Connect with us
Pubblicità

Trento

Legge Omofobia, Pd: «Passamani e Baratter tornino alla realtà»

«In questi ultimi giorni si sono concentrate attorno al cosiddetto “ddl omofobia” numerose attenzioni, in un rincorrersi di affermazioni non sempre vere e non sempre informate» – comincia così il comunicato del Pd trentino che prende posizione a riguardo delle reazioni dei partiti di maggiornaza dopo le dichiarazioni del vescovo Bressan.

Pubblicato

-


«In questi ultimi giorni si sono concentrate attorno al cosiddetto “ddl omofobia” numerose attenzioni, in un rincorrersi di affermazioni non sempre vere e non sempre informate» – comincia così il comunicato del Pd trentino che prende posizione a riguardo delle reazioni dei partiti di maggiornaza dopo le dichiarazioni del vescovo Bressan.
 
Il Gruppo consiliare del Partito democratico del Trentino ricorda che il testo che andrà in discussione è il frutto positivo di mesi di dialogo, confronto e mediazione. Dialogo, confronto e mediazione certificati, in questa legislatura, dalle sottoscrizioni volute dai consiglieri Civico (PD), Passamani (UPT), Detomas (UAL), Baratter (PATT) e Bottamedi (M5S). 
 
«Considerato – continua la nota del Pd – che da allora il testo non è cambiato – e confessato lo stupore per le recenti inspiegabili e imbarazzanti marce indietro di alcuni firmatari (NdR, Baratter e Passamani) – ribadiamo la nostra disponibilità a rivedere il testo per aprire ad eventuali migliorie o a posizioni più avanzate, ferma restando l’impostazione data e gli obiettivi sostanziali. Nei prossimi giorni lavoreremo affinché ciò avvenga pur nel disagio di ridiscutere quanto condiviso poche settimane fa».
 
Una presa di posizione da parte del partito di maggioranza della giunta che non lascia spazio a molte repliche, il messaggio quindi appare chiaro e pragmatico:«si va avanti spediti verso l'approvazione del Ddl».
 
Il Pd parla anche di una serenità che nella maggioranza nell'ultimo periodo è venuta a mancare, e che si auspica possa ritornare quanto prima, e qui, l'attacco a Passamani e Baratter appare scontato:«serenità – spiega la nota – per riportare alla realtà chi, come il firmatario consigliere Passamani, alludendo in modo allucinante al ddl come ad un atto che rappresenterebbe un passo nella direzione di “legittimare la pedofilia” compie un atto di analfabetismo civile umiliante per i promotori, i 7.000 firmatari del ddl popolare, e forse per l'intero Trentino vista l'eco nazionale che ciò rischia di avere. 
 
E serietà chiediamo al consigliere Baratter che rimanda allo statuto del suo partito un giorno per dirsi a favore del ddl e per richiamare la dissidenza interna al rispetto dell’articolo 3 e al riconoscimento di “uguali diritti e doveri senza distinzione di sesso”, e il giorno dopo per mordere il freno in nome di un (peraltro introvabile nello statuto) “richiamo alla religione cattolica”, senza accorgersi che le due affermazioni non sono assolutamente in contrasto tra loro».
 
L'augurio del Pd Trentino è che si torni a ragionare sul testo della legge per ciò che prevede, e non per contendersi qualche manciata di voti disinformati.
 
Anche Paolo Zanella presidente di ArciGay e primo firmatario della legge è pienamente con la linea del Pd: «siamo molto perplessi – sottolinea Zanella – Patt e Upt hanno avuto 2 anni di tempo per manifestare le loro eventuali perplessita, infatti i consiglieri De Godenz e Lozzer erano insieme a me in commissione e posso assicurare che non hanno mai detto nulla di contrario al ddl, ribadisco che l'unico posto dove si deve discutere è la commissione o il consiglio e non certo le pagine dei giornali».  
 
Paolo Zanella parla di «legge di Principio» che deciderà da che parte sta la provincia autonoma di Trento, «la provincia deve decidere se difendere le discriminazioni e riconoscere i diritti civili oppure andare avanti senza nessun tipo di identità su questo tipo di problemi».
 
Sulle parole del vescovo Bressan Zanella è lapidario:«Bressan non ha letto la legge, quindi le sue argomentazioni sono strumentali»
 
Il presidente di ArciGay è comunque pronto a scendere a qualche compromesso e a ridiscutere alcuni punti ma esclude in modo categorico un nuovo rinvio al 2015 come qualcuno aveva proposto e paventato:«si continua a rimandare il confronto sui diritti civili perché c'è sempre qualcosa di più importante, prendiamo invece l'impegno di stare in aula finchè l'ordine del giorno non si esaurisce per accelerare l'iter e guadagnare tempo» – afferma Zanella. 
 
Zanella teme molto la fragilità di questa maggioranza che ha dimostrato più volte di essere in disaccordo su  molte tematiche, dalla sanità al welfare, sui diritti civili e sulle identità di genere. 
 
«Speriamo che dopo lo scandalo vitalizi e l'orsa Daniza il governo della nostra provincia non faccia l'ennesima figuraccia a livello nazionale» – conclude Paolo Zanella 
 
 
 
 
 
 

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Bonus Partite Iva, fino al 13 dicembre la presentazione delle domande
    Bonus Partite Iva Il bonus, messo a disposizione del Governo è un sussidio erogato a favore dei soggetti esercenti di titolari di partita Iva, soggetti esercenti di attività di impresa che hanno subito perdite a... The post Bonus Partite Iva, fino al 13 dicembre la presentazione delle domande appeared first on Benessere Economico.
  • Cambia la lotteria degli scontrini, ipotesi estrazione istantanea dal 2022
    Il programma lotteria degli scontrini che ha accompagnato molti italiani per tutto il 2021, potrebbe subire dei cambiamenti a partire dal 2022. A differenza del cashback, la lotteria degli scontrini infatti, è stata confermata anche... The post Cambia la lotteria degli scontrini, ipotesi estrazione istantanea dal 2022 appeared first on Benessere Economico.
  • P. Iva, quando arrivano i contributi fondo perduto fino a 150 mila euro
    Dopo l’ok ufficiale da parte dell’Unione Europea, i contributi a fondo perduto per le P.Iva disposti dal Decreto Sostegni Bis vengono sbloccati e arriveranno entro l’anno. I dettagli della misura Il sostegno finanziato con 4,5... The post P. Iva, quando arrivano i contributi fondo perduto fino a 150 mila euro appeared first on Benessere Economico.
  • Bonus Natale, a dicembre voucher e bonus per pensionati e categorie meno abbienti
    Con l’avvicinarsi delle festività si incomincia a parlare di Bonus Natale, una misura di sostegno al reddito introdotta dalla legge finanziaria del 2001 e rifinanziata nell’ultimo decreto legge. Si tratta quindi di un voucher, erogato... The post Bonus Natale, a dicembre voucher e bonus per pensionati e categorie meno abbienti appeared first on Benessere Economico.
  • Il ritmo dell’inflazione preoccupa, aumentano anche i prezzi del carrello della spesa
    Anche nel mese di ottobre il tasso di inflazione ha continuato a salire. In particolare, per il quarto mese consecutivo l’ISTAT ha registrato una crescita più alta di quanto previsto in precedenza. L’aumento del prezzo... The post Il ritmo dell’inflazione preoccupa, aumentano anche i prezzi del carrello della spesa appeared first on Benessere Economico.
  • Cybersicurezza, forte carenza nel settore: i profili più richiesti
    L’accelerazione verso un mondo sempre più digitalizzato ha portato come conseguenza anche ad un aumento della criminalità online. Nei primi mesi del 2021 l’Italia è stata uno dei Paesi al mondo più colpito dalle minacce... The post Cybersicurezza, forte carenza nel settore: i profili più richiesti appeared first on Benessere Economico.

Necrologi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

Categorie

di tendenza