Menù principale

Per «Telethon»….a passo di danza!

Torna anche quest’anno l’atteso appuntamento “SOLIDARIETÀ A PASSO DI DANZA”, serata a favore di Telethon con i giovani danzatori trentini. E’ dal 2013 che questo progetto continua a mobilitare diverse scuole del territorio che, attraverso il linguaggio multiforme della danza, si rendono disponibili per la raccolta di fondi a sostegno della ricerca.

Nella serata di stasera, venerdì 1 dicembre 2017, a partire dalle ore 21.00, si esibiranno a Rovereto sul palcoscenico del Teatro Zandonai: Artedanza di Trento (diretta da Fabrizio Bernardini), Artea di Rovereto (diretta da Elisa Colla), CDM di Rovereto (diretta da Paolo Gabriele Sfredda), Danzamania di Rovereto (diretta da Lorenzo Ongaro), DiDanza di Rovereto in collaborazione con la compagnia 3D/3Dinamiche (dirette rispettivamente da Francesca Laghi e Francesca Manfrini), Gardadanze di Rovereto (diretta da Riccardo Morelli) e Tersicore-spazio danza di Rovereto (diretta da Pierita Dalrì).

Sarà una vera e propria maratona che passerà dalla danza classica, all’hip hop alla danza moderna e contemporanea, coinvolgendo un centinaio di allievi, dai bambini agli adulti. Un’occasione quindi anche quest’anno per mostrare, su un palcoscenico di prestigio, il prodotto artistico di ciò che spesso rimane fra le mura delle singole scuole.

A presentare la serata Stefano Bencompagnato, roveretano, cabarettista, conduttore e showman, che da anni calca i palchi teatrali divertendo grandi e piccoli.

Dopo i suoi molteplici lavori in TV e in teatro, torna in Trentino per questa importante occasione a sostegno della solidarietà. Tra le sorprese, una piccola e inedita anticipazione di un progetto freschissimo, intitolato “Scrigno Mòcheno”, a cui hanno partecipato lo stesso Stefano Bencompagnato e FULBER – Creazioni di Fulvio Bernardini.

Una serata in cui arte, danza e ricerca scientifica creeranno un connubio vincente.

Poiché, come afferma Sabrina Borzaga, co-ideatrice del progetto insieme al gruppo BNL nella persona di Claudio Giunta, direttore Sede di Trento: «La danza è un po’ come la solidarietà e la ricerca, non si racconta, si fa e si agisce».

I biglietti d’ingresso si possono acquistare presso le sedi delle varie scuole di danza e saranno disponibili il giorno dell’evento presso la biglietteria del Teatro Zandonai, a partire dalle ore 20.00.






Lascia un Commento

Your email address will not be published. Required fields are marked as *

*