Menù principale

Appalti pulizie Ateneo Trentino in odore di camorra, Fugatti: «Ora aprire bandi ad aziende Trentine»

Della società Kuadra s.p.a. il nostro giornale ne aveva parlato, nel giugno del 2016, l’indomani di alcuni arresti che avevano decapitato i vertici dell’azienda. (qui l’articolo)

La società Kuadra S.p.A., con sedi a Napoli, Roma e Genova, è specializzata nel settore delle pulizie, con numerosi clienti pubblici e privati sparsi su tutto il territorio nazionale.

Sulla società in questione e sugli intrecci camorristici stamane in conferenza stampa ne ha parlato anche il consigliere provinciale della Lega Nord  Maurizio Fugatti che ha presentato alla giunta provinciale una dettagliata interrogazione.

Uno dei clienti  della Kuadra s.p.a. è l’ateneo trentino che ha liquidato fino al 17 dicembre 2015 con procedura negoziata privata senza bando 1.011,863 milioni di euro più altri due importi di circa 18 mila euro ciascuno. 

I tre appalti con le conseguenti erogazioni di denaro sono state destinate alle tre Kuadra s.p.a. con ragione sociale a Napoli Roma e Genova. Tutta la procedura era stata seguita dal funzionario provinciale Rinaldo Maffei.

La Direzione Distrettuale Antimafia di Napoli e la Squadra Mobile avevano scoperto, con il contributo del Servizio Polizia Postale e delle Comunicazioni di Roma, un’intreccio camorra/imprenditoria che vedrebbe coinvolta la Kuadra s.p.a. che tutt’ora si occupa delle pulizie all’interno dell’ateneo Trentino. 

L’inchiesta avrebbe portato alla luce un raccapricciante intreccio di camorra e imprenditoria e ha condotto all’arresto 12 persone tra cui amministratori e consulenti della società Kuadra, esponenti di spicco del Clan Lo Russo (con il quale la società, secondo l’inchiesta, sembrerebbe avere di fatto un legame diretto) e dipendenti dell’Ospedale pediatrico.

Un altro filone dell’indagine, poi, avrebbe visto M.A. – noto esponente della società su cui la memoria del Boss pentito M. Lo Russo si sarebbe a lungo focalizzata (da quanto dice il 16.06.2016 “Il Mattino” cronaca di Benevento) – accusato di corruzione internazionale per un investimento immobiliare ad Antigua.

E se non bastasse, ancora a gennaio 2016, la società assieme ad altre tre imprese operanti nel settore delle pulizie (Cns, Manutencoop Facility Management, Roma Multiservizi) sarebbe finita nel mirino dell’Antitrust e sanzionata con 110 milioni di euro, per aver condizionato una gara d’appalto della Consip.

Ma a Maurizio Fugatti interessano gli intrecci fra camorra e Provincia di Trento. Infatti pare che la società in questione, dal 1 febbraio 2011 ed ancora oggi, annoveri tra i propri clienti anche l’Università degli Studi di Trento, per la quale gestisce il servizio di pulizie.

Fugatti è riuscito a risalire grazie ad una complessa indagine eseguita  sul sito istituzionale dell’Ateneo trentino, a tutti i lavori affidati a Kuadra Spa, nonostante i vertici siano finiti in manette.

Nel primo semestre del 2015 l’ateneo di Trento rinnova il servizio di pulizia e giardinaggio per le sedi di Trento, Mattarello e Pergine Valsugana per un valore 505.931,90 euro più iva.

Nel primo semestre del 2016 per gli stessi servizi dalle casse escono 502.522,24 Euro più iva, mentre nel secondo semestre 419.273.53 euro più iva

Il servizio di pulizia per le sedi dell’Ateneo di Trento, Mattarello e Pergine Valsugana dal 1° dicembre 2016 fino al 31 di marzo 2017 è costato ai contribuenti ben 312.136,85 euro più iva.

Tutti e quattro gli affidamenti sarebbero avvenuti con lo stesso tipo di procedura, ovvero procedura negoziata senza indizione di gara, come previsto all’articolo 31 della direttiva 2004/18/CE del 31 marzo 2004 [relativa al coordinamento delle procedure di aggiudicazione degli appalti pubblici di lavori, di forniture e di servizi]:

Non è ben spiegato il perché nelle ultime due aggiudicazioni relative ai periodi 1.7.2016-30.11.2016 e 01.12.2016-31.03.2017 viene fornita un’ulteriore specifica, che si riporta testualmente:

“Spiegazione: attesa attivazione Convenzione CONSIP di riferimento. UniTrento è obbligata ad approvvigionarsi attraverso le convenzioni stipulate da Consip S.p.a. (o da centrali di committenza regionali). Nello specifico nel marzo 2014 CONSIP S.p.a. ha bandito la gara per «Convezione Facility management 4» che comprende i servizi di pulizia negli immobili in uso alle istituzioni universitarie. La data di fine procedimento è stata differita da CONSIP S.p.a. in più occasioni (di trimestre in trimestre) e, alla data del provvedimento di aggiudicazione, il portale di riferimento della Società (www.acquistinretepa.it) riportava come data presunta di fine procedimento di gara il IV trimestre 2016. Tale circostanza, ai sensi dell’art. 63, comma 2, lettera c) del decreto legislativo n. 50/2016, non consente il rispetto dei termini previsti dalla normativa per l’esperimento di una procedura di gara.”.

Fugatti in conferenza stampa ha fatto presente che la gara per “Convenzione Facility management 4” è al momento sospesa, secondo informazioni assunte da organi di stampa (“Il Fatto Quotidiano” del 15.03.2017), in quanto essendo state le società Cns, Manutencoop Facility Management, Roma Multiservizi e Kuadra nel gennaio 2016 sanzionate per avere condizionato una gara di appalto della Consip, ci sarebbe una lettera della Consip all’ANAC di Raffaelle Cantone per sapere cosa deve fare la Consip stessa con le gare successive a cui hanno partecipato le quattro società suddette. Questo continuo allungamento dei tempi sarebbe quindi dovuto alla mancata decisione di Consip che si sarebbe rivolta all’ANAC.

«Considerati i risvolti delle indagini del mese di giugno 2016,  – aggiunge Maurizio Fugatti – ci si chiede per quale motivo l’Università di Trento non abbia sospeso il secondo incarico affidato (termine del servizio 30.06.2016) e abbia ritenuto opportuno invece prorogare a Kuadra Spa il servizio fino al 31.03.2017 con due distinti affidamenti. Per quale ragione, visti i tempi prolungati di Consip, APAC (soggetto aggregatore per la PAT) non abbia ritenuto utile attivare una convenzione ad hoc per il servizio di pulizia visto che le ha già in essere nelle aree merceologiche “Energia elettrica e gas”? Inoltre si vuole capire se si intenda prorogare ulteriormente l’assegnazione a Kuadra Spa, nel caso in cui Consip continui a prorogare il termine di fine procedimento per l’attivazione della Convenzione Facility Management 4».

Si tratta insomma di una vicenda insolita che merita da parte della Provincia una particolare attenzione. Il consigliere provinciale della Lega Nord nella sua interrogazione chiede alla giunta Rossi se sia al corrente che l’Ateneo trentino abbia affidato la gestione del servizio di pulizie alla società Kuadra S.p.a. a partire dal 2011 e che nonostante i risvolti delle indagini avviate dalla procura circa l’esistenza di un intreccio camorra/imprenditoria (che hanno portato anche all’arresto di alcuni membri dell’azienda) l’Ateneo abbia continuato ad affidare alla medesima società la gestione del servizio e attraverso quali modalità sia stato affidato l’appalto a Kuadra Spa nel 2011, quando la stessa è subentrata alla Tecknobrill nella gestione del servizio, e quale sia stato il criterio di aggiudicazione adottato;

Maurizio Fugatti poi chiede anche se nel caso in cui CONSIP Spa continui a prorogare il termine di fine procedimento per l’attivazione della Convenzione Facility Management 4, se l’Università intenda continuare ad assegnare a Kuadra Spa l’appalto per i servizi di pulizia e di giardinaggio dell’Ateneo e nel caso in cui sia così se si ritenga opportuno operare in tal senso e per quale motivo, considerata anche la procedura di affidamento adottata, non sia stata identificata un’azienda trentina per svolgere i servizi di pulizia e giardinaggio, appaltati a Kuadra Spa.

«Sarà importante sapere – conclude Fugatti –  anche se la società Kuadra Spa abbia in essere contratti con società della Provincia o società pubbliche di competenza provinciale e nel caso quali siano nel dettaglio i contratti in essere e se si reputi necessario un intervento per chiarire la situazione ed aprire i prossimi bandi alle aziende trentine».






Lascia un Commento

Your email address will not be published. Required fields are marked as *

*