Connect with us
Pubblicità

Trento

«Porte aperte»: Ugo Rossi show con centinaia di persone in visita al palazzo della provincia

L’Autonomia è un valore della comunità trentina. E lo dimostrano le centinaia di persone che nella giornata di oggi hanno affollato il Palazzo della Provincia autonoma di Trento di piazza Dante a Trento, in occasione dell’iniziativa “Porte aperte”.

Pubblicato

-

L’Autonomia è un valore della comunità trentina. E lo dimostrano le centinaia di persone che nella giornata di oggi hanno affollato il Palazzo della Provincia autonoma di Trento di piazza Dante a Trento, in occasione dell’iniziativa “Porte aperte”.

Dalle 10 alle 18, i cittadini hanno avuto accesso alla Sala Depero e agli uffici della presidenza, dove il presidente Ugo Rossi e il suo staff li hanno accolti: “Il Palazzo è di tutti – ha spiegato il presidente, conversando con la gente –. L’Autonomia è un bene, un valore prezioso che va condiviso con la comunità ed è per questo che è nata ‘Porte Aperte’. Abbiamo voluto ribadire che siamo vicini a loro e che questa, così come l’Autonomia, è anche la loro casa. La risposta della gente trentina è stata positiva e chiudiamo al meglio due giorni davvero importanti. Oggi è una bella giornata per il Trentino”.

Centinaia di persone – donne, uomini, ragazzi e bambini – hanno fatto visita oggi al Palazzo della Provincia autonoma di Trento di piazza Dante a Trento, aperto al pubblico dalle ore 10 alle 18. I cittadini hanno potuto ammirare i dipinti e gli arredi di Fortunato Depero, nella Sala intitolata all’artista di Rovereto, così come hanno avuto l’opportunità di entrare nella sale della presidenza, il cuore della vita amministrativa e politica del Trentino.

Pubblicità
Pubblicità

Ad accoglierli è stato il presidente Ugo Rossi che ha accompagnato buona parte dei visitatori nella sala della giunta e nel suo studio, svelando la quotidianità di un contesto a cui non è sempre facile accedere.

“L’Autonomia – ha detto Rossi ai trentini che lo hanno incontrato – è una straordinaria opportunità per continuare a progettare il nostro futuro e costruire il futuro dei nostri giovani. Tutti devono avere la consapevolezza della difficoltà incontrate per ottenerla, farla crescere e dare una prospettiva ad un progetto che non è solo politico, ma che investe la cultura e il sentire comune di un intero territorio”.

Non sono mancati momenti “leggeri”, creati dalla spontaneità dei più giovani. Un gruppo di bambini ha chiesto al presidente cosa fosse la sala della giunta: “Qui si prendono le decisioni importanti per il Trentino ”, ha risposto il presidente. “E lei è il capo?”, ha chiesto uno di loro. “Sono il presidente…”, ha risposto Rossi. “Bene – ha continuato il bambino – allora mi siedo al tuo posto e con i miei amici prendiamo anche noi una decisione importante: vogliamo che tutti vivano bene in Trentino”.

Detto fatto, i bambini hanno firmato su carta intestata la loro decisione, sotto gli occhi di un presidente divertito.

Ad un gruppo di persone, il presidente ha svelato un suo cambio di stile: “Dopo un anno di governo – ha rivelato Rossi – sento il bisogno di tornare sul territorio, mi manca sempre più il contatto con la gente. In questi mesi abbiamo lavorato molto sulla riorganizzazione della Provincia, abbiamo avviato una serie di interventi prioritari. Nei prossimi mesi voglio incontrare molto più i cittadini, parlare e discutere dei problemi con le persone”.

Pubblicità
Pubblicità

Nel pomeriggio, Rossi ha incontrato anche i ragazzi della Consulta provinciale degli studenti che hanno firmato il video “E se…”, realizzato per la Giornata dell’Autonomia 2014. “Vi ringrazio come persona e a nome della comunità trentina – ha esordito il presidente – il vostro video ha trasmesso un messaggio autentico circa il valore dell’Autonomia. Questa esperienza si ripeterà in futuro”.

I ragazzi della Consulta hanno conversato con il presidente per circa mezz’ora, toccando i temi più diversi: da quelli personali sulla giornata tipo di un presidente agli impegni politici, dalla difesa dell’autonomia all’attività “romana” ed europea con l’Euregio per concludere con la scuola. “Il mio lavoro – ha concluso Rossi – è merito di uno staff e di una struttura, fatta di dirigenti e personale della Provincia, che quotidianamente mi segue e sostiene, mettendomi nella condizione di far fronte a più impegni in diversi contesti. Da presidente ho l’obbligo di confrontarmi con un’altra squadra, la giunta provinciale, per rispondere al meglio alle aspettative legittime della gente trentina”.

In serata le porte del Palazzo sono tornate a chiudersi, ma già da lunedì si riapriranno. E non solo per dipendenti o collaboratori

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Giappone propone vacanze quasi gratis per rilanciare il turismo
    Negli ultimi mesi, il Giappone come tutti gli altri Stati del mondo, ha subito un forte rallentamento dal punto di vista turistico a causa dell’emergenza sanitaria da Covid – 19, arrivando ad un calo del 99.9% del turismo locale con neanche 3 mila arrivi durante il mese di aprile. Inoltre, considerando che il 2020 avrebbe […]
  • Coronavirus: distributori automatici di mascherine gratuite
    Nel periodo in cui la massima attenzione all’igiene e al distanziamento sociale sono la priorità principale per ogni Governo del mondo, la città di Singapore in stato di lockdown fino a giugno, ha deciso di contenere la diffusione da Covid – 19, garantendo a tutti i cittadini mascherine gratuite attraverso particolari distributori automatici. La caratteristica […]
  • NASA, progetta il sistema per prevedere alluvioni e siccità fino a 60 giorni prima
    Vista dallo spazio la Terra appare come un Pianeta Blu grazie alle grandi distese di acqua in continuo movimento che ricoprono il 70% dell’intera superficie. Da quando evapora, fino a quando cade pioggia alimentando le falde acquifere, l’intero ciclo dell’acqua dolce è così importante da essere al centro di alcuni programmi di ricerca internazionali volti […]
  • Borghi italiani dimenticati: incentivi, bonus e aste a partire da 1 euro per ripopolarli
    Da nord a sud l’Italia intera è costellata di Borghi che conservano, identità, mestieri e saperi di un patrimonio immateriale e materiale di una storia unica al mondo certificata dall’Unesco. Alcuni di questi, vengono chiamati “comuni a rischio scomparsa” a causa delle loro ridottissime dimensioni, eppure fanno parte del patrimonio storico e artistico italiano, rappresentando […]
  • Covid, oltre 60.000 perdono il lavoro: lo Stato li assume per un importante progetto
    L’emergenza sanitaria da Coronavirus con le misure preventive, indubbiamente necessarie al fine di contrastare la pandemia, hanno gravemente frenato i consumi mondiali, con pensanti ripercussioni sull’intero tessuto imprenditoriale. Tutto questo, ha portato inevitabili e devastanti conseguenze non solo per le abitudini sociali, ma anche e sopratutto per il settore produttivo ed economico. Nel mondo infatti, […]
  • Coronavirus: da nord a sud l’Italia ringrazia con vacanze gratis ai sanitari impegnati nella battaglia
    Nonostante l’emergenza sanitaria, lo abbia pesantemente logorato, esiste un pezzo del settore turistico italiano che vuole ringraziare tutti i medici, operatori sanitari e ausiliari che, durante questi mesi sono stati impegnati, spesso senza tregua per salvare le vite di moltissime persone affette da Coronavirus dedicando loro una splendida ed esclusiva vacanza gratuita. Infatti, in vista […]
  • Civita Bagnoregio: l’incredibile borgo sospeso sulla Valle dei Calanchi
    Tra il lago Bolsena e la Valle del Tevere, nel Comune di Bagnoregio in provincia di Viterbo, si estende un’ immensa area lunare che regala un paesaggio davvero particolare caratterizzato da una successione di rocce argillose in erosione per effetto degli agenti atmosferici detti “calanchi”. Quello dei calanchi è un ambiente decisamente unico che offre […]
  • La Vespa Samurai usata in agricoltura contro il “nemico”, la cimice asiatica
    Arrivata in Italia nel 2012, la cimice marmorata (Halyomorpha halys) detta anche cimice asiatica, è una specie invasiva aliena proveniente dalla Cina che, nel corso del 2015 dopo una rapida e capillare diffusione in quasi tutte le Regioni italiane, ha causato ingenti danni sopratutto alle produzioni ortofrutticole concentrandosi su meli, peri, peschi e ciliegi. A seguito […]
  • Australia in lockdown e senza turisti: i sub decidono di ripopolare la Grande Barriera Corallina
    Quando, a causa di un’emergenza sanitaria mondiale i turisti non ci sono, la natura risorge e ne approfitta per riappropriarsi degli spazi o, più incredibilmente concedere alla mano umana di rallentare il declino di alcune delle zone più belle del mondo. Si tratta della Grande barriera Corallina al largo delle coste australiane che, a causa […]

Categorie

di tendenza