Connect with us

News dalle Valli

Niky’s Cafè e Campo nomadi, due pesi e due misure?

Pubblicato

-

Stessa situazione ma modi di operare diversi? Non lo sappiamo. Questo lo decideranno i lettori. Le incongruenze fra le due situazioni che andiamo a spiegare sono comunque evidenti.

Presso la motorizzazione sono presenti ormai da anni baracche e roulotte di alcune famiglie nomadi che non si capisce bene di cosa vivano che sono parcheggiate abusivamente in barba a regole, postille e leggi sull’edilizia.  La zona è ormai degradata e i costi risultano essere sulle spalle dei contribuenti Trentini.

Le segnalazioni da parte dei cittadini che confermano lo stato di degrado e la mancanza di sicurezza, anche per chi osa avvicinarsi al campo, sono state centinaia in questi anni, rimaste purtroppo inascoltate.

PubblicitàPubblicità

Il campo Rom è stato dichiarato abusivo anche dallo stesso Sindaco di Trento Alessandro Andreatta che ha ammesso la cosa rispondendo ad un’interrogazione di consigliere comunali della Lega Nord. Ma i Rom rimangono tranquillamente nella zona della motorizzazione, senza nessun permesso o concessione edilizia, non rispettando nemmeno le più semplici  regole di convivenza civica.

Anche la veranda del Niky’s Cafè realizzata sul marciapiede dalla parte di via Matteotti è abusiva e quindi va subito sgomberata. 

È stato deciso dopo un controllo del dirigente del Servizio attività edilizia – Ufficio controllo e contenzioso del Comune che ha riscontrato alcune irregolarità edilizie. Il termine entro il quale provvedere è fissato al 28 febbraio prossimo.

A seguito di alcuni controlli la struttura risulta realizzata «in assenza di idoneo titolo edilizio» e pertanto «da considerarsi abusiva» secondo l’ordinanza.  La struttura esiste da 20 anni.

La società Niky’s Cafè srl è titolare di una concessione dal settembre del 2014 (con scadenza alla fine del 2019) grazie alla quale può occupare un pezzo di via Matteotti con una veranda di 20 metri quadrati, un box di condensazione e alcune fioriere, versando la corresponsione del canone Cosap, sempre regolarmente pagato.

In questo caso la legge sarà uguale per tutti?

PubblicitàPubblicità

Rovereto e Vallagarina

Addio a Lino Pilati, ex sindaco di Avio

Pubblicato

-

Si svolgeranno domani alle 15 alla Pieve di Avio i funerali dell’ex sindaco Lino Bruno Pilati, di 70 anni, scomparso improvvisamente, era malato da tempo.

Noto politico e amministratore locale, nonché convinto autonomista, sempre al servizio della comunità, guidò il comune con rigore, trasparenza e rispetto per le istituzioni, come ricorda il figlio Marco anche lui consigliere comunale del Partito Autonomista Trentino Tirolese.

Alla ribalta delle cronache politiche fin dalla metà degli anni ’80, epoca in cui i consiglieri del Patt nel comune di Avio erano all’opposizione, con il suo carattere forte e deciso, si distinse per gli accesi scontri in consiglio comunale, mettendo in seria difficoltà la compatta maggioranza democristiana, creando nuovi gli equilibri politici.

PubblicitàPubblicità

Eletto sindaco di Avio nel 1995, traghettò il comune verso una gestione a maggioranza autonomista, che con entusiasmo e ottime doti di amministratore diresse fino al 2000, lasciando un marchio indelebile nella vita del paese.

Rieletto primo cittadino, dopo un duro scontro con Mauro Amadori, consigliere ed esponente del centrosinistra, rimase in carica fino ai primi mesi del 2002 quando Pilati si dimise per la nota vicenda di brogli elettorali, che lo vedevano favorito nella sua elezione; con sentenza del Consiglio di Stato, infatti, l’avversario Mauro Amadori venne confermato primo cittadino di Avio, ma non ebbe certo vita facile, con l’infelice epilogo nel 2007 quando Pilati fa cadere la maggioranza e con lei l’incarico di sindaco dell’ex sfidante.

Il Patt si stringe con affetto intorno alla famiglia di Lino, ricordando il suo esempio di valido amministratore e il suo grande impegno politico unito a una grande passione per l’autonomismo trentino.

PubblicitàPubblicità
Continua a leggere

Val di Non – Sole – Paganella

A Cavareno si parla dell’essere donna tra cyberbullismo, stalking e mobbing

Pubblicato

-

CAVARENO – La Comunità della Val di Non e il Comune di Cavareno, nell’ambito del progetto sulle Pari Opportunità, organizzano l’incontro “Essere donna tra cyberbullismo, stalking e mobbing”. (altro…)

PubblicitàPubblicità
PubblicitàPubblicità
Continua a leggere

Val di Non – Sole – Paganella

In Val di Rabbi alla scoperta delle erbe e dei sapori di montagna

Pubblicato

-

RABBI – Weekend lungo alla scoperta delle erbe e dei sapori di montagna in Val di Rabbi con “La Primavera essenza di Montagna”. (altro…)

PubblicitàPubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Iscriviti alla Newsletter

Archivi

Categorie

Archivio

di tendenza

fortemalia inserto magazine

fortemalia.it