Connect with us
Pubblicità

Trento

No alla chiusura del reparto maternità a Tione, consegnate 23mila firme ad Ugo Rossi

Sono state consegnate ufficialmente al Presidente della Provincia Ugo Rossi e all'Assessore alla Sanità Donata Borgonovo Re i plichi con le firme raccolte mediante la petizione "Salviamo l'ospedale di Tione e il nostro Punto nascite".

Pubblicato

-

Pubblicità

Pubblicità

Sono state consegnate ufficialmente al Presidente della Provincia Ugo Rossi e all'Assessore alla Sanità Donata Borgonovo Re i plichi con le firme raccolte mediante la petizione "Salviamo l'ospedale di Tione e il nostro Punto nascite".
 
Oltre 23 mila firme, un numero davvero elevato se si considera che le Giudicarie hanno una popolazione di 37.635 abitanti e che le adesioni sono state raccolte in meno di un mese.
 
Consegnate anche le delibere della Comunità e dei Comuni delle Giudicarie ( 38 ) che ribadiscono l'esigenza di avere una visione complessiva rispetto al sistema sanitario trentino e la necessità di coinvolgimento dei Territori nelle decisioni relative al sistema sanitario e alla rete ospedaliera.
 
Presentato anche il documento di pari tenore inviato da ben sei Comunità di Valle all'attenzione della Provincia Patrizia Ballardini e all'assessore Luigi Olivieri, l'intera Giunta della Comunità delle Giudicarie, numerosi sindaci e assessori giudicariesi e i capigruppo assembleari.
 
Con loro, a conferma di quanto la questione sia sentita e condivisa il Presidente del Consiglio delle Autonomie Paride Gianmoena, e i Presidente delle Comunità della Valsugana e Tesino Sandro Dandrea, della Val di Fiemme Raffaele Zancanella, della Val di Sole Alessio Migazzi e la Procuradora del Comun General de Fascia Cristina Donei.
 
La Val di Non rappresentata dall'Assessore della Comunità Stefano Graiff. Presente anche il Sindaco di Cavalese Silvano Welponer.
 
"L'ipotesi di chiusura del Punto nascite ha davvero mobilitato il territorio" sottolinea la Presidente Patrizia Ballardini"I giudicariesi hanno voluto far sentire la propria voce manifestando apertamente la convinzione che i servizi sanitari legati alla maternità e più in generale all'ostetricia e ginecologia sono essenziali in un territorio come questo, con la garanzia di qualità e di sicurezza. La massiccia adesione alla petizione, nella quale si chiede anche un effettivo coinvolgimento nella definizione del Piano Sanitario Provinciale, ci ha fatto toccare con mano come il presidio ospedaliero sia ritenuto da tutti un patrimonio essenziale, costruito dalla comunità locale e gestito in autonomia per molti anni, che non può essere progressivamente depotenziato o messo in discussione."
 
"Crediamo di aver utilizzato ogni occasione utile all'interno dei momenti istituzionali concessi per far presente quanto sia importante per la sopravvivenza dei nostri territori il mantenimento il potenziamento dei servizi" commenta l'assessore Olivieri.
 
"In merito all'ospedale eravamo sicuri che la battaglia portata avanti godesse dell'appoggio della popolazione, ma il plebiscito che c'è stato con la raccolta firme rafforza da una parte la nostra azione, dall'altra ci dà la possibilità oggi di far toccare con mano anche alla giunta provinciale qual è il volere dei Giudicariesi."
 
Non solo. "La massiccia adesione alla petizione di chi viene in vacanza nelle Giudicarie, turisti in gran parte proprietari di seconde case, ci dice che per molti il presidio ospedaliero è ritenuto una componente fondamentale dell'offerta nel momento in cui si sceglie una destinazione. Forse per questo sono state ben il 34,2% le firme apposte da non residenti in Giudicarie e Provincia di Trento sotto la petizione, accompagnate da numerose testimonianze di plauso per i servizi dell'ospedale.
 
Rassicuranti ancora una volta le parole del presidente Ugo Rossi:"non è prevista alcuna ipotesi di chiusura dell'ospedale di Tione, è stato avviato un ragionamento per rimodulare il servizio legato al punto nascite, ai fini di accompagnare le donne sia durante la gravidanza, sia nel momento del parto nei mesi successivi, così delicati per le mamme per i loro bambini."
 
Un primo risultato questo, considerato che sino a fine luglio l'assessore Borgonovo Re aveva ribadito in ogni sede che la sua decisione di chiudere il punto nascita di Tione era ormai definitiva e si basava su valutazioni non di carattere economico, ma di appropriatezza e qualità del servizio offerto, oltre che sul dato relativo al numero di parti, inferiore rispetto la soglia minima che giustificherebbe la presenza di un reparto in base alle attuali normative.
 
 
 

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
Rovereto e Vallagarina3 giorni fa

Tragico incidente nella notte a Isera, perde la vita un 21 enne di Avio

Val di Non – Sole – Paganella5 giorni fa

Mamma orsa in giro con i cuccioli a Spormaggiore – IL VIDEO

Trento2 giorni fa

Rischia di travolgere i bambini, bloccato dai genitori: «Sono soggetto alla 104, non possono farmi nulla»

Trento5 giorni fa

Tutti animalisti con gli orsi degli altri

Rovereto e Vallagarina3 giorni fa

Noriglio in mano alle baby gang e al degrado. La denuncia di Andrea Bertotti

Fiemme, Fassa e Cembra4 settimane fa

Trentasette anni fa la tragedia di Stava: per non dimenticare!

Trento6 giorni fa

Mega rissa tra stranieri in centro storico nella notte – IL VIDEO

eventi5 giorni fa

Miss Italia: è Eleonora Lepore di San Candido «Miss Schenna»

Val di Non – Sole – Paganella6 giorni fa

Per ferragosto a Cles quattro giorni di eventi ‘fantastici’

Trento2 giorni fa

Vittoria De Felice contro il PD Trentino: «Partito borghese che non vede i veri problemi della gente»

Trento5 giorni fa

Morì durante una pratica sadomaso a Trento: assicurazioni condannate a risarcire la famiglia

Rovereto e Vallagarina5 giorni fa

Ritrovato dopo due giorni il corpo di Willy, il ragazzo annegato nel lago di Lavarone

fashion4 giorni fa

Ecco la donna più desiderata dagli italiani per una «scappatella»

Val di Non – Sole – Paganella5 giorni fa

Escono di strada con la moto, deceduti due motociclisti

Fiemme, Fassa e Cembra2 giorni fa

Miss Italia torna a Moena: la reginetta è Giulia Barberini. Eletta anche la Soreghina 2023

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza