Menù principale

Magrebini ubriachi insultano giovane ragazza al Bar Accademia, fra di loro un minore evaso.

I carabinieri di Trento hanno dato nella serata di ieri, in esecuzione alla misura della custodia cautelare in carcere emessa dal G.I.P. del Tribunale dei minori di Trento nei confronti di Z.A. , tunisino 17 enne, in Italia senza fissa dimora.

Il minore nei primi giorni del 2016 si era allontanato dalla Comunità in cui era stato collocato per espiare la condanna a seguito della denuncia di possesso di sostanza stupefacente ai fini di spaccio. Il 19 dicembre 2015 era stato sorpreso dai militari dell'Aliquota Operativa in via Torre Vanga con alcune dosi già confezionate di marijuana ed eroina e la somma contante di 100 euro.

Nella notte del 23 gennaio a seguito di un intervento effettuato nei pressi del Bar Accademia su richiesta di una giovane ragazza italiana insultata pesantemente da un gruppo di giovani magrebini, e raggiunta al volto da uno sputo da parte del Z.A., i militari operanti dopo aver proceduto all'identificazione dei presenti, molti dei quali visibilmente in stato psico-fisico alterato dall'ingerenza di alcool, e dopo aver riconosciuto nel giovane una "vecchia conoscenza" hanno effettuato una serie di ulteriori verifiche ed appurato che era destinatario di misura cautelare.

Il pesante attacco del gruppo di magrebini verso la ragazza Italiana sarebbe partito solo perché la stessa non avrebbe gradito le pesanti «attenzioni» e «avance»  fatte dal gruppo completamente ubriaco alla sua persona.

Al comando di via Barbacovi i carabinieri hanno anche accertato che il giovane era in possesso di due documenti, una tessera sanitaria ed una tessera degli studenti, provento di furto, e quindi è stato denuciato anche per il reato di ricettazione.

 






Lascia un Commento

Your email address will not be published. Required fields are marked as *

*