Connect with us
Pubblicità

Italia ed estero

Il prezzo della libertà: il referendum scozzese tra cuore e portafoglio

Possono toglierci la vita, ma non ci toglieranno mai la libertà”, così l'eroe nazionale scozzese William Wallace, interpretato da Mel Gibson nella famosissima pellicola Braveheart (Cuore Impavido) del 1995. 

Pubblicato

-

Possono toglierci la vita, ma non ci toglieranno mai la libertà”, così l’eroe nazionale scozzese William Wallace, interpretato da Mel Gibson nella famosissima pellicola Braveheart (Cuore Impavido) del 1995.

Nel 1305 Wallace venne giustiziato pubblicamente dalle autorità britanniche, dopo aver guidato una ribellione contro l’occupazione della Scozia da parte degli inglesi. Tra otto giorni, i suoi connazionali ci riproveranno. Il referendum del 18 settembre porrà infatti gli scozzesi di fronte a un quesito secco: “La Scozia dovrebbe essere un Paese indipendente?

E’ una battaglia tra cuore e mente, combattuta sul terreno del sentimento ma anche e soprattutto su quello dell’economia. Valuta, posti di lavoro, risorse petrolifere: questi i temi sui quali è stato incentrato il dibattito tra il fronte del sì, guidato dal Wallace del ventunesimo secolo, il leader nazionalista Alex Salmond, e il fronte del no, capeggiato dall’ex ministro del Tesoro Alistair Darling.

Pubblicità
Pubblicità

Il vecchio stereotipo dell’oppressore inglese è stato quindi soppiantato dalla discussione sul benessere economico. “Miraggio della ricchezza” o “Scozia indipendente ma più povera”, sono questi gli slogan con cui si sta giocando la battaglia per l’ultimo voto.

Un primo dubbio riguarda la valuta. Se la Scozia sarà indipendente continuerà a utilizzare la sterlina? Il fronte del sì sostiene che la sterlina deve continuare a essere la moneta degli scozzesi. A tale piano si oppongono però non solo tutti e tre i maggiori partiti britannici, e cioè conservatori, laburisti e liberal democratici, ma anche il governatore della Banca d’Inghilterra, Mark Carney. “Un’unione monetaria è incompatibile con la sovranità” ha tagliato corto il numero uno della Bank of England. In altre parole, “se volete l’indipendenza, scordatevi pure la sterlina”.

Anche sul versante dei conti pubblici la questione è maledettamente intricata. Come verrebbe suddiviso il debito tra i due paesi? Secondo alcune simulazioni, il rapporto debito-Pil di quel che resterebbe del Regno Unito rischierebbe di salire addirittura di più del 10%.

Pubblicità
Pubblicità

Il tema più scottante è però un altro. Chi metterà le mani sul petrolio del Mare del Nord? Dal 1964, anno in cui iniziò l’estrazione del petrolio nel mare scozzese, sono stati prodotti all’incirca 42 miliardi di barili. Si stima che con le riserve non sfruttate sia possibile produrre ancora 24 miliardi di barili. Secondo l’Istituto Nazionale di Ricerca Economica e Sociale inglese, il 91% dei ricavi derivanti dall’estrazione del petrolio spetterebbe alla Scozia indipendente.

Ma il governo scozzese potrebbe mettere le mani sull’oro nero solo in seguito a interminabili negoziati con il governo britannico e con il colosso del settore energetico British Petroleum, che hanno affrontato finora la maggior parte degli investimenti su pozzi e piattaforme. A ciò si aggiunge il pericolo di fare eccessivo affidamento su una risorsa che è comunque destinata a esaurirsi.

Pubblicità
Pubblicità

Una cosa è certa: l’indipendenza scozzese porterebbe con sé opportunità, svantaggi e incertezze. E il fronte del sì non può contrastare l’incertezza sul piano fattuale. Può solo limitarsi a speculare sul rapporto tra opportunità e svantaggi.

Il popolo scozzese ha in verità molto da perdere. Sanità e pensioni sarebbero in tal senso le due maggiori sfide per una Edimburgo separata da Londra. I giovani scozzesi che emigrano in Inghilterra sono infatti in aumento. Il risultato? La popolazione scozzese è sempre più anziana e graverà in maniera via via più insopportabile sul sistema pensionistico e sanitario.

Ciononostante, le ultime proiezioni danno gli indipendentisti in leggero vantaggio, al 51%. Una vittoria del sì è data però ancora come molto improbabile. Le argomentazioni economiche non bastano da sole a convincere il popolo scozzese a scegliere la speranza sull’incertezza. Ma sono invece più che sufficienti per mantenere lo status quo.

Se vogliono vincere la loro disperata battaglia, i leader del fronte indipendentista non hanno perciò alternativa: devono stracciare le statistiche e cominciare a parlare al cuore dei loro elettori.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • PubblicitàPubblicità
  • Eco Bonus 110% esteso anche alle seconde case
    Nonostante il tanto desiderato Super Eco Bonus del 110 %, il pacchetto di incentivi fiscali relativi alle detrazioni per le riqualificazioni energetiche e misure antisismiche sia entrato ufficialmente in vigore dal mese di luglio 2020, si pensa già ad un allargamento della platea per la super detrazione. È stata presentata infatti, una riformulazione di un […]
  • Ghiaccioli fatti in casa: mille gusti di golosità!
    Quando arriva l’estate nei nostri congelatori non mancano mai alcune scatole di ghiaccioli. Golosi, gustosi, colorati e adatti a tutti i gusti: i ghiaccioli possono essere l’ingrediente perfetto per una merenda tra amici, fresca e rigorosamente instagrammabile. Ma è davvero così complicato prepararli? Gli ingredienti per preparare i ghiaccioli sono davvero semplici e pochi: i […]
  • Garda See Charter: tra l’arte del navigare e un’avventura sportiva
    Venti che soffiano costanti e regolari, onde perfette e mai eccessivamente abbondanti, acqua celeste e leggermente illuminata dai caldi raggi del sole che rendono il clima mite tutto l’anno: queste sono solo alcune delle condizioni ideali per un’esperienza in barca a vela sulle acque del Lago di Garda. Quello del Lago di Garda, tra il […]
  • “Vivi internet, al meglio”: la piattaforma di Google per aiutare gli adulti a guidare i ragazzi sul web
    Dalla sua nascita l’immenso mondo del web ha concretizzato le necessità in facili possibilità ma con la sua inarrestabile evoluzione sta offrendo, sopratutto al pubblico più giovane, altrettante insidie e minacce. Secondo una ricerca commissionata da Google, nonostante l’85% degli insegnanti italiani intervistati non abbia i mezzi sufficienti per affrontare questo tipo di problematiche, il […]
  • Sacro Bosco di Bomarzo: un luogo tra sogno e realtà
    Non tutti sanno che nel cuore della Tuscia Laziale, in provincia di Viterbo, si trova un bosco dove immaginazione e paure prendono forma: il Sacro Bosco di Bomarzo, noto ai più come Parco dei Mostri di Bomarzo. In letteratura e nell’arte, il bosco è spesso visto come metafora di caos, turbamento, inquietudine, vita, perdita della […]
  • Arredare green: la scelta di vivere sostenibile
    La connessione fondamentale tra essere umano e natura trova forte legame e accordo con un incredibile risultato in molti settori: dall’abbigliamento, alla arte culinaria fino all’arredamento di spazi interni ed esterni. Per gli appassionati di aree verdi e naturali, la nuova tendenza che guarda al futuro del design è uno sguardo verso Madre Natura, composto […]
  • “ Sentiero dei Parchi”: presto anche l’Italia avrà il suo Cammino di Santiago italiano
    Dai Tg flash, ai treni velocissimi ai fast food fino ai pranzi al volo: viviamo in un mondo in cui la velocità è diventata una dote essenziale e molto ricercata, ma esiste un’alternativa che cerca di promuovere il valore della lentezza e della scoperta. Esistono infatti, diversi modi di viaggiare e dopo lo slow food […]
  • “Regalati il Molise”:case vacanze gratis per rilanciare turismo e piccoli borghi
    Nell’anno in cui l’emergenza sanitaria ha rotto tutti gli schemi del classico turismo legato alle grandi mete e alle vacanze tradizionali, una delle regioni più piccole d’Italia ha deciso di riaprire i confini del turismo con una particolare iniziativa aperta al mondo: “ Regalati il Molise perché il Molise è un regalo speciale”. L’annuncio arriva […]
  • Cortina d’Ampezzo plastic- free: da luglio stop a plastica in ristoranti, bar ed eventi
    Preservare la salute del pianeta e del nostro futuro è diventato una delle urgenze più importanti del momento, tanto da impegnare associazioni governative internazionali e Governi di tutto il mondo per trovare una soluzione efficacie alle problematiche ambientali. Dallo sfruttamento delle energie rinnovabili, alla raccolta differenziata, molte sono le soluzioni fino ad ora utilizzate per […]

Categorie

di tendenza