Menù principale

«Baggia&Facchin vs Taverna»: si occupa “Ossigeno per l’informazione”

Della causa promossa dai vertici di Trentino Trasporti – ritenutisi diffamati – per l'articolo "Trentino Trasporti: idrogeno che passione!", pubblicato da Trentino Libero il 30 settembre 2014, abbiamo riferito diffusamente.

In sintesi, Presidente e Vicepresidente di Trentino Trasporti avevano chiesto oltre ad un risarcimento di 60mila euro, anche la cancellazione dell'articolo dal sito di Trentino Libero, ma sia il Tribunale che la Corte d'appello di Trento hanno negato la pretesa.

La vicenda ha destato l'interesse di "Ossigeno per l'informazione" , osservatorio promosso da FNSI (Federazione Nazionale Stampa Italiana) e OdG (Ordine Nazionale dei Giornalisti) sui "cronisti minacciati e sulle notizie oscurate", che oggi pubblica la notizia sul suo giornale telematico.

L'articolo "Trento: Giornalista assolto anche in appello da diffamazione" mette in rilievo il punto saliente dell'ordinanza della Corte di appello di Trento e cioè che l'articolo ha rispettato "la veridicità dei fatti, l'interesse pubblico e la continenza del linguaggio".

"Ovviamente, sono grato a "Ossigeno per l'informazione" per aver raccontato la vicenda che ha visto Trentino Libero e il sottoscritto, "minacciati" nel diritto alla libertà di informazione" ha dichiarato Claudio Taverna 

Ma la diatriba fra Trentino Trasporti, che ricordiamo è una partecipata della provincia autonoma di Trento, e il nostro direttore Claudio Taverna è ora sotto la lente d'ingrandimento del consigliere provinciale Claudio Civettini che ha depositato un'interrogazione a riguardo chiedendo chi pagherà per i danni che la presidente Baggia deve risarcire a Taverna e le spese legali.






Lascia un Commento

Your email address will not be published. Required fields are marked as *

*

CHIUDI
CLOSE