Connect with us
Pubblicità

Italia ed estero

La guerra mai dichiarata che minaccia l’Europa

Sono purtroppo sempre più insistenti le voci di chi attribuisce ai Paesi del Golfo un ruolo diretto nel processo di dissoluzione della Libia.

Pubblicato

-

Sono purtroppo sempre più insistenti le voci di chi attribuisce ai Paesi del Golfo un ruolo diretto nel processo di dissoluzione della Libia.

Ieri (lunedì) il Primo Ministro libico Abdullah al-Thinni ha accusato apertamente il Qatar di aver inviato tre aerei militari, carichi di armi, al gruppo di guerriglieri che controlla l'aeroporto di Tripoli. In una dichiarazione alla Qatar News Agency, il vice Ministro degli Affari Esteri qatariota Abdullah al-Rumaihi ha risposto all'addebito, rigettando in toto le accuse.

Pubblicità
Pubblicità

A questo scambio di battute si aggiungono almeno quattro misteriosi attacchi aerei portati a termine nella notte di lunedì da velivoli non identificati contro postazioni strategiche, controllate dai miliziani del gruppo ribelle Lybian Dawn.

Secondo media locali, sarebbero stati colpiti magazzini e depositi di armi nei sobborghi di Tripoli, provocando almeno una vittima.

Già in agosto, il New York Times aveva pubblicato alcune indiscrezioni di funzionari statunintensi, che indicavano l'Egitto e gli Emirati Arabi come i veri mandanti delle precedenti incursioni aeree segrete. Tuttavia non vi sono mai state ammissioni di responsabilità da parte dei rispettivi rappresentanti governativi per nessuno degli attacchi.

Pubblicità
Pubblicità

Nonostante il rigetto delle accuse da parte di tutte le vicine potenze regionali interessate, appare sempre più probabile la loro ingerenza diretta negli affari interni libici. Sembra infatti ripetersi quello schema a cui siamo oramai abituati fin dall'inizio delle prime manifestazioni della Primavera araba del 2011.

Ovunque vi sia stato un moto di protesta nel mondo arabo, sono infatti affluite armi e finanziamenti capaci di sovvertire l'ordine geopolitico esistente. A ben vedere, i finanziatori non erano mossi dall'intenzione di aiutare popolazioni oppresse da decenni e ridotte alla fame, ma erano piuttosto interessati ad aumentare la propria influenza regionale.

La lotta che, sommessamente, contrappone il Qatar all'Arabia Saudita ed agli altri Paesi del Golfo sta acquistando un'enorme rilevanza geopolitica ma continua ad avere una bassissima risonanza mediatica. Purtroppo, ciò che più si avverte sono le sue terribili conseguenze.

La tragedia siriana, le repressioni egiziane, la guerra civile in Libia, l'ostinazione di Hamas, i naufragi nel Mediterraneo e perfino il Califatto traggono, infatti, tutti inesorabilmente origine – perlomeno finanziaria – dallo scontro fratricida in atto all'interno del mondo sunnita.

Ora che anche la Libia si avvia ad essere considerato uno Stato fallito de facto e che gli scontri al suo interno hanno raggiunto un livello esasperante per la popolazione civile, l'Europa deve reagire. Appare necessario avviare un confronto diplomatico al fine di mettere tutti i Paesi del Golfo davanti alle proprie responsabilità, arrestare gli ingenti flussi di denaro e di armi diretti ai miliziani ed avviare un grande processo politico-militare che porti alla stabilizzazione dell'intera regione.

Davanti all'eventuale inerzia dei partners europei, dovrà essere l'Italia a lanciare un grido di allarme, perché con ogni probabilità sarà la prima ad essere travolta dalle conseguenze nefaste di questa guerra mai dichiarata.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Vado a vivere in un faro!
    Quante volte, leggendo Virginia Woolf o Jules Verne, avete fantasticato su come potrebbe essere vivere in un faro con la sola compagnia del vento e del mare? I fari, nell’immaginario collettivo, sono luoghi straordinari al confine fra mito e realtà, unico baluardo di salvezza per i navigatori durante le notti di tempesta. In realtà, senza […]
  • Hotel e Ristorante Villa Madruzzo: dove ricaricare le batterie a pochi chilometri da Trento
    A quattro chilometri dal centro di Trento si trova uno degli hotel più gettonati del momento: Villa Mandruzzo. Complici anche il ristorante e la meravigliosa area benessere, Villa Mandruzzo è presto diventato uno degli hotel più raccomandati tra coloro che vogliono venire a Trento per godersi alcuni giorni di meritato relax o anche solo per […]
  • Viaggio in Grecia, scegli il fascino mistico di Rodi
    La Grecia è uno di quei luoghi da sogno che tutti dovremmo visitare almeno una volta nella vita. Uno di quei paradisi terrestri neanche troppo lontani dall’Italia che con la sua storia, la sua cultura, il paesaggio naturale, incanta tutti, senza distinzione. Dalle città che hanno fatto la storia come la capitale Atene, simbolo dei […]
  • HP Reinvent: arrivano i nuovi PC per lo smart working
    Grandi novità in arrivo da parte di HP, azienda leader nel settore tecnologico. Durante l’attesissimo evento HP Reinvent dedicato ai propri partner, l’azienda ha lanciato nuovi Pc destinati allo smart working. Ma non solo: l’evento è stato utile per svelare tanti nuovi dispositivi e soluzioni per aiutare le aziende ed i professionisti a migliorare la […]
  • Abbigliamento casual uomo, tutte le dritte per non sbagliare
    Tutti pazzi per l’abbigliamento casual che non è solo comodo ma è anche fashion. Non bisogna confondere, infatti, che casual non è il sinonimo di trasandato e di un abbigliamento approssimativo. Non c’è pensiero più sbagliato perché oggi indossare abiti casual vuol dire vestirsi alla moda, in chiave moderna e innovativa, con uno stile senza […]
  • Isola in Irlanda cerca custodi: l’occasione per cambiare stile di vita per sei mesi
    La meta ideale per chi vuole entrare a contatto con la natura più incontaminata, allontanarsi dai ritmi frenetici della città, godendosi contemporaneamente un’esperienza di vita unica, si trova a Great Blasket Island, al largo della costa irlandese, dove è stata data l’opportunità attraverso un annuncio di lavoro, di cambiare stile di vita per sei mesi. […]
  • Illuminazione stradale accesa dal vento delle auto con l’innovativa di Turbine Light
    Con l’aumento di strade, autostrade e di reti viarie che necessitano di essere illuminate l’intera giornata, il fabbisogno energetico risulta essere in continuo aumento, costringendo a cercare diverse alternative per soddisfare e integrare le mutevoli esigenze di mercato. Uno dei problemi principali nel coprire la gestione territoriale urbana di reti periferiche e di grandi autostrade, […]
  • Auto elettriche, ricarica rapida: arriva la batteria del futuro che “fa il pieno” in cinque minuti
    I veicoli elettrici con tutti i loro vantaggi legati ai livelli di prestazioni e di emissioni, stanno diventando una componente essenziale per affrontare la crisi climatica internazionale. Un passo da compiere quasi inevitabile e già avviato in molti Paesi con l‘avvio di sussidi per l’acquisto di veicoli elettrici, ma ancora scoraggiato dai lunghi tempi di […]
  • Il Curriculum del futuro è anonimo: la Finlandia è la prima a sperimentarlo
    Per evitare discriminazioni di razza, sesso o età, in Finlandia stanno spopolando le selezioni anonime per chi è alla ricerca di lavoro. Una novità importante per gli uffici del Comune di Helsinki, che dalla scorsa primavera stanno sperimentando un processo di selezione del personale totalmente anonimo. La fase di analisi dei curriculum avviene senza che […]

Categorie

di tendenza