Menù principale

Niky’s Cafè e Campo nomadi, due pesi e due misure?

Stessa situazione ma modi di operare diversi? Non lo sappiamo. Questo lo decideranno i lettori. Le incongruenze fra le due situazioni che andiamo a spiegare sono comunque evidenti.

Presso la motorizzazione sono presenti ormai da anni baracche e roulotte di alcune famiglie nomadi che non si capisce bene di cosa vivano che sono parcheggiate abusivamente in barba a regole, postille e leggi sull’edilizia.  La zona è ormai degradata e i costi risultano essere sulle spalle dei contribuenti Trentini.

Le segnalazioni da parte dei cittadini che confermano lo stato di degrado e la mancanza di sicurezza, anche per chi osa avvicinarsi al campo, sono state centinaia in questi anni, rimaste purtroppo inascoltate.

Il campo Rom è stato dichiarato abusivo anche dallo stesso Sindaco di Trento Alessandro Andreatta che ha ammesso la cosa rispondendo ad un’interrogazione di consigliere comunali della Lega Nord. Ma i Rom rimangono tranquillamente nella zona della motorizzazione, senza nessun permesso o concessione edilizia, non rispettando nemmeno le più semplici  regole di convivenza civica.

Anche la veranda del Niky’s Cafè realizzata sul marciapiede dalla parte di via Matteotti è abusiva e quindi va subito sgomberata. 

È stato deciso dopo un controllo del dirigente del Servizio attività edilizia – Ufficio controllo e contenzioso del Comune che ha riscontrato alcune irregolarità edilizie. Il termine entro il quale provvedere è fissato al 28 febbraio prossimo.

A seguito di alcuni controlli la struttura risulta realizzata «in assenza di idoneo titolo edilizio» e pertanto «da considerarsi abusiva» secondo l’ordinanza.  La struttura esiste da 20 anni.

La società Niky’s Cafè srl è titolare di una concessione dal settembre del 2014 (con scadenza alla fine del 2019) grazie alla quale può occupare un pezzo di via Matteotti con una veranda di 20 metri quadrati, un box di condensazione e alcune fioriere, versando la corresponsione del canone Cosap, sempre regolarmente pagato.

In questo caso la legge sarà uguale per tutti?






Lascia un Commento

Your email address will not be published. Required fields are marked as *

*