Menù principale

Volley, semifinale 4: Perugia – Diatec 3-0. Sarà gara 5, spareggio al PalaTrento

Tre set a zero è un punteggio pesante, ma la Diatec ha lottato sempre punto a punto contro Perugia. Al PalaEvangelisti però non c’è storia.

Il pubblico e la carica agonistica sono sempre stati dalla parte della squadra di Bernardi nei momenti importanti.

Atanasijevic ha fatto la differenza. Per Trento qualche singolo in ombra, la sconfitta della finale di coppa Cev si è fatta ancora sentire. Adesso si gioca la decisiva gara 5 per andare in finale e si giocherà al PalaTrento sabato prossimo 22 aprile.

PRIMO SET – Lo starting six della Diatec Trentino non offre particolari sorprese: Lorenzetti conferma Giannelli in regia, Stokr nel ruolo di opposto, Urnaut e Lanza in posto 4, Solé e Van de Voorde al centro, Colaci libero. La gara è subito equilibrata, Trento con Solé ottiene il primo break (6-4), a cui però i padroni di casa replicano immediatamente con Atanasijevic (8-8); la fase centrale è lottata punto a punto (11-11, 13-13) con le rispettive fasi di cambiopalla che funzionano bene anche per merito di Giannelli e De Cecco. Quando al servizio va Berger gli umbri accelerano decisi (14-18), sfruttando anche un ace dell’austriaco e gli attacchi dell’opposto serbo. La Diatec Trentino con Antonov al servizio e con Lanza in attacco ricuce lo strappo sino al 18-19. Bernardi interrompe il gioco e alla ripresa la sua formazione piazza un parziale di 3-6 ispirato dal solito Berger che chiude i conti nel primo set sul 21-25 interno.

SECONDO SET – Primo allungo con doppio vantaggio è l’8-6 Trentino. Pareggio di Perugia sul 13-13 con il muro di Birarelli su Solè. Nuovo allungo e pronto recupero di Perugia che passa avanti murando Van de Voorde. L’ace di Atansijevic frutta il 22-20 in un momento molto delicato. Trento commette due errori pesanti e dà 4 set point a Peerugia. Urnaut sbaglia servizio. 25-21.

TERZO SET – Nel terzo set la Sir Safety Conad prende subito in mano il punteggio (2-4, 5-8) affondando il colpo col servizio. Trento non si arrende e con Van de Voorde risale la china sino al 12-11; Atanasijevic inverte nuovamente la tendenza (14-15) ma poi si gioca punto a punto sino in fondo (18-19, 21-20, 23-22) con le due formazioni che alzano il proprio livello difensivo. Allo sprint decidono Atanasijevic e Podrascanin (23-25).






Lascia un Commento

Your email address will not be published. Required fields are marked as *

*