Connect with us
Pubblicità

Italia ed estero

Mosse e contromosse: a giocare con Mosca perdi sempre

Reagiremo se l'Unione Europea imporrà nuove sanzioni”, minaccia il ministro degli Esteri russo Sergej Lavrov, dopo che ieri gli ambasciatori dei 28 paesi membri dell'Ue hanno raggiunto un accordo per l'adozione di nuove misure restrittive contro la Russia.

Pubblicato

-

Reagiremo se l’Unione Europea imporrà nuove sanzioni”, minaccia il ministro degli Esteri russo Sergej Lavrov, dopo che ieri gli ambasciatori dei 28 paesi membri dell’Ue hanno raggiunto un accordo per l’adozione di nuove misure restrittive contro la Russia.

Le nuove sanzioni sono dirette contro i centri nevralgici dell’economia russa, tra cui finanza, energia e difesa. Resta solo un piccolo spiraglio: le misure restrittive saranno revocate se il Cremlino ritirerà le sue truppe dall’Ucraina e si impegnerà a rispettare il cessate il fuoco concordato ieri a Minsk, in Bielorussia. Altrimenti, saranno rese effettive a partire da lunedì.

A ogni azione corrisponde una reazione uguale e contraria? Non quando si ha a che fare con Mosca. Negli ultimi mesi, Putin ci ha abituato a reazioni sproporzionate. Washington bandisce dagli Stati Uniti alcuni funzionari russi per violazioni dei diritti umani? Putin vieta alle coppie americane di adottare bambini russi. L’Unione Europea blocca l’accesso ai mercati finanziari europei per le banche russe e vieta nuove vendite di armi a Mosca? Il Cremlino risponde con un embargo alimentare sui prodotti occidentali.

Pubblicità
Pubblicità

Ora che l’inverno si avvicina, il presidente russo sta cominciando a rispolverare il pezzo forte del suo arsenale: l’arma energetica. Ma questa non è l’unica freccia nel suo arco. In realtà, deve ancora scoprire tutte le sue carte migliori. Titanio, nichel, palladio. La Russia è uno dei principali produttori di questi metalli, e se decidesse di limitarne l’esportazione, riuscirebbe a fare molto male all’economia europea e americana.

Dopo la dipendenza energetica, quella dalle esportazioni di metalli rappresenta infatti il secondo tallone di Achille dell’Occidente nel suo rapporto con Mosca. In tal senso, la Russia è il più grande fornitore di componenti di titanio e leghe leggere utilizzate da costruttori aeronautici come Boeing e Airbus.

Ma non ci sono solo solo titanio, nichel e palladio. La Russia è infatti il maggior fornitore di ben otto metalli per i quali gli Stati Uniti dipendono al 50% dalle importazioni. Tra questi ci sono anche il tantalio e il tallio, che vengono impiegati dall’industria elettronica.

L’asso nella manica di Putin rimane comunque il gas. L’Europa dipende da Mosca per circa il 40% del suo fabbisogno di gas naturale. Un taglio delle forniture metterebbe perciò in ginocchio l’economia europea.

Si tratta però di un’arma a doppio taglio. La Russia dipende dall’Europa almeno quanto l’Europa dipende dalla Russia. L’esportazione di gas ha infatti un impatto fondamentale sul suo Pil e i paesi europei sono il principale cliente di Gazprom, il gigante energetico russo.

E poi l’Europa ha avuto tempo di prepararsi a fronteggiare il rischio di un’interruzione nell’approvvigionamento di gas. Ha alzato i livelli di stoccaggio al 90% e questo le permetterà di godere di un certo periodo di autonomia nel caso in cui si dovessero arrestare i flussi da Mosca.

Non tutto dipende però da Putin. L’Europa potrebbe trovarsi in difficoltà anche nel caso in cui il governo russo e Gazprom decidessero di mantenere fede agli impegni presi. Almeno metà del gas russo diretto in Europa passa infatti dall’Ucraina. Già in giugno, Mosca ha chiuso il rubinetto del gas a Kiev. Dopo una lunga querelle, Gazprom ha infatti annunciato che fornirà all’Ucraina solo il gas pagato in anticipo.

Tale situazione potrebbe determinare interruzioni nelle consegne di gas all’Unione Europea, nel caso in cui l’Ucraina prelevasse dai tubi che attraversano il suo territorio il metano destinato al transito. E quest’inverno, le autorità di Kiev potrebbero non avere scelta. L’alternativa sarebbe lasciare morire di freddo la loro popolazione.

E’ anche per questo che è fondamentale cambiare rapidamente rotta. L’Unione Europea deve promuovere una soluzione diplomatica, non contribuire all’escalation. Altrimenti, dovremo prepararci a un inverno terribilmente freddo.

 

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • “Cortex Cast”: il gesso del futuro direttamente dalla stampante 3D
    Il gesso è da sempre stato l’irritante, ingombrante e pesante compagno di molte convalescenze, accompagnando e terrorizzando per settimane milioni di persone in tutto il mondo. Molto presto tutto questo potrebbe diventare soltanto ricordo molto lontano; a rimpiazzare con notevole onore il vecchio gesso sarebbe “Cortex Cast”: un esoscheletro stampato in 3D, composto da nylon […]
  • Formaggella della Solidarietà: il Caseificio Val di Fiemme ed il successo del volontariato d’impresa
    Le aziende hanno diversi sistemi e modi per creare valore, ma soltanto uno riesce a generare opportunità ed importanza contribuendo con successo al benessere del territorio e della società: Il volontariato sociale d’impresa. Il Caseificio della Val di Fiemme è entrato e si è distinto in questo importante mondo, creando e dedicando ad ogni anno […]
  • Affitti troppo alti: Berlino impone con legge un tetto massimo ai prezzi
    In tutta Italia, le cifre da capogiro degli appartamenti in affitto colpiscono direttamente ragazzi, studenti universitari ed intere famiglie che, costretti a scontrarsi con le difficoltà lavorative e la mancanza di un capitale iniziale per acquistare una casa di proprietà, devono a ripiegare sull’appartamento in affitto. Nonostante le cifre improponibili, il profondo cambiamento della società […]
  • Bhutan: l’incredibile fascino del Paese più felice del mondo
    Incastonato tra le rocce dell’immensa catena montuosa Himalayana, tra Cina e India, la natura lascia spazio al piccolo ma affascinate Stato monarchico del Bhutan. Nonostante sia uno dei paesi più poveri dell’Asia, qui si registra il tasso di felicità più elevato di tutto il continente e l’ottavo nella classifica mondiale. Infatti, oltre agli incredibili paesaggi, […]
  • Mobili fonoassorbenti per eliminare i rumori da casa e dagli uffici
    Il rumore del traffico esterno, il calpestio proveniente dal piano superiore, la televisione del vicino a volume troppo alto: questi sono solo alcuni dei rumori che possono infastidire l’ambiente domestico. Il mercato offre moltissimi sistemi per ottimizzare, migliorare e molte volte eliminare il problema: dai blocchi di muratura, applicati sopratutto nelle nuove costruzioni, ai feltri […]
  • Stop agli oggetti smarriti: Google Tile aiuta a trovare le chiavi di casa
    Perdere oggetti e non riuscire più a ritrovarli è diventato un fenomeno talmente comune e frequente dall’essere d’ispirazione a numerose ricerche scientifiche per riuscire a determinarne le cause e i motivi. Secondo alcuni ricercatori, oltre allo stress e la fretta, sarebbero le attività inconsce ad allargare le possibilità di perdita. Infatti, senza volerlo spostiamo gli […]
  • Parco giochi per anziani: l’incredibile idea per che unisce il gioco alla salute
    All’arrivo della terza età troppo spesso si tende ad uscire e socializzare meno, con risultati non completamente positivi sulla salute. Una delle soluzioni insieme alle tante attività può essere lo sport: una perfetta occasione di interazione e socializzazione che permette di mantenersi attivi non solo nel corpo ma anche nello spirito. Per aiutare gli anziani […]
  • Il dipinto ritrovato: torna a casa il “ritratto di signora” di Klimt
    22 febbraio 1997: presso la Galleria Ricci Oddi di Piacenza scompare il “Ritratto di Signora”, una delle opere dell’artista austriaco Gustav Klimt risalente al 1916/17. La cornice abbandonata sul tetto dopo il furto era tutto ciò che restava di una delle splendide e più discusse opere di Gustav Klimt. La tela originale, si suppone infatti […]
  • Regno Unito: dal 2035 vietata la vendita di auto diesel e benzina
    Il settore delle auto elettriche è nella sua piena espansione, sebbene le quote di mercato rimangono ancora a livelli inconsistenti. Infatti, i principali costruttori stanno investendo cifre immense per crescere ulteriormente ed accompagnare la produzione verso uno sviluppo ed un acquisto di massa. Il problema delle emissioni derivanti dalle automobili, è stato preso di petto […]

Categorie

di tendenza