Connect with us
Pubblicità

Italia ed estero

Referendum in Scozia: la lunga marcia del «si»

Neanche due settimane al referendum e il destino della Scozia sarà a tutti noto.

Pubblicato

-

Pubblicità

Pubblicità

Neanche due settimane al referendum e il destino della Scozia sarà a tutti noto.

Un destino che, a dispetto di ogni non lontano pronostico, si annuncia decisamente più incerto del previsto. Insomma, l’unione che lega Scozia e Inghilterra fin dal 1707 sembra realmente in pericolo e il quadro non può che spaventare gli ambienti di Westminster.

Il leader del movimento “Yes Scotland”, Blair Jenkins, non fa che ripeterlo a chiare lettere: “ci basta solo una manciata di punti per vincere il 18 settembre”.

Pubblicità
Pubblicità

E basta dare uno sguardo agli ultimi sondaggi per capire quanto la distanza tra il fronte dei “no” e quello a favore dell’indipendenza scozzese si stia sempre più assottigliando.

Soltanto nell’ultimo mese, il sostegno al movimento pro-indipendenza è salito di 8 punti, portando i sostenitori del “sì” a parlare di un vero e proprio “momento di svolta” per il futuro del paese.

Il sondaggio “YouGov” per il quotidiano “The Times”, reso noto lunedì, dipinge questa realtà in rapido movimento: il fronte dei “no” resta in testa, ma lo scarto non fa che diminuire: ora non sono che 6 i punti di scarto, contro i 14 della metà di agosto, e i 22 del mese di luglio.

Pubblicità
Pubblicità

A ciò si aggiunga un’altra realtà emersa dal sondaggio, per molti la sorpresa più evidente: l’aumento del sostegno alla campagna per il “sì” degli elettori laburisti: il 30 per cento contro il 18 di un mese fa.

E allora la domanda sorge spontanea. Come si spiega questa rapida salita “indipendentista”?

Forte è il successo mediatico di Alex Salmond, leader dello Scottish National Party (SNP), storico promotore del progetto di referendum. Importante e di impatto la vittoria al secondo dibattito televisivo contro Alastair Darling, alla guida di Better Together.

Salmond ha dimostrato nel tempo di saper giocare le sue carte migliori, con una strategia ben precisa: la rottura, il nuovo corso, il cambiamento, ma nel solco della continuità, senza dimenticare il legame con la tradizione.

Abilità che consiste nel cogliere ora, al momento giusto, i frutti di un lavoro lungo anni e miranti a dare allo Scottish National Party una nuova mission politica. Un partito storicamente repubblicano, anti-europeo e anti-militarista che si trasforma per diventare una nuova entità capace di attrarre sempre più elettori di sinistra moderata e di centro.

Nella nuova visione dello SNP, infatti, lo stato indipendente scozzese manterrebbe la regina come capo dello stato (come avviene per molti paesi del Commonwealth), chiederebbe di aderire all’Unione europea e aspirerebbe a diventare membro della Nato. Non solo. La Scozia manterrebbe la sterlina, e i cittadini potrebbero avere la doppia cittadinanza.

Infine, un punto importante di continuo riaffermato da Salmond. Votare “sì” all’indipendenza scozzese significherebbe risparmiare la Scozia dalla pesante agenda delle privatizzazioni portata avanti da Westminster.

Ma se davvero il fronte del “sì” dovesse riuscire nell’ardua impresa, quali ripercussioni internazionali e interne dovremmo aspettarci?

Nel resto d’Europa, non lontano potrebbe paventarsi il rischio frammentazione in altre realtà indipendentiste (pensiamo ai paesi baschi), unito all’acuirsi di sentimenti nazionalistici nel resto d’Europa.

Tuttavia, se le ripercussioni internazionali devono essere tenute in debito conto, ciò che spaventa i più sono i possibili esiti di una vittoria separatista a livello politico nazionale: la Scozia resta infatti un importante bacino di voti e di parlamentari laburisti. In assenza di questi, allora, una futura vittoria del Labour al Parlamento britannico si annuncia sempre più difficile.

 

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
Trento3 giorni fa

Continuano le truffe del reddito di cittadinanza. Ecco quanti lo ricevono in Trentino

Trento4 settimane fa

Dramma a Trento: ricercatrice muore a 42 anni per un malore improvviso

Val di Non – Sole – Paganella3 settimane fa

Torna in Val di Non la grande “Festa di San Romedio”

Valsugana e Primiero3 settimane fa

Nuovo lutto per la famiglia Cantaloni, dopo la figlia Chiara muore anche il papà Giorgio

Rovereto e Vallagarina4 settimane fa

Tragedia di Capodanno: è morta la 25 enne roveretana Valentina Vallenari Benedetti, troppo gravi le ferite riportate nell’incidente lo scorso 31 dicembre

Trento2 settimane fa

Condominio da incubo, pluripregiudicato tiene in ostaggio i residenti da anni. Il giudice: «Non si può sfrattare perchè è ai domiciliari»

Vista su Rovereto2 settimane fa

Spazi vuoti e serrande abbassate: la desolazione di Rovereto

Offerte lavoro4 giorni fa

Cercasi commessa/o per nuova apertura negozio centro storico di Trento

economia e finanza4 settimane fa

Il colosso Amazon licenzia 18 mila dipendenti

Rovereto e Vallagarina3 settimane fa

Tragico incidente in Vallagarina, auto contro un Tir: 37 enne muore sul colpo

Trento1 settimana fa

Dalla Security ai set cinematografici: la storia del trentino Stefano Mosca

Trento3 settimane fa

Morto Marco Dorigoni, storico Dj di Studio uno. Aveva 57 anni

Trento3 settimane fa

60 enne denunciato per bracconaggio e per distillazione illegale di grappa

Trento2 settimane fa

Condominio da incubo via Perini: il soggetto entrerà in comunità alla fine del mese

Trento4 settimane fa

Arrivano i saldi invernali: ecco quando inizieranno

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza