dai dati diffusi dal Ministero dell’Economia e delle Finanze riguardo i tempi medi impiegati durante l’anno 2020 dallo... The post P. A, lo Stato dice addio ai ritardi e paga in anticipo i suoi debiti appeared first on […]
  • Ritorna il Bonus Sanificazione: tutti i dettagli e le novità
    Con le riaperture torna anche il Bonus Sanificazione e DPI anche per il 2021 per una ripartenza in sicurezza. Il Decreto Sostegni bis ripropone l’agevolazione per i titolari di partita Iva, seppur in una percentuale... The post Ritorna il Bonus Sanificazione: tutti i dettagli e le novità appeared first on Benessere Economico.
  • Nasce il primo superstore senza casse: Amazon conquista con l’innovazione
    All’interno dell’immensa panoramica della distribuzione organizzata, mette piede con estrema originalità il colosso Amazon che, potenziando ulteriormente la sua offerta apre il primo negozio senza cassa. Dall’idea senza dubbio originale e molto innovativa nasce un Fresh store in cui i clienti possono fare comodamente la spesa e uscire direttamente dalla corsia dedicata: “ senza pagare”. […]
  • Valentino dice addio alle pellicce e corre alla ricerca di nuovi materiali
    Mentre a Parigi sfila l’alta moda,  la maison di Valentino si esibisce virtualmente a Roma a Galleria Colonna. Il contrasto tra sontuosità del luogo ed il minimalismo della collezione è netto e per la prima volta uomo e donna sfilano insieme, una moda che non ha bisogno di definizione. Una sfilata che racconta la celebrazione […]
  • Il futuro del mercato immobiliare passa dalla casa in legno: un’abitazione con molti vantaggi
    Il futuro del mercato immobiliare potrebbe spostarsi dal mattone ad un materiale tanto semplice quanto resistente e sostenibile, come il legno. In particolare, il legno è il materiale per eccellenza alleato della sostenibilità ambientale perché aiuta a raggiungere al meglio l’autosufficienza energetica, permettendo di ridurre gli sprechi. Infatti, grazie alla sua elevata capacità di isolare […]
  • Hotel Chalet Mirabell: lo spirito di Merano!
    Nell’esclusivo Hotel a 5 stelle Chalet Mirabell ad Avelengo vicino Merano è possibile trascorrere le giornate più belle dell’anno tra lusso e naturalezza alpina, ampi spazi aperti e natura incontaminata. “Qualche anno fa la nostra passione ci ha portati a trasformare il nostro residence alpino da 16 camere nell’hotel 5 stelle Mirabell in Alto Adige. Abbiamo […]

Categorie

di tendenza