Menù principale

Antenne ed elettrosmog sul passo del Tonale. La preoccupazione dei residenti.

Preoccupazione diffusa per le conseguenze sulla salute, soprattutto dei soggetti deboli: bambini, anziani, ammalati

Non poche perplessità ha destato, l’installazione, in pieno centro abitato, al Passo del Tonale, di una stazione radio base per telecomunicazioni cellulari Vodafone.

Le preoccupazioni degli abitanti sono date, in primo luogo, dalle conseguenze dell’inquinamento elettromagnetico sulla salute dei residenti, soprattutto dei bambini e dei soggetti più deboli (anziani, ammalati).

Secondo la più aggiornata ricerca, gli effetti sulla salute umana dell’elettrosmog sono arciprovati, per cui il legislatore è intervenuto statuendo l’interesse primario della salute su altri interessi.

La complessa normativa che regola la materia, prevede una serie di autorizzazioni ai vari livelli della pubbllica amministrazione propedeutici alla autorizzazione a costruire rilasciata dal Comune di Vermiglio, previo parere della commissione edilizia comunale che aveva in precedenza sospeso l’iter della pratica.

Al di là di qualsiasi altra considerazione, dopo attenta valutazione dei dati in nostro possesso e in attesa di quelli che acquisiremo attraverso specifici atti ispettivi, riteniamo, tuttavia, che la materia, disciplinata normativamente dal combinato disposto europeo e nazionale, con l’indicazione dei limiti di campo elettromagneticopericoloso“, soprattutto nel caso di soggetti con difese immuttarie deboli, quale è il caso dei bambini, degli anziani o di persone malate, non risponde al principio di “precauzione” (art. 32 della Costituzione) che stabilisce il diritto alla salute quale diritto “preventivo“.

Di conseguenza la normativa in vigore contraddice, violandolo, il principio di “Precauzione” che in questi casi si sarebbe dovuto invece applicare!

Il nostro dovere sarà quindi di informare, ma, attraverso l’azione di Associazioni che si occupano della difesa dei cittadini, come in passato abbiamo già operato sul versante dell’uso dei fitofarmaci in agricoltura, soprattutto di agire.






Lascia un Commento

Your email address will not be published. Required fields are marked as *

*