Connect with us
Pubblicità

Arte e Cultura

Ospedale riabilitativo Villa Rosa: l’eccellenza

È spesso doveroso e socialmente utile criticare le strutture ospedaliere quando le cose non vanno e purtroppo il nostro Paese dà molte occasioni per farlo. 

Pubblicato

-

È spesso doveroso e socialmente utile criticare le strutture ospedaliere quando le cose non vanno e purtroppo il nostro Paese dà molte occasioni per farlo. 

Di converso, però, accadono anche esperienze che ti dimostrano che c'è anche l'altro lato della medaglia, quello che alimenta la speranza e dà occasione di fierezza.

È il caso dell'ospedale riabilitativo di Villa Rosa, che ha sede a Pergine Valsugana, a pochi chilometri da Trento, diretto dalla dottoressa Nunzia Mazzini, dotato di 60 posti letti e con l'obiettivo primario di riabilitare garantendo l’applicazione delle più idonee tecniche rieducative e prendendosi cura dei molteplici bisogni sanitari della persona.

Pubblicità
Pubblicità

E non si tratta, come detto, di un giudizio positivo che proviene dal "sentito dire" o dall'interno della struttura, per cui sarebbe facile parlarne bene, ma che scaturisce dall'aver vissuto sulla mia pelle il modo con cui si è trattati e soprattutto curati: il classico paziente “noto”.

In sintesi, potrei ridurre tutto a questa frase: "Sono entrato in ospedale su una sedia a rotelle, ne sono uscito in piedi". Sì, perché in questo "Centro di Eccellenza" – non ho alcun timore nel definirlo così, perché lo merita – c'è tutto quello che serve per la riabilitazione.

A partire da un macchinario robotizzato che è costato mezzo milione di euro, di nome "Lokomat", prodotto dalla ditta svizzera "Hocoma", il cui fine è curare le persone con lesioni al midollo spinale, programmando trattamenti di recuperi personalizzati, in relazione alle problematiche patite.

Pubblicità
Pubblicità

Lokomat, in funzione dal luglio scorso, è azionato da due fisioterapisti, molto competenti e professionali (tutti i fisioterapisti sono molto competenti), non solo dal punto di vista "medico" ma anche (e soprattutto) da quello "empatico", perché anche il rapporto umano ha la sua valenza significativa nel processo della cura. Ma non solo.

Perché a Villa Rosa ci sono altri strumenti che permettono di raggiungere gli obiettivi prefissati dalle terapie riabilitative, come la piscina o le elettroterapie per i dolori. La piscina, riscaldata con acqua calda, è divisa in tre compartimenti con altrettanti livelli: 110, 140 e 220 centimetri.

Ognuno di questi permette ai pazienti di potere effettuare tutti i tipi di movimenti e di ginnastica previsti per le differenti patologie. Anche in questo caso è eccellente il sostegno degli assistenti. 

Però… non è tutto oro quello che luccica.

Innanzitutto, il numero delle risorse. Di fisioterapisti ce ne sono pochi, mentre sono tanti, purtroppo, i pazienti. È ovvio che ciò va incidere sulla qualità della fisioterapia ma, nonostante ciò, quelli in organico vanno avanti e danno il massimo, riuscendoci.

Ed è altrettanto chiaro che questo problema non è causato da Villa Rosa ma dai noti tagli al personale sanitario. C'è, poi, un'altra questione che al contempo genera rabbia e tristezza: la solitudine dei pazienti. Non tanto perché, come detto, il personale è ridotto ai minimi termini, quanto perché, purtroppo e per fortuna non sempre, manca l’assistenza familiare

Sì, ho visto con i miei occhi disabili che, a causa dei propri deficit, hanno patito e patiscono tanto pur di potere avvicinare alla bocca il cucchiaio o la forchetta. Potete immaginare quanto sia doloroso assistere a scene in cui c'è gente che non sia letteralmente capace di mangiare in maniera autonoma.

Posso dire senza problemi che gli OSS, Operatori Socio Sanitari, non arrivano dappertutto, non riescono, specialmente durante i pasti, a soddisfare le esigenze di quelle persone che hanno bisogno, ve lo posso garantire.

È vero che una disabilità stravolge la vita di ogni famiglia e che ogni suo elemento deve fare i conti con la vita quotidiana, ma non è umanamente accettabile che un uomo debba essere lasciato solo nei momenti principali della giornata, ovvero quelli della colazione, del pranzo e della cena. Basterebbe organizzarsi, attivare i meccanismi di solidarietà familiare che, in teoria, dovrebbero essere naturali, per non lasciare i propri malati soli a se stessi.

Occorre mettersi una mano sul cuore e fare tutto quello che è possibile per non calpestare la dignità dei propri sfortunati cari. Immagini bellissime quando ho visto familiari darsi il cambio pur di non lasciare solo il proprio caro.

Da un parte, dunque, c'è la colpa cronica di chi ha causato l'esiguo numero di personale anche per strutture all'avanguardia come quelle di Villa Rosa; dall'altra, però, le famiglie devono lavorare di più affinché non si debba più assistere a scene che intaccano la dignità del malato. E a queste mi rivolgo, perché non c'è bestia peggiore di "ascoltare il vento ma non poterlo raccontare a nessuno”.

"Grazie Carolina"

giampi.robbi@gmail.com

 

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
Fiemme, Fassa e Cembra7 ore fa

Vola con la macchina in un dirupo per 200 metri, gravissimo 88 enne di Predazzo

Fiemme, Fassa e Cembra7 ore fa

La storia di Michela: «La mia vita come un arcobaleno e un sogno da raggiungere»

Trento8 ore fa

Coronavirus: contagi in calo e ricoveri stabili nelle ultime 24 ore in Trentino

Trento15 ore fa

Loredana Ciccantelli, Confapi Trentino: «Il Trentino ha dimostrato di avere un piano di azione concreto per quanto riguarda l’accoglienza turistica»

Riflessioni fra Cronaca e Storia17 ore fa

Filosofia politica. Verità o autorità? Da dove origina la legge?

Telescopio Universitario17 ore fa

Amministrazione condivisa: verso un “Recovery Plan civico”. Convegno giovedì 20 a Giurisprudenza

Alto Garda e Ledro17 ore fa

La mostra ufficiale del Museo di Auschwitz-Birkenau a Riva del Garda

Arte e Cultura17 ore fa

Living Memory, la forza dell’impegno. In programma teatro, musica e testimonianze

Bolzano17 ore fa

Tentò di uccidere l’ex a Bronzolo: pena ridotta in appello per un nigeriano

Arte e Cultura17 ore fa

A Nogaredo presentato il volume “Capolavori” della Regione

Giudicarie e Rendena17 ore fa

Porte di Rendena: il Piedibus è già un successo

Bolzano17 ore fa

Rapina impropria, danneggiamento e aggressione alla Polizia: coppia di marocchini finisce in manette

Rovereto e Vallagarina18 ore fa

Uccisione cane da parte dei lupi: l’uomo è rimasto accerchiato in balia dei lupi per 30 minuti

Trento18 ore fa

Omicron: nel 53% dei casi il primo sintomo è il mal di gola. Ecco i nuovi sintomi

Val di Non – Sole – Paganella1 giorno fa

Altri 209 contagi da Coronavirus nelle Valli del Noce

Trento2 settimane fa

Nel 2021 su «La Voce del Trentino» lette oltre 30 milioni di pagine da 8 milioni di lettori

Trento1 settimana fa

Coronavirus: una vittima e 972 nuovi contagi nelle ultime 24 ore

Trento1 settimana fa

Coronavirus: nuovo record di contagi nelle ultime 24 ore. Sempre stabili i ricoveri

Trento2 settimane fa

Coronavirus: 2.372 contagi e due morti nelle ultime 24 ore in Trentino

Trento2 settimane fa

Coronavirus: due morti e 2.290 contagi nelle ultime 24 ore. Calano sensibilmente i ricoveri

Trento2 settimane fa

Coronavirus: due vittime e 807 nuovi contagi nelle ultime 24 ore in Trentino

Trento2 settimane fa

Coronavirus: 408 nuovi casi e nessun decesso nelle ultime 24 ore in Trentino

Trento2 settimane fa

Coronavirus: record di contagi in Trentino nelle ultime 24 ore. Morta una donna di 55 anni

Trento2 settimane fa

Coronavirus: 1.307 nuovi contagi in Trentino nelle ultime 24 ore. Superato il milione di vaccinazioni

Trento3 settimane fa

Coronavirus: 1 decesso e 938 contagi nelle ultime 24 ore. Calano i ricoveri in terapia intensiva

Trento3 settimane fa

Coronavirus: 894 contagi nelle ultime 24 ore in Trentino. C’è anche una vittima. Stabili i ricoveri

Trento3 settimane fa

Coronavirus: altri 3 morti nelle ultime 24 ore in Trentino

Trento3 settimane fa

Fugatti: «Lupi grave problema di sicurezza, attendiamo l’approvazione del piano di gestione guida costruito per il Trentino»

Trento3 settimane fa

Coronavirus: nessun decesso e 139 contagi nelle ultime 24 ore in Trentino

Trento3 settimane fa

Coronavirus: 3 vittime e 502 contagi nelle ultime 24 ore in Trentino

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Unico&Bello

Orient Express la Dolce Vita: in Italia un nuovo modo di vivere il Paese

A breve in Italia arriverà un nuovo modo di vivere e conoscere il Paese, in carrozze di lusso ispirate al design degli anni ‘60/’70. L’Italia si presenta al…

Vaia Cube e Vaia Focus: nuova vita agli alberi abbattuti da Vaia

Sono numerose le aziende ed i privati che hanno deciso, negli ultimi anni, di donare nuova vita e dignità ai 42 milioni di alberi abbattuti dalla tempesta Vaia…

2050: come ci arriviamo? Mobilità sostenibile, più pulita, più veloce, più sicura e per tutti

Dal 22 dicembre 2021 al MUSE – Museo delle Scienze di Trento, la mostra “2050: COME CI ARRIVIAMO? Mobilità sostenibile, più pulita, più veloce, più sicura e per…

L’Altopiano Tibetano e Nepal in due splendide mostre fotografiche virtuali

L’Altopiano Tibetano noto per alcuni dei pascoli più grandi al mondo, non consente lo sviluppo di una vera e propria attività agricola. Anche per questo le popolazioni dell’Altopiano…

Necrologi

Categorie

di tendenza