Connect with us

News dalle Valli

Campionati sci protezione civile: prima giornata con le buone prove di Trento e Bolzano

Pubblicato

-

Ieri via ai 15° campionati di Sci della protezione civile con una suggestiva sfilata delle delegazioni, che ha portato per le vie di Cogolo di Pejo alcune centinaia di atleti in rappresentanza di tutta Italia. Il tripode è stato acceso dall’olimpionico di fondo Cristian Zorzi, tedoforo d’eccezione. A Pejo c’era anche anche Miss Italia, Alice Rachele Arlanch.

Oggi nella prima giornata di gare sono arrivati i primi risultati, con le competizioni di slalom gigante e di snowboard, disputate entrambe sulla pista Saroden questa mattina: il medagliere parziale dice che ci sono state tre vittorie a testa per la Provincia autonoma di Trento e per la Provincia autonoma di Bolzano.

La graduatoria per regioni verrà però ufficializzata al termine dell’ultima giornata di gare, domani, dopo le prove di sci alpinismo, che si disputa nel tardo pomeriggio di oggi, e di fondo, in programma domattina.

PubblicitàPubblicità

Quelle di oggi sono state due gare partecipate, con oltre 250 tra sciatori e rider in gara, provenienti da tutte le regioni d’Italia. Nello slalom la miglior prestazione assoluta l’ha fatta registrare uno sciatore della categoria A, ovvero dei più giovani.

Al termine del tracciato allestito dal tecnico Stefano Battistini ha infatti primeggiato lo sciatore della Val di Sole Matteo Longhi, che ha chiuso la sua prova con il tempo di 59”83, precedendo sul podio di categoria Lorenzo Chiesa e Kevin Sieff, entrambi alfieri della squadra del Trentino.

Le altre affermazioni del Trentino sono giunte nella categoria B maschile con Mauro Benvenuti e nella categoria B femminile con Emanuela Pedrotti. Le tre medaglie d’oro ottenute dalla squadra della Provincia autonoma di Bolzano sono invece di Thomas Mair nella categoria C maschile, anche lui sotto il muro del minuto, con il tempo di 59”96, da Paul Perkmann nella D maschile e da Florian Augschoeell nella E maschile.

Nella categoria A femminile, invece, il podio è integralmente toscano, grazie alla vincitrice Simona Uffredi, che ha preceduto Alessia Mugnai Poggesi e Francesca Giannini.

Nelle altre categorie, argento per Roland Pflug (Bolzano) nella C maschile, per Simon Schrott (Bolzano) nella B maschile, per Wilfried Obex (Bolzano) nella D maschile, per Gianni Sassella (Lombardia) nella E maschile e per Veronica Tretter (dipartimento Nazionale) nella B femminile; quindi bronzo per Manfred Kruselburger (Bolzano) nella C maschile, per Fabio Donati (Lombardia) nella B maschile, per Livio Zugnoni (Lombardia) nella E maschile, per Maurizio Deflorian (Trento) nella D maschile e per Cristina Pedrinolla nella B femminile (Trento).

Per quanto riguarda lo snowboard miglior tempo nella prova femminile per Ilenia Rossi delle Marche, davanti a Simona Uffredi della Toscana. Al maschile vittoria umbra con Alessio Merolla, che ha preceduto Ashley Ruffoni della Lombardia e Tiziano Canella di Trento.

PubblicitàPubblicità

Rovereto e Vallagarina

Addio a Lino Pilati, ex sindaco di Avio

Pubblicato

-

Si svolgeranno domani alle 15 alla Pieve di Avio i funerali dell’ex sindaco Lino Bruno Pilati, di 70 anni, scomparso improvvisamente, era malato da tempo.

Noto politico e amministratore locale, nonché convinto autonomista, sempre al servizio della comunità, guidò il comune con rigore, trasparenza e rispetto per le istituzioni, come ricorda il figlio Marco anche lui consigliere comunale del Partito Autonomista Trentino Tirolese.

Alla ribalta delle cronache politiche fin dalla metà degli anni ’80, epoca in cui i consiglieri del Patt nel comune di Avio erano all’opposizione, con il suo carattere forte e deciso, si distinse per gli accesi scontri in consiglio comunale, mettendo in seria difficoltà la compatta maggioranza democristiana, creando nuovi gli equilibri politici.

PubblicitàPubblicità

Eletto sindaco di Avio nel 1995, traghettò il comune verso una gestione a maggioranza autonomista, che con entusiasmo e ottime doti di amministratore diresse fino al 2000, lasciando un marchio indelebile nella vita del paese.

Rieletto primo cittadino, dopo un duro scontro con Mauro Amadori, consigliere ed esponente del centrosinistra, rimase in carica fino ai primi mesi del 2002 quando Pilati si dimise per la nota vicenda di brogli elettorali, che lo vedevano favorito nella sua elezione; con sentenza del Consiglio di Stato, infatti, l’avversario Mauro Amadori venne confermato primo cittadino di Avio, ma non ebbe certo vita facile, con l’infelice epilogo nel 2007 quando Pilati fa cadere la maggioranza e con lei l’incarico di sindaco dell’ex sfidante.

Il Patt si stringe con affetto intorno alla famiglia di Lino, ricordando il suo esempio di valido amministratore e il suo grande impegno politico unito a una grande passione per l’autonomismo trentino.

PubblicitàPubblicità
Continua a leggere

Val di Non – Sole – Paganella

A Cavareno si parla dell’essere donna tra cyberbullismo, stalking e mobbing

Pubblicato

-

CAVARENO – La Comunità della Val di Non e il Comune di Cavareno, nell’ambito del progetto sulle Pari Opportunità, organizzano l’incontro “Essere donna tra cyberbullismo, stalking e mobbing”. (altro…)

PubblicitàPubblicità
PubblicitàPubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Val di Non – Sole – Paganella

In Val di Rabbi alla scoperta delle erbe e dei sapori di montagna

Pubblicato

-

RABBI – Weekend lungo alla scoperta delle erbe e dei sapori di montagna in Val di Rabbi con “La Primavera essenza di Montagna”. (altro…)

PubblicitàPubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Iscriviti alla Newsletter

Archivi

Categorie

Archivio

di tendenza

fortemalia inserto magazine

fortemalia.it