Menù principale

Liberato subito dopo la sentenza.

Aggressione ai poliziotti e spaccio di droga: un anno con pena sospesa al tunisino.

È stato condannato ad un anno con pena sospesa il cittadino tunisino responsabile dell’aggressione ai due poliziotti ieri sera in via Pozzo a Trento. (qui articolo)

Dopo il durissimo scontro i due operatori della squadra volante hanno dovuto ricorrere alle cure mediche.

I reati contestati all’uomo, processato stamani per direttissima, sono stati resistenza a pubblico ufficiale e possesso di stupefacenti.  Il tunisino che è risultato avere vari «alias» e precedenti penali, ed è risultato senza fissa dimora, è stato liberato dopo la sentenza.

Gli Agenti della Polizia avvicinati al termine del processo non hanno voluto rilasciare dichiarazioni, ma dai loro volti traspariva una certa delusione ed insofferenza per gli esiti del processo.

Possiamo solo tentare di indovinare i pensieri dei due poliziotti che per rispetto della divisa non hanno proferito parola alla fine del processo. E forse non solo i loro ma anche quelli di molti italiani.

Quindi un soggetto clandestino e senza fissa dimora dedito a commettere reati e vivere del provento di attività illecite, con precedenti, può permettersi di compiere azioni del genere usando violenza contro le Forze dell’Ordine ed una volta arrestato viene subito rilasciato e messo quindi in condizione di ripetere gli stessi reati, magari facendo male a qualcuno.

Non solo, non viene nemmeno espulso dal territorio. È fin troppo semplice pensare che davvero ci sia qualcosa che non funziona.






Un commento A Aggressione ai poliziotti e spaccio di droga: un anno con pena sospesa al tunisino.

  1. ANTERO ha detto:

    W I D S !

Lascia un Commento

Your email address will not be published. Required fields are marked as *

*