Connect with us

Italia ed estero

New York, famoso avvocato si dà fuoco per protesta contro l’inquinamento

Pubblicato

-

New York, 2018: un noto avvocato per i diritti dei gay si è immolato come un bonzo sull’altare del clima dandosi fuoco in un parco di Brooklyn. Come 55 anni fa il monaco tibetano Thich Quang Duc in una piazza di Saigon – la foto dell’AP fece il giro del mondo – David Buckel si è tolto la vita trasformandosi in una torcia umana nel verde di Prospect Park.

C’era soltanto un jogger ad assistere da lontano al gesto del 60enne legale diventato famoso per avere guidato, dalla parte dei parenti di un giovane trans stuprato e ucciso in Nebraska, il processo portato da Hollywood sul grande schermo nel film “Boys Don’t Cry”.

Alle prime luci dell’alba, nel primo giorno newyorchese di vera primavera, Buckel si è cosparso gli abiti di benzina e si è dato fuoco quando il parco era ancora semideserto. Il jogger, che da lontano aveva avvistato le fiamme, ha allertato la polizia che ha trovato il cadavere.

PubblicitàPubblicità

L’avvocato aveva lasciato i documenti e un biglietto in un carrello della spesa trovato poco lontano dal luogo del suo gesto. Inviato per email anche ai maggiori media americani, il messaggio conteneva un invito a condurre una vita meno egoista per proteggere il clima del pianeta.

Il caso legale per cui Buckel divenne famoso lo aveva visto difendere gli eredi del ragazzo trans Brandon Teena contro uno sceriffo della contea che non aveva fatto abbastanza per difenderlo. Hilary Swank interpretò il ruolo di Brandon nel film del 1999 vincendo un Oscar.

Come direttore del progetto matrimoni e consigliere legale dell’associazione pro-gay Lambda Legal, Bucker era stato anche lo stratega di importanti casi giudiziari a New York e New Jersey che avevano accompagnato il processo di legalizzazione delle nozze tra coppie omosessuali.

Più di recente l’avvocato aveva dedicato le sue energie ai problemi dell’ambiente: aveva lavorato come giardiniere urbano e ecologo al giardino botanico di Brooklyn, contribuendo a creare il più grande programma di riciclaggio dell’ ‘umido’ in America che usa soltanto energie rinnovabili.

L’inquinamento distrugge il nostro pianeta. La maggior parte degli abitanti della terra respira aria resa insalubre dai combustibili fossili e molti muoiono prematuramente per questa ragione”, ha scritto nell’ultimo messaggio:Che la mia morte prematura rispecchi quel che stiamo facendo a noi stessi“.

PubblicitàPubblicità

Italia ed estero

Terrorismo: arrestato immigrato a Pozzuoli, era pronto a lanciarsi con un’auto sulla folla

Pubblicato

-

Il 21enne gambiano, fermato 6 giorni fa da Polizia e Carabinieri nell’ambito di un’operazione antiterrorismo, ha riconosciuto nel corso di interrogatori di aver personalmente curato la registrazione del video nel quale presta giuramento ad Al Baghdadi, capo dell’Isis, e di averlo fatto perché, attraverso la app Telegram, gli era stato richiesto di lanciare un’auto contro la folla.

Nei giorni successivi alla registrazione del video, il giovane avrebbe inoltre chiesto tramite messaggi vocali, sempre durante alcune chat Telegram, di “pregare per lui” sostenendo di essere “in missione”.

Il 22enne, nel corso dell’interrogatorio, ha ammesso che stava progettando un attentato nel quale intendeva lanciarsi con un’auto sulla folla. Tramite messaggi ricevuti da altri militanti dell’Isis, il gambiano aveva ricevuto istruzioni su come organizzare l’attentato

PubblicitàPubblicità

Il gip di Napoli, lo scorso 24 aprile, ha convalidato il fermo emettendo, su richiesta della Procura, un’ordinanza di custodia cautelare in carcere.

Il cittadino del Gambia, Touray Alagie, di 22 anni è stato arrestato in un centro di accoglienza a Pozzuoli, in provincia di Napoli.

L’immigrato era arrivato nel nostro Paese nel marzo 2017, poco più di un anno fa.

 I Ros dei carabinieri, che hanno perquisito la sua stanza e lo hanno arrestato, sostengono di aver rinvenuto “materiale molto interessante“.

PubblicitàPubblicità
Continua a leggere

Italia ed estero

Liverpool – Roma: tifoso in fin di vita, arrestati due giovani romanisti

Pubblicato

-

Due giovani di 21 e 29 anni entrambi arrivati a Liverpool da Roma per l’andata della semifinale di Champions, sono stati fermati con l’accusa di tentato omicidio dopo il grave ferimento di un fan del Liverpool, il 53enne irlandese Sean Cox, avvenuto fuori dallo stadio prima del match. Oltre ai due, sono stati fermati altri 7 italiani per danneggiamenti, possesso di droga, armi offensive e altro.

(altro…)

PubblicitàPubblicità
PubblicitàPubblicità
Continua a leggere

Italia ed estero

Prodi va dal Papa, i ladri gli portano via 30 mila euro

Pubblicato

-

Orologi di valore e gioielli. Un bottino di oltre 30mila euro. Venerdì notte i ladri sono riusciti a entrare nella casa di Romano Prodi a Bologna mentre l’ex premier e la moglie Flavia erano a Roma per l’udienza concessa da papa Francesco alla diocesi del capoluogo emiliano. (altro…)

PubblicitàPubblicità
PubblicitàPubblicità
Continua a leggere

Iscriviti alla Newsletter

Archivi

Categorie

Archivio

di tendenza

fortemalia inserto magazine

fortemalia.it