Connect with us
Pubblicità

Trento

Cresce la collaborazione fra Provincia e Muse nel supporto al lavoro

Sviluppare e accrescere la collaborazione fra Provincia autonoma di Trento – tramite il Sova-Servizio per il Sostegno Occupazionale e la Valorizzazione Ambientale – e il Museo delle Scienze: questo in sintesi l'oggetto del Protocollo siglato oggi dal vicepresidente e assessore allo sviluppo e lavoro della Provincia e il presidente del Muse Marco Andreatta. 

Pubblicato

-

Pubblicità

Pubblicità

Sviluppare e accrescere la collaborazione fra Provincia autonoma di Trento – tramite il Sova-Servizio per il Sostegno Occupazionale e la Valorizzazione Ambientale – e il Museo delle Scienze: questo in sintesi l'oggetto del Protocollo siglato oggi dal vicepresidente e assessore allo sviluppo e lavoro della Provincia e il presidente del Muse Marco Andreatta. 

Già oggi il Servizio collabora con il Muse – attraverso il "Progettone" – nella gestione di diverse attività, fra cui: custodia e sorveglianza delle sale espositive, informazioni al pubblico, piccole pulizie complementari a quelle ordinarie svolte dal personale dedicato, fotocopiature, segnalazioni guasti o disservizi, accompagnamento visitatori disabili, attività di supporto book shop e biblioteca, ed ancora, manutenzione del prato prospiciente il Muse ed il Palazzo delle Albere.

Dal 2013 ad oggi in totale sono stati 25 i lavoratori coinvolti in queste attività. Inoltre due persone (che raddoppiano in occasione di eventi particolarmente impegnativi) sono impegnate quotidianamente nell'allestimento di mostre temporanee a tema.

Il nuovo Protocollo, che resterà in vigore fino al 2018, dà continuità a questa collaborazione che è stata ampliata e rilanciata nell'interesse anche dei lavoratori coinvolti.

La collaborazione con il Museo è iniziata in occasione dell'inaugurazione del Muse, il 27 luglio dello scorso anno. Nei giorni precedenti all'evento è stato bonificato il grande piazzale davanti a Palazzo delle Albere in coincidenza con l'apertura del sottopasso che conduce al centro cittadino.

Sempre nei giorni precedenti l'apertura, sono state montate le strutture necessarie ad accogliere i vari eventi della manifestazione. In seguito sono stati effettuati anche altri interventi per la messa a prato delle aree circostanti il Museo, poi mantenute anche grazie ai lavoratori del Progettone. Quindi la collaborazione si è aperta in occasione dell'allestimento di alcune mostre e nella gestione di alcuni servizi.

Pubblicità
Pubblicità

Con l'intesa odierna Provincia e Muse si impegnano a assicurare la custodia e la sorveglianza delle sale espositive, l’attività di front-office, l’allestimento di mostre temporanee a tema e a continuare a provvedere alla manutenzione ordinaria e straordinaria del prato prospiciente il Muse ed il Palazzo delle Albere.

Il tutto sulla base di un programma di lavoro condiviso dai due enti, che garantisce coerenza alle finalità dell'intesa di oggi, sinergia fra i soggetti coinvolti e coordinamento organizzativo alle varie iniziative e progetti.

Il Muse comparteciperà a sostenere il costo della manodopera del Progettone impiegata nelle diverse attività, rapportandosi al Consorzio Lavoro Ambiente, cui è affidata la loro realizzazione.

Siamo particolarmente orgogliosi – spiega il presidente del Muse Andreatta di poter riconoscere nel museo un ente utile alla comunità non solo per il lavoro svolto in favore della sensibilizzazione alle tematiche ambientali e per la capacità di attrazione turistica testimoniata dal numero importante dei visitatori di questo primo anno di attività, ma anche dal punto di vista occupazionale.

Un aspetto che rende il museo ancora più importante per la provincia e il territorio. La collaborazione portata avanti in questi mesi, inoltre, si è rilevata estremamente positiva per il museo, che ha potuto trovare nelle persone coinvolte delle competenze importanti e una grande disponibilità. In una struttura così attiva e frequentata, ogni energia e forza in più è molto utile e ben accetta”.

Il rapporto molto positivo instauratosi con le persone coinvolte – aggiunge il direttore Michele Lanzingerha fatto sì che molto spesso sia stato possibile sviluppare le mansioni attribuite ai lavoratori nel senso di un apporto di idee e visioni differenti.

Non si è trattato quindi di svolgere compiti meramente esecutivi, ma di dare un contributo all’istituzione attraverso il confronto quotidiano e la presentazione di nuovi spunti. Piace infine segnalare la dimensione intergenerazionale del lavoro, che nel museo si genera quotidianamente dal rapporto tra i giovani impiegati come guide o mediatori scientifici e i lavoratori del Progettone”.

"Il Progettone – spiega Oliviha già accresciuto le opportunità di lavoro offerte a persone in difficoltà, attraverso strumenti più flessibili che in passato. Oggi, continua ad essere uno strumento di protezione sociale, ma con un'attenzione sempre maggiore alla valorizzazione delle risorse umane.

Questo anche attraverso un'offerta di attività lavorative sempre più diversificata, che come in questo caso comprende anche i servizi culturali. Da un lato, quindi, sosteniamo il Muse con uno strumento di politica del lavoro. Al tempo stesso offriamo ai lavoratori coinvolti opportunità di impiego sempre più variegate, con un'attenzione particolare all'occupazione femminile, che sappiamo attraversare un momento di particolare sofferenza". 

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
Val di Non – Sole – Paganella2 ore fa

Su «Mi manda Rai3» la testimonianza di Giovanni Battista Maestri sullo scandalo del caseificio di Coredo

Trento2 ore fa

Calano i medici e aumentano gli assistiti: sanità pubblica verso il rischio privatizzazione

Trento2 ore fa

Rifiuti: è di 186 euro la spesa media per famiglia in Trentino nel 2022

Trento2 ore fa

Ieri la colletta alimentare in tutti i supermercati trentini

Italia ed estero2 ore fa

Pensioni, polemiche sulla nuova “Opzione donna”: per i giuristi è incostituzionale discrimina chi non è mamma

Le ultime dal Web2 ore fa

“Corpo Libero”: un romanzo thriller e di formazione, tra luci e ombre di sport e adolescenza

Trento2 ore fa

Attività socio assistenziali e sanitarie: in arrivo misure straordinarie per i rincari energetici anno 2022

Val di Non – Sole – Paganella3 ore fa

Il Parco dello Stelvio verso il rinnovo della CETS

Arte e Cultura4 ore fa

Al Castello del Buonconsiglio la mostra «Incontri in Giappone»

Trento4 ore fa

In Trentino le Comunità di valle diventano “Amiche delle famiglie”

Trento14 ore fa

Azienda sanitaria: per smaltire le liste di attesa ci vorranno 3 o 4 anni

Val di Non – Sole – Paganella15 ore fa

In Cassa Rurale “Energia e Ambiente”: a Cles un convegno con il professor Maurizio Fauri

Val di Non – Sole – Paganella16 ore fa

Dal flash mob in piazza a Mollaro alla panchina decorata dagli studenti clesiani: la Val di Non dice “no” alla violenza sulle donne

Piana Rotaliana16 ore fa

L’Assessore Zanotelli nominata membro della Confraternita della vite e del Vino di Trento

Rovereto e Vallagarina16 ore fa

A Nomi l’albero di Natale «Granny» contro gli sprechi e il caro bollette

Rovereto e Vallagarina4 settimane fa

Maxi rissa davanti alla coop di viale Trento a Rovereto

Valsugana e Primiero2 settimane fa

Monica Cadau perde il ricorso al TAR e dovrà risarcire il comune di Borgo e il Ministero

Trento1 settimana fa

A Trento è arrivata “Pokè Monade”, la Poke trentina!

Trento4 giorni fa

Avvistato un branco di lupi tra Centa San Nicolò e Caldonazzo

Trento3 settimane fa

Occupa abusivamente 3 parcheggi da anni e nessuno fa nulla

Val di Non – Sole – Paganella1 settimana fa

Morte neonato a Cles: era già successo 42 anni fa

Trento6 giorni fa

I pendolari della sanità trentina: «È l’unico modo per curarsi e rimanere in vita»

Trento3 settimane fa

Le sconcertanti e imbarazzanti parole di Antonio Ferro sulle Oss trentine

Val di Non – Sole – Paganella2 settimane fa

Massimiliano Lucietti è morto mentre era a terra per sparare

Le ultime dal Web2 settimane fa

Tesla Model Y impazzita uccide due persone – IL VIDEO

Trento4 settimane fa

34 fallimenti in Trentino negli ultimi 12 mesi

Val di Non – Sole – Paganella2 settimane fa

Non più lezioni, ma esperienze in montagna. A Molveno apre la nuova «Non scuola di sci»

Trento2 settimane fa

Non poteva essere l’avvocato della Provincia di Trento. La corte dei Conti chiede 113 mila euro di risarcimento a Giacomo Bernardi

Trento2 settimane fa

Gardolo: autobus va contro un’auto, manda a quel paese il guidatore e scappa

Trento2 settimane fa

Trento in lutto, è morto Rinaldo Detassis fondatore di Elettrocasa

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza