Connect with us

Politica

Elezioni comunali: il centrodestra fa il pieno. Il Pd in difficoltà. Tracollo del M5s

Pubblicato

-

Alla prima tornata elettorale dopo il 4 marzo 2018 c’è uno nuovo scossone del centrodestra che aumenta ancora i consensi.

I risultati delle elezioni comunali infatti emettono un solo verdetto certo: il centrodestra unito vince.

Il Pd conferma le sue croniche e gravi difficoltà, e al primo turno tiene solo a Brescia mentre il M5s rischia un clamoroso buco nell’acqua da Nord a Sud.

PubblicitàPubblicità

Al secondo turno sarà interessante osservare se i grillini esclusi dal ballottaggio voteranno per il centrosinistra o per i candidati sostenuti dall’alleato di governo Lega.

Se così sarà, il centrosinistra andrà incontro ad un altro cappotto.

Per ora, infatti, è proprio Brescia l’unico Comune su 16 confermato da Pd e alleati, 9 li ha già persi.

Il centrodestra ne aveva 3 uscenti e quest’oggi potrebbe già festeggiare a Treviso, Catania, Barletta, Siracusa, Vicenza e Imperia.

I 5 Stelle avevano il sindaco di Ragusa e per ora, salvo sorprese, si deve accontentare di correre ai ballottaggi in tre città: Avellino,Terni e la stessa Ragusa.

Alle 6 del mattino le uniche certezze sono la riconferma del sindaco di centrosinistra di Brescia Enrico Del Bono e Treviso strappata dal centrodestra al centrosinistra.

Più che probabile la vittoria al primo turno del centrodestra a Catania (il sindaco uscente di centrosinistra Bianco ha già concesso la vittoria al suo avversario).

A Vicenza potrebbe essere decisiva la desistenza di M5s che non ha presentato liste: il candidato del centrodestra Rucco è al 50,8% quando restano da scrutinare 11 sezioni su 112.

Ballottaggi tra centrodestra e centrosinistra si profilano a Sondrio, Massa, Pisa, Siena, Ancona, Teramo, Brindisi.

Un ballottaggio tra centrosinistra e M5s si profila ad Avellino. Tra centrodestra e M5s a Terni. A Barletta e Siracusa il centrodestra potrebbe vincere al primo turno. A Trapani è nettamente in testa Tranchida sostenuto da liste civiche. A Ragusa il ballottaggio potrebbe riguardare FdI e M5s. A Viterbo e Messina centrodestra e civiche. A Imperia il ballottaggio potrebbe essere tra Claudio Scajola e il centrodestra. Per quanto riguarda i municipi 3 e 8 di Roma, il Movimento 5 Stelle rimane a bocca asciutta. Alla Garbatella vince il centrosinistra al primo turno. A Montesacro sarà ballottaggio tra centrosinistra e centrodestra.

Nei comuni non capoluogo a Imola sarà ballottaggio tra centrosinistra e M5s. A Ivrea e Iglesias tra centrosinistra e centrodestra. Nel borgo terremotato di Ussita è stato eletto con 165 voti Vincenzo Marini. Vittorio Sgarbi è il nuovo sindaco di Sutri nel Viterbese.

Pubblicità
Pubblicità

Il punto da Roma

Diatriba Cattoi-Scalfi. Zanotelli e Segnana: «Le politiche di sinistra pensino ai veri problemi delle donne»

Pubblicato

-

Le deputate trentine della Lega, Giulia Zanotelli e Stefania Segnana, intervengono in difesa della collega Vanessa Cattoi, coinvolta in una diatriba con la dirigente scolastica roveretana Laura Scalfi. (altro…)

Pubblicità
Pubblicità

PubblicitàPubblicità
Continua a leggere

Politica

Disabilità, Robbi (AGIRE): «La segregazione dei disabili, un fenomeno da affrontare e risolvere»

Pubblicato

-

Siamo nel 2018, viviamo in una società “evoluta” e libera, eppure nel nostro Paese ci sono ancora persone con disabilità che vivono segregate in strutture e istituti che non riconoscono i diritti fondamentali di ogni essere umano, diritti sottolineati e messi nero su bianco anche da una Convenzione ONU del 2006, ratificata dall’Italia nel 2009.

Questo è un fenomeno troppo poco noto, che scorre silenzioso “sotto i radar”, attraverso la quotidianità di chi questa realtà non la conosce, se non in modo superficiale. Esistono strutture socio assistenziali e socio sanitarie che andrebbero necessariamente riconvertite, poiché segregano (a volte maltrattano) ospiti disabili e/o anziani.

Solo nel 2016 l’Arma dei Carabinieri ha rilevato più di 200 reati tra maltrattamenti, lesioni personali, abbandono d’incapace e persino sequestro di persona all’interno di questi presidi, dati poi trasmessi alla Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap (FISH) che lavora ogni giorno proprio su questo tema.

PubblicitàPubblicità

È ormai all’ordine del giorno sentire fatti di cronaca che descrivono condizioni inumane e degradanti; se pensiamo poi che questi polveroni mediatici sono solo una minima parte del fenomeno in atto, è facile arrivare alla conclusione di quanto ci sia estremo bisogno di un’azione immediata su queste strutture, come peraltro ha fatto notare la stessa FISH nel corso degli anni.

“È per questo” afferma Robbi Gian Piero, di AGIRE per il Trentino, “che si rivela di fondamentale importanza un impegno prima politico e poi normativo e culturale per individuare le strutture segreganti e provvedere alla loro riconversione.” La sola parola «segregazione» fa tremare i polsi e al sol pensiero che ci possano essere persone racchiuse in un incubo lascia basiti.

Come portavoce del mondo della disabilità” continua Robbi, “non posso fare a meno di scendere in campo per cambiare le cose: è importante focalizzare l’attenzione sui processi interni delle strutture e sulla personalizzazione dei progetti di vita dei disabili, oltre che sull’interazione con le comunità locali e sui supporti familiari, quando presenti.

Uno dei problemi più spinosi è che spesso, in queste strutture, c’è una concezione “ospedaliera” del servizio offerto, quindi la persona disabile viene etichettata come “paziente”, come malato, e non più come semplice persona con il diritto di vivere secondo le proprie regole, e soprattutto secondo il principio fondamentale della libertà.

Secondo i dati della FISH, al 2017 sono più di 270.000 le persone con disabilità ospiti in questi presidi socio-sanitari, di cui tantissimi anziani o comunque persone non autosufficienti, costrette a vivere in ambienti che fanno tutt’altro che ricreare condizioni di vita normali, familiari. Sarebbe quindi auspicabile non solo liberare subito queste persone da situazioni sgradevoli, ma anche individuare le strutture ritenute segreganti e agire per delineare nuovi modelli.

Io e il mio Teamche si occupa di disabilità da annicombattiamo da sempre questa forma di diseguaglianza” conclude Robbi. “Penso che il diritto umano alla vita indipendente, quando possibile, sia centrale: contrastare la violenza che risiede nella segregazione in questi presidi, talvolta anche subdola, è un dovere oltre che un diritto. E io sarò in prima fila per fare in modo che venga rispettato.”

“per aspera ad astra”

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Politica

Lega Trentino: Oggi il congresso dei giovani

Pubblicato

-

Questo pomeriggio si è svolto nella sede della Lega del Trentino il congresso dei giovani della Lega

All’assemblea hanno partecipato il segretario nazionale Mirko Bisesti, il coordinatore federale dei giovani della Lega on. Andrea Crippa e hanno portato i saluti il sottosegretario Maurizio Fugatti, Alessandro Savoi e i deputati della Lega.

Il nuovo coordinatore dei giovani della Lega del Trentino è Marco Leonardelli, 24 anni di Mezzolombardo.

PubblicitàPubblicità

Giovane promettente che succede a Denis Paoli.

Marco Leonardelli, tecnico dei servizi turistici e con esperienza nel volontariato.

La presenza del deputato lombardo è la testimonianza della vicinanza del movimento al Trentino e la fiducia riposta nei giovani, non a parole, ma con fatti concreti dimostra come la Lega punti su giovani seri e meritevoli.

È arrivato anche il grande ringraziamento di tutto il movimento a Denis Paoli, storico coordinatore dei giovani della Lega.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Iscriviti alla Newsletter

Archivi

Categorie

Archivio

di tendenza

fortemalia inserto magazine

fortemalia.it