Connect with us

Val di Non – Sole – Paganella

Il risveglio del bosco nel cuore del Parco Nazionale dello Stelvio

Pubblicato

-

COGOLO DI PEIO – Sabato prossimo, 21 aprile alle 19, a Cogolo di Peio è in programma un’esperienza incredibile per scoprire gli abitanti del bosco in primavera, con cena ed escursione notturna per scorgere i branchi di ungulati.

Nel Parco dello Stelvio la stagione invernale si prolunga fino al mese di aprile, quando nelle aree del fondovalle le prime gemme richiamano gli ungulati, affamati dopo il lungo e difficile inverno.

Con il sopraggiungere del bel tempo, i cervi e i caprioli escono piano piano allo scoperto e si affacciano nei prati e nei pascoli, soprattutto durante le ore notturne.

Pubblicità
PubblicitàPubblicità

Ci si incontra a Cogolo di Peio, a Baita Scaia, per una cena in compagnia di un esperto del Parco Nazionale dello Stelvio, che introdurrà il tema del risveglio della natura in primavera.

Approfittando poi delle prime ore di buio, si trascorreranno alcune ore nel bosco per provare a scorgere i branchi di ungulati che si muovono nella notte.

Per cercare di vederli, senza arrecare disturbo, verrà utilizzata una termocamera, una particolare telecamera capace di percepire le radiazioni infrarosse.

Con le prime luci del mattino questi erbivori torneranno a rifugiarsi nei boschi più fitti, per trovare riparo dagli occhi indiscreti degli uomini.

È consigliato indossare abbigliamento adeguato a escursioni in ambiente montano e scarpe da trekking.

L’esperienza del risveglio del bosco può essere vissuta anche all’alba, il weekend seguente (28-29 aprile): al termine dell’osservazione degli animali si potrà godere dello spettacolo del sole che nasce tra gli alberi. Al rientro dall’escursione, si troverà un’abbondante colazione nella struttura ospitante.

Organizza il Parco Nazionale dello Stelvio in collaborazione con Ambiente Trentino. Per informazioni e prenotazioni tel. 348-0176732, www.ambientetrentino.it, e-mail info@ambientetrentino.it.

PubblicitàPubblicità

Val di Non – Sole – Paganella

Cena, pernottamento ed escursione all’alba nel Parco Nazionale dello Stelvio per scorgere caprioli e cervi

Pubblicato

-

COGOLO DI PEIO – Sabato 28 e domenica 29 aprile a Cogolo di Peio ci sarà la possibilità di vivere un’esperienza unica: il risveglio del bosco in primavera, quando nelle aree del fondovalle le prime gemme richiamano gli ungulati, affamati dopo il lungo e difficile inverno. (altro…)

PubblicitàPubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Val di Non – Sole – Paganella

A Cles la 4° Edizione della Rassegna Concertistica “I Concerti del Té”

Pubblicato

-

L’Assessorato alla Cultura del Comune di Cles, in collaborazione con la Scuola di Musica C.Eccher organizza la IV Edizione della Rassegna concertistica “I Concerti del tè”.

Significativa l’introduzione dell’Assessore alla Cultura, nonchè amante della musica, Avv. Vito Apuzzo:

Analogamente a quanto avviene durante il tradizionale rito inglese del te delle cinque, un momento di spensieratezza, una pausa per liberare la mente, l’opportunità di condividere pensieri e opinioni. Ma anche – e forse soprattutto – l’imperdibile occasione di conoscere un repertorio meno frequentato della musica colta, ma non per questo di minor interesse e fascino, nel contesto di un Palazzo di indiscutibile pregio e bellezza, vanto della comunità clesiana, e di una mostra di eccezionale valore scientifico. Tutto ciò grazie anche alla collaborazione con la Scuola di Musica “Celestino Eccher” delle Valli di Non e di Sole e con la sua Direttrice Prof.ssa Chiara Biondani, infaticabile sostenitrice – unitamente a tutto il corpo docente – della musica quale veicolo di cultura, di buoni sentimenti e di avvicinamento fra le persone”.

PubblicitàPubblicità

Il primo appuntamento è per sabato 28 aprile ad ore 16.30 presso l’Aula Magna “Giulia Ippolito” in via Via Chini, 31:

“Concerto per genitori e famiglie con bambini con il Quartetto d’archi dell’Orchestra Haydn” – Musiche di Mozart e Pachelbel

Un concerto speciale per genitori in attesa e famiglie con i bambini da 0 a sei anni.

Quattro solisti dell’Orchestra Haydn (violini: Marco Mandolini e Roberto Tomada, viola: Margherita Pigozzo, violoncello: Alejandro Biancotti), insieme a Chiara Biondani e alle musicoterapiste della scuola di musica “C. Eccher”, daranno vita ad un concerto speciale, a misura di famiglia: a partire dal programma musicale, che permetterà un coinvolgimento e una partecipazione attiva di genitori e bambini fino allo spazio allestito con cuscini, spazio per allattare, fasciatoio, infuso e biscotti.

Difficilmente i genitori riescono a godersi un concerto di musica classica dal vivo insieme ai loro bambini, sia per l’orario in cui solitamente sono proposti i concerti, sia per la paura che il bambino disturbi o ancora perchè la musica classica non viene considerata adatta ai bambini piccoli. I bambini invece sono dei grandi ascoltatori, basta creare le condizioni giuste: musica di qualità, un ambiente accogliente, possibilità di muoversi e partecipare attivamente.

Ascoltare la musica insieme, fin da quando il bambino è nel pancione, è infatti un’esperienza molto piacevole e gratificante, che ha positive ricadute sullo sviluppo del bambino in tutte le sue dimensioni: relazionale, affettiva, cognitiva e motoria. Il concerto rientra nel progetto “La musica dal prenatale alla prima infanzia”, sostenuto dalla Fondazione Caritro e dalle Comunità della Valle di Non e di Sole, che propone da alcuni anni esperienze di promozione del benessere attraverso la musica.

Il progetto, curato dalla musicoterapista Rosanna Vit, ha l’obiettivo di sensibilizzare i genitori e la comunità al valore della musica fin dalla gravidanza, promuovendo il ruolo del linguaggio musicale nello sviluppo globale dei bambini e nella relazione tra genitori e figli. Il progetto si articola in varie iniziative: si parte con la “Culla sonora”, che propone due incontri con una musicoterapista all’interno dei percorsi di accompagnamento alla nascita promossi dal Consultorio Familiare a Cles e a Malè. L’esperienza prosegue con percorsi e laboratori dedicati ai bambini, dalla nascita fino ai 3 anni, insieme ai loro genitori, in cui si sperimentano in gruppo canti, giochi musicali e vocali, a partire dalle esplorazioni vocali spontanee dei piccoli; i percorsi e i laboratori sono attivati periodicamente dalla Scuola di musica “C. Eccher” in val di Sole, val di Non e a Mezzolombardo.

Qui di seguito il programma dettagliato dei concerti:

Domenica 29 aprile 2018

ore 17.30 | Aula Magna “Giulia Ippolito” Via Chini, 31

Concerto con il Coro Giovanile C: Eccher – Presentazione trasferta viaggio educational a New York

Venerdì 4 maggio 2018

ore 16.00 | Palazzo Assessorile

Marcello Defant Violinista – Una vita per la musica

incontro con l’artista aperto al pubblico

a seguire ore 17.30

Concerto per violino solo

Musiche di J.S. Bach, F. Kreisler, I. Stravinskij, E. Ÿsaÿe

Venerdì 11 maggio 2018

ore 17.30 | Palazzo Assessorile

Orchestra giovanile Williams della scuola di Musica C. Eccher

Viaggio musicale nel ‘900 definito il secolo breve – Direttore Pierpaolo Albano

Musiche di A. Dvorak, C. Gounod, P. Desmond, H. Mancini, A. Piazzolla

Venerdì 18 maggio 2018

ore 17.30 | Palazzo Assessorile

Massimo Leonardi Vihuela – La chitarra del rinascimento

dedicata alle musiche spagnole e italiane del secolo XVI.

Una vita per la musica | Concerto conferenza

Musiche di Luys Milan, Alonso Mudarra, Luys De Narvaez, Diego Pisador, Francesco da Milano, Enriquez Valderrabano, Miguel D Defuenllana, Esteban Daza.

Sabato 26 maggio 2018

ore 18.00 | Auditorium del Polo Scolastico Russell, Via IV Novembre 35

L’Orchestra che diletto” e l’”Ensemble di Percussioni” con gli Allievi della Scuola di Musica C. Eccher e G. Gallo

Musiche di S. Nelson, B. Bartok, F. Grieg, T. Blaison, G. Verdi, N. Piovani, J. Herndon, R. Hicks, J. Willmarth, J. Spears

a cura dei docenti Federico Agnello, Pierpaolo Albano, Emanuela Morelli, Nicola Fadanelli, Matteo Rinaudo

PubblicitàPubblicità
Continua a leggere

Val di Non – Sole – Paganella

24 aule, 6 laboratori e una palestra per il nuovo Liceo Russell

Pubblicato

-

CLES – La nuova succursale del Liceo Russell di Cles sta per prendere forma.

L’architetto Claudio Pisetta, dirigente del Servizio Opere civili della Provincia, ha infatti approvato il progetto esecutivo per l’approntamento del terreno sul quale sarà costruito l’edificio, ovvero l’area dell’ex conceria Dusini.

Quest’intervento rientra del progetto di una riorganizzazione generale del Polo scolastico del capoluogo noneso, che intende riunire nella stessa area tutti gli istituti superiori: il liceo, l’istituto tecnico Pilati e l’Upt.

Pubblicità

Progetto per cui lo scorso anno la giunta provinciale ha messo a disposizione 9,9 milioni di euro. 

Il progetto della nuova succursale del Russell prevede la riconversione dell’area produttiva ex Dusini, che confina con il Polo scolastico già esistente, nel quale si trovano degli Istituti di secondo grado (Russell e Pilati) e una scuola professionale (Enaip).

Il programma realizzativo prevede la suddivisione dell’intervento in tre unità autonome funzionali: la nuova succursale del Liceo, la nuova palestra e un parcheggio in superficie.

La struttura, che si svilupperà su tre piani, ospiterà 24 aule, 6 laboratori, una biblioteca, un’aula insegnanti e uno spazio di collegamento con la scuola esistente. Sarà un edificio a “energia quasi zero” e verrà certificato Leed con il livello Gold.

La costruzione della nuova sede del “Russell” è suddivisa in tre lotti: l’approntamento dell’area, appena approvato, la costruzione della sede e le sistemazioni esterne, al momento ancora in fase di progettazione.

Il progetto esecutivo del primo lotto prevede uno scavo e la rimodellazione dell’area necessaria alla realizzazione del nuovo edificio e la spesa complessiva per i lavori previsti ammonta a 498.189,78 euro, dei quali 452.899,80 euro per lavori in economia (compresi oneri della sicurezza non soggetti a ribasso).

L’affidamento dei lavori è previsto entro il 30 luglio mentre entro la fine dell’anno si conta di affidare l’appalto dei lavori dell’edificio, il cui costo complessivo è pari a 9 milioni di euro.

Per i lavori è previsto un anno e mezzo di tempo.

Successivamente seguirà la realizzazione della palestra e la sistemazione delle aree esterne, per un costo complessivo previsto pari a 4 milioni di euro.

PubblicitàPubblicità
Continua a leggere

Iscriviti alla Newsletter

Archivi

Categorie

Archivio

di tendenza

fortemalia inserto magazine

fortemalia.it