Connect with us
Pubblicità

Trento

Ex Sloi: è ora di muoversi

Se non vivi da queste parti, quando immagini Trento, ti viene in mente subito una parola: verde. Sì, perché nell’immaginario collettivo la città trentina è terra salubre e dedita all’ambiente. 

Pubblicato

-

Se non vivi da queste parti, quando immagini Trento, ti viene in mente subito una parola: verde. Sì, perché nell’immaginario collettivo la città trentina è terra salubre e dedita all’ambiente. 

Difficilmente troverete qualcuno che associ qualcos’altro a Trento.

Eppure, pochi in Italia sanno che la città “ospita” uno dei dieci siti più inquinati del Paese: l’ex S.L.O.I, ovvero l’area in cui operava laSocietà Lavorazioni Organiche Inorganiche”, dove si produceva il piombo tetraetile, oscura invenzione del secondo decennio del secolo scorso perché le case automobilistiche, sempre più interessate alla velocità piuttosto che alla semplice mobilità, dovevano assolutamente risolvere il problema del “battito in testa” del motore.

Pubblicità
Pubblicità

Una scoperta che ha sì elevato il potere antidetonante della benzina ma ha, al contempo, diffuso nell’ambiente una sostanza assai nociva per la salute degli uomini (basta pensare che il piombo figura al 2° posto nella lista delle sostanze pericolose indicate dall’ATSDR – Agency for Toxic Substances and Disease Registry – nordamericana nel 1999).

Premesso a ciò, dal 1938 al 1978, a Trento fu attiva la SLOI, una delle fabbriche di piombo tetraetile più produttive del mondo ma anche una di quelle che ha causato più vittime tra gli operai che vi hanno lavorato. I suoi battenti furono forzatamente chiusi in seguito all’incendio che avvenne il 14 luglio 1978 nei depositi della fabbrica.

In quella notte 100mila trentini rischiarono la propria vita, perché se le fiamme avessero colpito le cisterne di piombo tetraetile, la città avrebbe vissuto il momento più tragico della sua storia millenaria. Tutto bene quel che finisce bene? Macché… A distanza di 35 anni da quel fattaccio, la “fabbrica dei veleni”, così com’è stata ribattezzata nel corso del tempo, la cui proprietà è ancora privata, continua a inquietare.

Pubblicità
Pubblicità

Semplicemente perché è sempre al suo posto a creare potenzialmente danni irreparabili alla salute dei trentini. La soluzione è una ed una soltanto: la bonifica.

Come si legge su Wikipedia, infatti, “Sono 4 le società immobiliari proprietarie dell’area ex SLOI (Tim, Imt, Mit, Fransy) e la bonifica si compone di più fasi: la prima riguarda la decontaminazione delle rogge demaniali e richiede 27,50 milioni di euro (19,46 dal Ministero dell’Ambiente e 8,74 dalla Provincia di Trento[9]), partiranno nel 2013 per 3 anni di lavoro.

La seconda fase riguarda la bonifica dei terreni per la quale non si hanno ancora dati temporali certi ma che richiederà un impegno di 50 milioni di euro”. Ecco, mancano i soldi. Eppure, si continua a tergiversare, nonostante l’area dell’ex SLOI “interessi” almeno 20mila persone.

È ora di rimboccarsi le maniche e di attivarsi concretamente e in maniera agguerrita per non chiedere ma pretendere che tutto ciò che serve per la bonifica si faccia e nel più breve tempo possibile.

Al contempo, lavoriamo affinché la questione “Ex SLOI” – riabituatevi a questo nome, perché ne sentirete spesso parlare d’ora in avanti – venga pubblicizzata e promossa già da adesso, senza attendere il rinnovo del consiglio comunale, gli enti facciano qualcosa.

Non si può, infatti, più perdere tempo con gli effetti del piombo tetraetile, letale per l’uomo, soprattutto se si vuole pensare al riutilizzo dell’area per renderla abitabile. Altrimenti, siamo destinati ad ospitare per chissà quanto tempo nella ridente “Trento” un opificio fantasma di nome ma non di fatto, perché il veleno è in agguato…

 

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Il Curriculum del futuro è anonimo: la Finlandia è la prima a sperimentarlo
    Per evitare discriminazioni di razza, sesso o età, in Finlandia stanno spopolando le selezioni anonime per chi è alla ricerca di lavoro. Una novità importante per gli uffici del Comune di Helsinki, che dalla scorsa primavera stanno sperimentando un processo di selezione del personale totalmente anonimo. La fase di analisi dei curriculum avviene senza che […]
  • Path, l’universo sotterraneo di Toronto
    Quando il cielo cede velocemente il passo alle perfette geometrie della selva di grattacieli del centro, dominati dalla Canadian National Tower si apre la città di Toronto in Canada, con i suoi grandi villaggi residenziali, i suggestivi quartieri periferici e le enormi strade che corrono verso il cuore della metropoli. Nonostante si mostri davvero affascinante, […]
  • Il primo cuore artificiale ottiene marchio CE: ora può essere venduto in tutta Europa
    La tutela della salute è una sfida che coinvolge medici, scienziati ed ingegneri, insieme impegnati da secoli per rendere sempre più concreta la possibilità di trovare soluzioni in grado di compensare le scarse disponibilità dei donatori e aiutare la vita delle persone che soffrono di particolari patologie. Negli ultimi anni la ricerca ha reso questa […]
  • Liberare l’agricoltura dai vincoli climatici con intelligenza artificiale e serre verticali
    L’inarrestabile evoluzione dell’intelligenza artificiale allarga si suoi già immensi confini coprendo anche l’importante mondo dell’agricoltura, puntando ad una vera rivoluzione agricola. L’esperimento di respiro europeo porta l’intelligenza artificiale nella conduzione di serre verticali che aiutano a rendere la produttività 400 volte superiore rispetto a quella tradizionale di colture orizzontali. Sfruttando l’intelligenza artificiale, con l’aiuto di applicazioni […]
  • Cereria Ronca: il posto dove alta qualità e rispetto per l’ambiente si incontrano
    Da oltre 160 anni, le candele della Cereria Ronca danno un tocco di luce e calore agli spazi dei propri clienti: cilindri, sfere, tortiglioni adatte ad ogni occasione vengono create ad hoc per illuminare e profumare l’ambiente. Dal 1855, infatti, Cereria Ronca produce e vende candele made in Italy a marchio, personalizzate o per conto di […]
  • Locherber Milano e l’arte della profumazione di ambiente
    Candele, diffusori, intense fragranze ed eccellenza sono i pilastri di Locherber Milano, brand creato dopo tre generazioni di sviluppo di prodotti cosmetici e grazie al connubio tra precisione svizzera e passione Italiana. L’azienda, gestita autonomamente grazie alla conduzione familiare, permette di mantenere un ethos invariato ed una propria libertà creativa. Le fragranze esclusive di Locherber Milano […]
  • Thun: l’atelier creativo simbolo di Bolzano e dell’Alto Adige
    La storia di THUN ha inizio nel 1950 con la nascita del primo Angelo di Bolzano, la dolce figura ceramica che Lene Thun modellò guardando i figli che dormivano. Oggi l’Angelo è universalmente riconosciuto come simbolo dell’Alto Adige e della città di Bolzano, ed è presente in moltissime case italiane ma non solo. Negli anni […]
  • “ Kalabria Coast to Coast”: un cammino di 55 km per vivere la vera essenza della Calabria
    La Calabria è la regione dove mare e montagna sono così vicini da poter essere vissuti nella stessa giornata: caratteristica unica e particolare che ha spinto la nascita di “Kalabria Coast to Coast”, un percorso naturalistico di 55 km da assaporare a passo lento tra filari di vite, distese di ulivi, boschi e piccoli caratteristici […]
  • Treni con cupole in vetro: l’esperienza di lusso per diventare i veri protagonisti del viaggio
    Se è vero che l’aereo rimane il mezzo di trasporto preferito da chi deve fare viaggi lunghi, è altrettanto evidente che i viaggiatori hanno riscoperto i numerosi vantaggi del trasporto su rotaia. Entrando nel cuore di ogni città, costeggiando i litorali e attraversando vallate e montagne, il treno ha la capacità di resuscitare il vero […]

Categorie

di tendenza