Menù principale

Tensioni al Brennero, molti migranti tentano di ritornare in Italia.

Tensioni nella giornata di Venerdi 10 novembre 2017 al Brennero quando nel primo pomeriggio alcuni migranti hanno tentato di entrare in Italia. L’episodio avvenuto l’altro giorno non sarebbe comunque isolato.

Sul treno regionale REX 5216 – Kufstein-Innsbruck-Brennero erano presenti 4 migranti provenienti dalla Germania.  Uno di loro aveva apposto sullo zaino il sigillo giallo che segnala che il bagaglio è stato già controllato. Gli agenti della polizia in collaborazione con gli Alpini hanno intercettato il gruppetto sulla pensilina del binario tronco nord.

Dopo la verifica gli agenti hanno confermato che solo uno di questi era in regola con i documenti e quindi in grado di continuare sulla tratta Bolzano –  Trento –  Verona. Per gli altri invece l’unica strada era quella del ritorno che andava effettuato con il convoglio OeBB, che da li a poco sarebbe partito in direzione Innsbruck.

A questo punto uno dei migranti, mentre stava per essere caricato sul treno,  ha cominciato a innervosirsi per poi dare in escandescenza. «Ammazzatemi – ha cominciato a gridare rivolto agli agenti – i miei genitori sono morti, ammazzate anche me, io non voglio tornare in Germania, voglio andare in Italia». 

Dopo le grida il migrante è passato ai fatti bloccando la porta del convoglio in partenza. Ci sono voluti molti minuti per far ritornare la calma. Nel frattempo il treno è partito, con notevole ritardo, senza nessuno dei 3 migranti respinti, che sono quindi rimasti in Italia. Purtroppo il passaggio di molti migranti alla frontiera del Brennero di ritorno in Italia è un fenomeno in notevole aumento.

Tiroler Tageszeitung attraverso un’inchiesta conferma il fenomeno e segnala che molti di questi migranti in realtà sono spacciatori e corrieri della droga. Lo stesso giornale alto Atesino mette in luce come stia nascendo una vera «mafia» Afgana che si sta sostituendo ai nord africani nel controllo della spaccio della droga in Trentino Alto Adige. Gli afgani – riporta sempre Tiroler Tageszeitung – sarebbero  pericolosissimi perché vantano una grande esperienza e formazione alla guerriglia.

Foto di Gerhard Kernstock

print






Lascia un Commento

Your email address will not be published. Required fields are marked as *

*