Menù principale

Il ricordo degli amici della pallamano

Sabato la seconda edizione del memorial «Sergio Normani»

Al PalaMarchetti di Rovereto sabato 9 settembre prende via il 2° Memorial  «Sergio Normani», in memoria dell’indimenticabile atleta pluri medagliato della pallamano roveretana.

La festa però inizierà già  venerdì 8 settembre, alla sera, presso gli spazi de “ Na Festa per Tuti “ alla Sacra Famiglia, dove più complessi musicali della città suoneranno e ricorderanno Sergio Normani.

«Sono già passati poco più di due anni dalla prematura scomparsa di Sergio, – ricordano in una nota i Master della Pallamano di Rovereto – ma in tutti noi è rimasto fortissimo il suo ricordo e la nostalgia del suo sorriso e del suo contagioso entusiasmo. Sergio manca molto alla sua famiglia, alla sua Lorella, a suoi figli Sabrina e Simone, ma manca moltissimo anche a tutti noi.

Sergio Normani, infatti, per il mondo dello sport e della musica della nostra Rovereto è stato e rimarrà per sempre una colonna insostituibile, tanto erano la forza e la passione che lui metteva in ogni cosa che faceva.

Con la maglia della pallamano roveretana ha vinto più scudetti e più Coppa Italia, è stato atleta azzurro, è stato portiere “ rivoluzionario “ per tecnica e per naturali capacità reattive, è stato un compagno di squadra affidabile, un vero trascinatore.

Nella musica è stato artista molto versatile, dalla chitarra alle tastiere, con aggiunta una voce unica per calore e tonalità. Con “ L’anima del suono “, il suo gruppo storico, sapeva spaziare con disinvoltura e abilità uniche dal rock più hard alle melodie più romantiche.

In tutto questo prevaleva sempre la sua innata modestia, quella dei veri uomini, quella di chi mette a proprio agio tutti, di chi sa ascoltare, di chi sa aiutare, di chi sa essere decisivo, di chi sa costruire e mantenere le vere amicizie.

Questo sabato 9 settembre, lo ricorderemo con immenso affetto con il 2° Memorial “ Sergio Normani “ di pallamano maschile e femminile, che si svolgerà nel pomeriggio al PalaMarchetti di Rovereto. Ci stringeremo ancora ai suoi amatissimi Lorella, Sabrina e Simone, e sorridendo, come avrebbe voluto sicuramente lui, citeremo anche quel “ balom e musica “, che ha costituito la linfa e l’essenza della sua vita».






Lascia un Commento

Your email address will not be published. Required fields are marked as *

*