Connect with us

Spettacolo

Nadia Toffa ritorna alle Iene: «Ho avuto un cancro»

Pubblicato

-

Nadia Toffa è tornata ieri sera alla conduzione de Le Iene.

Fra la sorpresa generale la iena Toffa ha deciso  di raccontare i suoi ultimi due mesi dopo il malore, spiegando così la natura della sua malattia. “Ho avuto un cancro. In questi mesi mi sono curata: prima ho fatto l’intervento, poi la chemioterapia e la radioterapia. L’intervento ha tolto interamente il tumore, ma poteva esserci una piccola cellula rimasta e quindi ho seguito i consigli del medico e ho seguito le cure previste. Ora è tutto finito: il 6 febbraio ho finito la radio e la chemio”.

Le Iene Nicola Savino e Matteo Viviani, al fianco di Nadia Toffa al momento della confessione, sono scioccati, e l’accompagnano con parole di vicinanza.

PubblicitàPubblicità

La conduttrice continua  poi il suo racconto: “Non lo sapeva nessuno. Ho pensato tanto a questo momento… Fra di noi c’è sempre stata sincerità“, dice la Iena, rivolgendosi al pubblico, “e quindi voglio condividere con voi quanto successo. Mi sono appuntata alcune cose, a mano, come si faceva a scuola. Sono molto emozionata, non è facile”.

Nicola Savino le chiede se il malore fosse legato al tumore. Nadia Toffa risponde: “La fortuna è stata proprio che dopo lo svenimento ho fatto un accertamento, un check-up completo”.

Ma ci tiene a rassicurare tutti: “Ora sto benissimo. E rispetto a quello che mi è successo penso non ci sia assolutamente niente di cui vergognarsi, anzi. Ho solo perso qualche chilo, non mi vergogno neanche del fatto che sto indossando una parrucca, questi non sono i miei capelli. Non vi nascondo che ci sono stati momenti difficili. Quando vedi le prime ciocche di capelli che ti rimangono in mano è un momento molto forte. Mi è venuta in mente Gabriella, la bambina di Taranto che mi aveva raccontato di quanto avesse sofferto quando le erano caduti i capelli dopo che si era ammalata. Gabriella, ti ringrazio, perché ti ho pensato: se ce la fa uno scricciolo come te, allora ce la posso fare anch’io!” E aggiunge: “Mi sento orgogliosa anche di sapere cosa hanno provato le persone che ho intervistato per anni che combattevano contro il cancro, dalla Terra dei fuochi all’Ilva di Taranto”.

Parla poi a nome dei malati di cancro, e fa un appello: “Spesso per rispetto si tende ad avere una certa delicatezza con la persona che ha avuto un cancro. Invece vi chiedo normalità: continuate a prendermi in giro, a fare tutto come se non fosse successo niente, perché senza volerlo potreste farmi del male. Anche a voi che mi incontrate per strada: trattatemi come sempre, anche criticandomi se lo ritenete. Non trattateci da malati, noi malati di cancro siamo dei guerrieri, dei fighi pazzeschi!”. E conclude lanciando un monito contro le false cure e i millantatori di guarigioni alternative: “Le uniche cure contro il cancro sono la chemio e la radio. Poi ci sono altre cose che contano: il buonumore, lo stile di vita… Ma non c’è altro che possa curarti che non siano la chemio e la radio“. E la Toffa lancia il suo primo servizio de Le Iene del 2018. Con il suo proverbiale sorriso. Il suo, ne siamo sicuro, è un ritorno definitivo alla trasmissione e alla vita. 

PubblicitàPubblicità

Spettacolo

Cinema, in uscita “La Luce della Luna” patrocinato dall’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti

Pubblicato

-

Uscirà nelle sale entro la fine dell’anno “La Luce della Luna”, l’innovativo progetto filmico patrocinato dall’UICI – Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti e sostenuto da Trentino Film Commission. (altro…)

PubblicitàPubblicità

Continua a leggere

Spettacolo

Il contadino gentiluomo: le magiche emozioni di Alberto Losa

Pubblicato

-

Domenica 6 maggio presso il teatro di Casa Santa Maria a Vigolo Vattaro è andata in scena la 26 esima replica dello spettacolo “Magiche emozioni” ideato, scritto e realizzato da Alberto Losa.

Classe 1950, Losa è un “veterano” del teatro amatoriale avendo iniziato a calcare le scene dei piccoli teatri di paese fin dal 1970, entrando a far parte dapprima della filodrammatica di Calceranica, per poi fondare una sua compagnia teatrale a Trento e tornare a far parte della filodrammatica di Civezzano negli ultimi 15 anni.

Da qualche tempo Losa sente il richiamo forte dell’esperienza da monologhista ed è per questo che sta portando in giro lo spettacolo “Magiche emozioni” , uno splendido e “gentile” pout puorri di momenti poetici, musicali e teatrali che sono stati molto graditi soprattutto nelle strutture di accoglienza per anziani, nelle comunità per persone in difficoltà della Valsugana, del Tesino e della Vigolana e anche in molti piccoli teatri della Val di Cembra e dintorni.

PubblicitàPubblicità

In questa esperienza l’attore tenta di trasmettere allo spettatore magiche e semplici emozioni: ricordi del passato e immagini della natura sapientemente mescolati attraverso semplici supporti tecnologici che permettono così al pubblico di immergersi nella poesia e nella musica a 360 gradi.

L’ispirazione alla creazione dello spettacolo nasce soprattutto nei momenti in cui Losa si immerge in quella che è al sua prima passione: la terra che egli coltiva a mani nude e quotidianamente come lavoro scelto dopo percorsi professionali molto diversi.

Lo spettacolo si conclude per questo con un quadro poetico pieno di speranza e che inneggia ed invita a non perdere mai i propri sogni.

Saranno ancora una volta i sogni quelli raccontati nel prossimo spettacolo del Losa, pronto per l’autunno.

Il mazzo di fiori confezionato appositamente e consegnato di persona ad ogni signora del pubblico rivela l’anima sensibile “del contadino gentiluomo”.

PubblicitàPubblicità

Continua a leggere

Spettacolo

Teatro Arcivescovile Trento: Venerdì 18 maggio «i cinque linguaggi dell’amore»

Pubblicato

-

I cinque linguaggi dell’amore” è uno spettacolo ideato e interpretato da Pierluigi Bartolomei, liberamente tratto dall’omonimo libro dello psicologo americano Gary Chapman: esilarante ma nel contempo molto denso dei contenuti, è indicato per tutti coloro che intendono migliorare – o impostare bene – la propria relazione di coppia, presente e futura.

Nel corso della serata, infatti, verranno presentate e contestualizzate le cinque principali modalità con cui è possibile dire «Ti amo» al proprio partner, tenendo conto della sua specifica sensibilità.

Un evento che, pur con la sua veste leggera della stand-up comedy tanto usata dai comici Crozza e Brignano, permetterà agli spettatori di riflettere sulla bellezza della differenza e della complementarietà tra uomo e donna a pochi giorni dalla Giornata Internazionale della Famiglia che si celebra ogni anno il 15 maggio.

PubblicitàPubblicità

La serata – unica nel suo genere – è promossa da diverse sigle pro-family presenti nel capoluogo trentino: l’Associazione Famiglie Numerose, il Centro di Pastorale Familiare, il Coordinamento Famiglie Trentine, Fatti per Amare, Incontro Matrimoniale, Iner Trentino e il Movimento per la Vita di Trento. A queste realtà si aggiunge il Collegio Arcivescovile, che ospiterà lo spettacolo all’interno del suo Teatro.

L’appuntamento è per venerdì 18 maggio, alle ore 20.30, presso il Teatro del Collegio Arcivescovile. Per chi viene in auto è possibile parcheggiare presso il Seminario Minore

CHI È PIERLUIGI BARTOLOMEI –  Romano, sposato e padre di cinque figli, è preside della Scuola di Formazione Elis, responsabile della Organizzazione Non Governativa che promuove programmi di cooperazione allo sviluppo nei 5 continenti e docente di comunicazione efficace e public speaking.

Un passato da aspirante attore cinematografico e una forte passione per il teatro specialmente per il cabaret. Durante l’università ha coltivato un altro grande desiderio, quello per il canto, partecipando a numerose feste di piazza con un complesso musicale noto soprattutto nel centro Italia.
Ora gira l’Italia portando da nord a sud lo spettacolo da lui stesso ideato e interpretato: “I cinque linguaggi dell’amore”.

PubblicitàPubblicità
Continua a leggere

Iscriviti alla Newsletter

Archivi

Categorie

Archivio

di tendenza

fortemalia inserto magazine

fortemalia.it