Connect with us
Pubblicità

Italia ed estero

Referendum in Scozia: l’Europa non ha bisogno di nuovi muri

Nella prima metà del II secolo d.C. l'Inghilterra e la Scozia vennero separate dal Vallo di Adriano, una fortificazione in pietra che prende il nome dell'imperatore romano che ne ordinò la costruzione. Oggi, diciannove secoli dopo, gli indipendentisti scozzesi, guidati dal loro carismatico leader Alex Salmond, provano a costruire un nuovo muro.

Pubblicato

-

Nella prima metà del II secolo d.C. l’Inghilterra e la Scozia vennero separate dal Vallo di Adriano, una fortificazione in pietra che prende il nome dell’imperatore romano che ne ordinò la costruzione. Oggi, diciannove secoli dopo, gli indipendentisti scozzesi, guidati dal loro carismatico leader Alex Salmond, provano a costruire un nuovo muro.

Il prossimo 18 settembre infatti, la popolazione scozzese sarà chiamata a pronunciarsi in un referendum storico che potrebbe sancire l’indipendenza di Edimburgo da Londra. Se vincesse il fronte del si, un nuovo confine dividerebbe ciò che è stato unito per ben 300 anni.

E questo potrebbe essere solo l’inizio. In un effetto domino dalle dimensioni tanto enormi quanto imprevedibili, Catalogna, Fiandre, Bretagna, Corsica, Frisia potrebbero seguire a ruota. Si tratterebbe di una vera e propria balcanizzazione dell’Europa.

Pubblicità
Pubblicità

Viene innanzitutto da chiedersi per quale libertà stiano lottando gli indipendentisti scozzesi. Si tratta della libertà di decidere autonomamente il proprio destino, proteggendo la propria specificità storico-culturale? Non si direbbe.

E’ si vero che nei secoli precedenti le politiche repressive perpetrate da Londra giustificavano il desiderio di autodeterminazione del popolo scozzese. Ma al giorno d’oggi il governo centrale non rappresenta più una minaccia per Edimburgo. La Scozia gode infatti di una notevole autonomia, che in questi giorni il premier britannico David Cameron si è impegnato ad aumentare ulteriormente in caso sconfitta del fronte secessionista.

Qual’è allora la libertà per cui si battono i nazionalisti scozzesi? Si tratta di una libertà meno nobile, connessa al desiderio di spendere come meglio si crede la propria ricchezza e impedire che gli altri possano trarne vantaggio.

Pubblicità
Pubblicità

Il ritorno delle rivendicazioni autonomiste in Scozia, come negli altri paesi abitati da significative minoranze nazionali, ha coinciso infatti con la crisi finanziaria. Le politiche d’austerità adottate dal governo di Sua Maestà in risposta alla crisi hanno infatti imposto dei sacrifici aggiuntivi agli scozzesi.

Queste richieste sono state percepite come un tentativo del governo centrale di impadronirsi delle loro risorse e di impiegarle altrove. Non è quindi per la libertà di espressione e di autodeterminazione che si batte il fronte indipendentista scozzese, ma piuttosto per mettere la mani sul petrolio del Mare del Nord o per prevenire il tracollo dello stato sociale.

Pubblicità
Pubblicità

Che si voglia condividere o meno il fine di questa lotta, non va perso di vista un aspetto fondamentale. Se vinceranno, i nazionalisti scozzesi avranno disperatamente bisogno che il loro nuovo stato entri a far parte dell’Unione Europea. Altrimenti la loro economia arretrerà, non potendo più godere dei benefici associati al mercato unico europeo.

Si tratta di una strada decisamente in salita. Stando alle parole del presidente uscente della Commissione europea José Manuel Barroso, la Scozia non godrà di nessuno sconto: la procedura di ammissione sarà quella standard. In altre parole, basterà l’opposizione di un solo stato membro per impedire agli scozzesi di tornare nel club.

Questo tentativo di uscire dalla porta secondaria per rientrare da quella principale genera perplessità anche per un altro ordine di ragioni. A tal riguardo, la svolta indipendentista di Edimburgo striderebbe terribilmente con quelli che sono i principi alla base del mercato unico europeo.

Il mercato unico, vero successo dell’integrazione europea, consiste infatti nell’eliminazione delle barriere alla circolazione di persone, beni, capitali e servizi tra i vari paesi europei. La creazione di un nuovo confine tra Scozia e Gran Bretagna andrebbe proprio nella direzione opposta. Questo nuovo muro, per quanto poroso, costituirebbe pur sempre un ostacolo alla libera circolazione.

Non è perciò affidandosi a vecchi modelli che la Scozia riuscirà a vincere le sfide della globalizzazione. La crisi finanziaria ha messo a nudo tutte le debolezze dello stato nazionale. La soluzione va cercata altrove, in Europa. Un’ Europa che sia capace di essere qualcosa di più della mera somma dei suoi stati membri.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Dai semi di mela un olio “green” per uso alimentare e cosmetico
    Da assaggiare cruda nell’insalata o cotta nella torta, fino alle bevande con succhi, centrifugati e la versione alcolica, il sidro: le mele sono in assoluto uno dei frutti più versatili nonché sani da utilizzare in cucina. Nonostante la mela sia un frutto quasi completamente commestibile, il residuo di una lavorazione ad uso industriale è il […]
  • Lago Nero e Cornisello: luoghi mozzafiato incastonati tra le Dolomiti di Brenta
    Tra le spettacolari Dolomiti di Brenta è possibile trovare dei paesaggi davvero mozzafiato. Alcuni di questi è possibile immortalarli in Val Nambrone, una diramazione della Valle di Campiglio, che porta alle cime del gruppo della Presanella. Questa zona è famosa soprattutto per i suoi laghi alpini tra cui il Lago Nero ed i laghi di […]
  • Vestiti digitali: l’abito che compri, indossi ma non esiste
    Dietro al glamour e allo scintillio dei vestiti nuovi, appena usciti dai negozi, il mondo della moda si ritrova in una fase epocale di cambiamento trainata dalla trasformazione dei comportamenti di acquisto dei prodotti, dalle diverse esigenze dei consumatori e soprattutto dalla forte rivoluzione digitale. In ambito fashion infatti, i cambiamenti più significativi riguardano la […]
  • Gelato alla frutta o gelato alle creme? Questo è il dilemma
    Che estate sarebbe senza gelato? Colorato, fresco, gustoso e perfetto per una merenda golosa o per una serata davanti al ventilatore, il gelato è un must della bella stagione. I gusti ormai sono infiniti, si va dal dolce al salato, dal classico gelato al gelato fritto… insomma, ce n’è per tutti i palati! Ma è […]
  • Da aerei e droni, “bombe di semi” contro la deforestazione in Thailandia
    La fame di risorse naturali che portano alla riconversione di zone naturali in coltivazioni e zone urbane è un fenomeno storico, noto fin dalle origini antiche ma mai così sviluppato come nelle proporzioni attuali. La deforestazione infatti, è considerata uno dei più grandi mali della società moderna che, oltre ad aggravare una vasta gamma di […]
  • Isole Borromee: le tre incredibili ‘perle’ del lago Maggiore
    Incastonato tra i rilievi collinari e montuosi delle terre svizzere e quelle italiane, nelle regioni di Lombardia e Piemonte si aprono le meravigliose acque del Lago Maggiore, rese spettacolari dai tratti di costa punteggiata di castelli, ville monumentali e circondate dai rigogliosi e coloratissimi giardini. Dal favoloso clima, alle bellezze architettoniche, alla ricca eredità archeologica, […]
  • Eco Bonus 110% esteso anche alle seconde case
    Nonostante il tanto desiderato Super Eco Bonus del 110 %, il pacchetto di incentivi fiscali relativi alle detrazioni per le riqualificazioni energetiche e misure antisismiche sia entrato ufficialmente in vigore dal mese di luglio 2020, si pensa già ad un allargamento della platea per la super detrazione. È stata presentata infatti, una riformulazione di un […]
  • Ghiaccioli fatti in casa: mille gusti di golosità!
    Quando arriva l’estate nei nostri congelatori non mancano mai alcune scatole di ghiaccioli. Golosi, gustosi, colorati e adatti a tutti i gusti: i ghiaccioli possono essere l’ingrediente perfetto per una merenda tra amici, fresca e rigorosamente instagrammabile. Ma è davvero così complicato prepararli? Gli ingredienti per preparare i ghiaccioli sono davvero semplici e pochi: i […]
  • Garda See Charter: tra l’arte del navigare e un’avventura sportiva
    Venti che soffiano costanti e regolari, onde perfette e mai eccessivamente abbondanti, acqua celeste e leggermente illuminata dai caldi raggi del sole che rendono il clima mite tutto l’anno: queste sono solo alcune delle condizioni ideali per un’esperienza in barca a vela sulle acque del Lago di Garda. Quello del Lago di Garda, tra il […]

Categorie

di tendenza